Alieni dallo spazio? Trovati “ingredienti grezzi”!

Gli scienziati hanno fatto un passo avanti nella ricerca della vita aliena dopo aver scoperto “serbatoi significativi” di grandi molecole organiche che dicono siano necessarie per formare le basi della vita.

Alieni dallo spazio? Ecco perché!

L’analisi delle impronte digitali uniche è venuta dalla luce emessa dal materiale che circonda le giovani stelle. 

I ricercatori dell’Università di Leeds hanno affermato che le condizioni chimiche di base che hanno creato la vita sulla Terra potrebbero potenzialmente esistere altrove nella galassia. 

illustration of Alien and milky way in the night

Hanno identificato le grandi molecole organiche nei dischi protoplanetari che circondavano le stelle appena formate.

Un disco simile avrebbe un tempo circondato il Sole e portato alla formazione dei pianeti del nostro Sistema Solare.

I ricercatori hanno affermato che la presenza di queste molecole è significativa perché sono “trampolini di lancio” tra molecole più semplici a base di carbonio come il monossido di carbonio, che è abbondante nello spazio , e molecole più complesse necessarie per l’esistenza della vita.

Il team di ricercatori era composto da 16 astrofisici internazionali che si concentrano sullo studio dell’esistenza, della posizione e dell’abbondanza delle molecole precursori necessarie per formare la vita.

Alieni dallo spazio? Ecco perché!

Il dottor John Ilee, ricercatore presso l’Università di Leeds e leader dello studio, ha dichiarato:

“Queste grandi molecole organiche complesse si trovano in vari ambienti nello spazio.

Studi di laboratorio e teorici hanno suggerito che queste molecole sono gli ‘ingredienti grezzi’ per costruire molecole che sono componenti essenziali nella chimica biologica sulla Terra, creando zuccheri, amminoacidi e persino i componenti dell’acido ribonucleico (RNA) nelle giuste condizioni“.

“Tuttavia, molti degli ambienti in cui troviamo queste complesse molecole organiche sono piuttosto lontani da dove e quando pensiamo che si formino i pianeti.

“Volevamo capire di più su dove esattamente e in che quantità queste molecole fossero presenti nei luoghi di nascita dei pianeti: i dischi protoplanetari”.

Molecules with ALMA at Planet-forming Scales

Il programma “Molecules with ALMA at Planet-forming Scales” (MAPS) è stato utilizzato per raccogliere dati dal radiotelescopio Atacama Large Millimetre/submillimetre Array (ALMA) in Cile.

ALMA è stata in grado di rilevare segnali estremamente deboli dalle molecole nelle regioni più fredde dello spazio esterno.

Ha utilizzato una rete di 60 antenne per rilevare i segnali dalle molecole e ogni molecola emette luce a lunghezze d’onda diverse, producendo una distinta “impronta digitale” spettrale.

Alieni dallo spazio? Ecco perché!

Spooky silhouettes of aliens and bright light in background. 3D rendered illustration.

Ciò che fanno le impronte digitali è consentire agli scienziati di identificare la presenza delle molecole e indagare sulle loro proprietà specifiche.

Il dottor Walsh ha dichiarato:

Il potere di ALMA ci ha permesso di misurare per la prima volta la distribuzione e la composizione del materiale che sta attivamente costruendo pianeti attorno a giovani stelle vicine. 

“Il telescopio è abbastanza potente da farlo anche per grandi molecole complesse che sono precursori della vita”.

Il dott. Ilee ha aggiunto:

Se troviamo molecole come queste in abbondanza così grande, la nostra attuale comprensione della chimica interstellare suggerisce che dovrebbero essere osservabili anche molecole ancora più complesse.

“Speriamo di utilizzare ALMA per cercare i prossimi trampolini di lancio della complessità chimica in questi dischi.

“Se li rileviamo, saremo ancora più vicini a capire come gli ingredienti grezzi della vita possono essere assemblati attorno ad altre stelle”.

Altri articoli scelti per te:

Robert Taylor e il misterioso rapimento alieno
Donovan Rossetto ama l'informazione, ma è anche un videogiocatore e scrittore. Con una vasta conoscenza dell'industria videoludica, Rossetto offre una prospettiva unica e interessante su entrambi i temi. Inoltre, come scrittore, Rossetto ha saputo combinare la sua passione per gli UFO e i videogiochi in una serie di articoli e libri che hanno appassionato i lettori di tutto il mondo.
Iscriviti
Inviami notifiche
0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
0
Ehi Sicarios! Vogliamo un tuo parere, lasciaci un commento!x