Oggi vi parlo del volo Santiago 513, dove un aereo è partito dalla Germania nel 1954, ed è atterrato in Brasile nel 1989, con 92 scheletri a bordo.

Il 4 settembre 1954, il volo Santiago 513 decolla dalla Germania dell’Est, diretto a Porto Alegre, in Brasile. Tutto sembrava normale, fino a quando i controllori di volo non hanno perso il contatto con l’aereo, mentre attraversava l’Oceano Atlantico. 

Ancora oggi, la scomparsa di un aereo nella regione provoca una grande mobilitazione, vista la difficoltà di trovare sopravvissuti, immaginiamo più di 50 anni fa.

All’epoca, le autorità presero le misure necessarie, ma il velivolo non fu ritrovato e tutti i passeggeri furono considerati morti. Decenni più tardi, la storia ha preso una svolta sorprendente: il 12 ottobre 1989 l’aereo è apparso sorvolando l’aeroporto di Porto Alegre.

Dopo aver effettuato alcune manovre, l’aereo è atterrato senza alcun contatto con la torre di controllo, situazione molto strana e pericolosa. Pertanto, una squadra è stata inviata per indagare sui motivi del mancato contatto. 

Per quanto l’aereo fosse vecchio, il modello non era del tutto fuori uso, ma uno dei punti che attirò l’attenzione dei controllori di volo, fu che la compagnia aerea Santiago, aveva chiuso le sue attività nel 1956.

Non appena la sicurezza è entrata, si è resa conto del motivo della mancanza di comunicazione: a bordo c’erano 92 scheletri, tutti seduti correttamente sulle poltrone. 

Come se non bastasse, anche l’equipaggio era al proprio posto, i motori erano accesi e il pilota aveva le sue mani scheletriche sui comandi.

Leggenda o realtà?

Il caso è stato qualcosa di totalmente fuori dall’ordinario, ma potrebbe trattarsi di una leggenda metropolitana. In Brasile infatti, non c’è traccia di quello che è successo e il quotidiano americano che ha pubblicato la storia con informazioni dettagliate è stato il Weekly World News, a volte noto per le sue notizie fantasiose, che riguardano quasi sempre argomenti soprannaturali o paranormali.

Questo, ha fatto sì che molte persone non credessero alla storia, ma ci sono altri che indicano un possibile insabbiamento dei fatti, a causa della rilevanza di quanto accaduto. 

L’apparizione dell’aereo 35 anni dopo il suo decollo, sarebbe, secondo alcuni, la prova indiscutibile che si è aperto un portale spazio-temporale, proprio mentre l’aereo stava attraversando l’Atlantico.

Uno di questi sostenitori era il dottor Celso Atello, studioso del paranormale che ha affermato la possibilità di un’apertura di un portale nel cielo.

Nonostante ciò, non riusciva a spiegare perché tutti all’interno dell’aereo apparissero come scheletri, dopo il viaggio nel tempo.

Non è possibile sapere se la storia del Volo Santiago 513, sia emersa come una leggenda metropolitana pubblicata su un giornale o sia un evento realmente accaduto che è stato nascosto al pubblico, perché riguardava una questione terrificante e del tutto sconosciuta.

Qua sotto vi lascio alcuni articoli che potrebbero interessarvi.

Seguiteci su Facebook.

Condividi

About Marco Buoso

Marco ama i film d'azione, i grandi classici intramontabili ma anche le nuove serie come Casa di Carta e Narcos. Non solo si interessa al film o serie, ma ricerca curiosità su attori e notizie in anteprima.

View all posts by Marco Buoso
Iscriviti
Inviami notifiche
0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti