Oggi vi parlo di Licca-chan, una bambola molto famosa in Giappone, dove ci sono leggende metropolitane, che dicono sia maledetta.

Licca-chan, considerata la versione giapponese di Barbie, è una famosa bambola che ha ispirato l’anime “Super Doll Licca-chan”molto popolare in Giappone.

La bambola è diventata però, protagonista di una spaventosa leggenda metropolitana, dove si dice che sia infestata. Secondo il mito, se provi a sbarazzarti del giocattolo, o lo butti via, la bambola tornerà da te, cercando di vendicarsi.

La storia

Famosa dal 1967, la popolare bambola Licca-chan è stata creata da Miyako Maki, moglie di Leiji Matsumoto; famoso mangaka, creatore di diverse serie di Anime e Manga. 

La bambola ebbe un tale successo che la fabbrica di produzione, per promuovere il prodotto, creò una linea telefonica per far interagire i bambini con il giocattolo, attraverso un messaggio registrato.

Riguardo la bambola Licca-chan, esistono due leggende.

Leggenda di Licca-chan

Un giorno, una giovane ragazza stava pulendo la sua stanza e tra le sue cose trovò una vecchia bambola, era una Licca-chan. Ma, poiché era troppo grande per giocare con le bambole, decise di buttarla via.

Poco tempo dopo, la ragazza si trasferì in una nuova città e una domenica mattina il telefono incominciò a squillare con insistenza.

Quando rispose, udì una voce che sussurrò: “Ciao, sono la tua amica Licca. Mi trovo nella spazzatura. Sono stata abbandonata, ma ora torno a casa “.

La giovane donna riattaccò, pensando che le avessero fatto un brutto scherzo. Più tardi il telefono squillò di nuovo.

Rispondendo alla chiamata, la stessa voce ha detto: “Ciao, sono Licca, sono alla stazione dei treni. Presto saremo di nuovo insieme. “

La ragazza riattaccò, cominciando a trovare tutto molto strano. Dopo un po ‘il telefono squillò di nuovo. Quando ha risposto, la solita voce dall’altra parte ha sussurrato:

Ciao, sono Licca-chan. Sono fuori casa tua.  Apri la porta. “

Terrorizzata, la ragazza andò alla finestra e guardò attraverso le tende, ma fuori non c’era nessuno. Ma in quel momento il telefono squillò di nuovo, e quando lei rispose, sentì: “Ciao, sono la tua amica Licca-chan e sono proprio dietro di te!”

Si narra che la giovane ragazza venne trovata uccisa a coltellate vicino al telefono e accanto a lei c’era una bambola, che nessun parente della vittima, aveva mai visto fino a quel momento.

Seconda leggenda

Una sera tardi, verso le dieci, quando una giovane donna entrò in un bagno del parco enotò qualcosa di diverso sul pavimento. Era una bambola Licca-chan e la ragazza si chiese perché il giocattolo fosse in un posto del genere.

La raccolse e osservandola attentamente, scoprì che la bambola aveva tre gambe; la terza gamba era di colore viola e con i peli lunghi. Presa dalla paura, la ragazza la lasciò cadere a terra.

Improvvisamente, la testa della bambola si girò verso la giovane e incominciò a ripetere: “Mi chiamo Licca, sono maledetta. Sono maledetta.”

La donna, molto spaventata, ha subito lasciato il posto, scappando verso casa. Ma per quanto fosse distante, la voce non scompariva, era sempre vicina all’orecchio, dicendo: “Mi chiamo Licca, sono maledetta! Sono maledetta.”

Pochi giorni dopo, disperata e incapace di sopportare la situazione, la ragazza si è rotta i timpani, in modo da non sentire più la spaventosa voce della bambola.

C’è un terzo terribile racconto il quale dice che Licca-chan, appare con un coltello in mano, nella camera da letto della vittima, che sta dormendo. Quando la malcapitata si sveglia e si accorge della bambola, quest’ultima le accoltella una gamba, fino a farla morire dissanguata.

Cosa ne pensate di questa leggenda? Fatecelo sapere nei commenti in basso.

Qua sotto vi lascio un articolo che parla di un presunto fantasma di una bambina, fimato con un telefonino.

Seguiteci su Facebook.

Condividi

About Marco Buoso

Marco ama i film d'azione, i grandi classici intramontabili ma anche le nuove serie come Casa di Carta e Narcos. Non solo si interessa al film o serie, ma ricerca curiosità su attori e notizie in anteprima.

View all posts by Marco Buoso
Iscriviti
Inviami notifiche
0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti