Oggi vi parlo dei probabili resti di un essere umanoide, che sono stati incontrati in Mongolia, durante una spedizione.

I resti di un possibile essere umanoide, sono stati trovati durante una spedizione mongola, organizzata da Basaan Zoritsalkhan, nelle grotte nella regione di Khubsugul. 

Il fatto è che vari oggetti volanti non identificati (UFO) e creature parzialmente simili agli umani, sono stati spesso visti da queste parti.

Nel 2012, Basaan aveva già visitato queste zone, esplorando il lago Khuvsgul, il più grande lago d’acqua dolce della Mongolia.

Lì aveva visto un oggetto a forma di disco immergersi nell’acqua e poi riemergere da essa. Tuttavia, gli studi non hanno fornito prove evidenti per considerare il bacino idrico del lago, come una base aliena. 

Comunque è estremamente difficile esplorare un lago con 260 metri di profondità e più di 2.700 km² di superficie.

Nel 2016, Basaan è tornato in queste regioni per raccogliere informazioni dai residenti locali, i quali hanno visti delle creature aggirarsi nella zona.

Sono stati descritti come umanoidi di colore grigio-gialli, la loro altezza era poco più di un metro, i volti avevano un naso affilato e gli occhi assomigliavano a quelli di un serpente: una pupilla stretta e verticale di color giallo.

Dettagli simili sono stati descritti da molti testimoni oculari, inoltre, la descrizione era identica anche nei villaggi vicini.

nel 2018, Basaan Zoritsalkhan ha riunito un gruppo di ricercatori e si è diretto verso la zona montuosa Secondo le informazioni dagli abitanti, le creature erano nascoste nelle montagne, forse nelle caverne.

Scendendo in una grotta, la squadra di quattro uomini si trovò circondata da pareti sospettosamente lisce, che formavano un corridoio concavo.

Poco dopo i ricercatori si sono addentrati in un passaggio stretto e basso, abbastanza da passare visto che misurava circa 120 centimetri.

L’incontro

Mentre percorrevano questo cunicolo, Basaan notò una strana creatura alta circa 1 metro, che emise un suono simile a uno squittio e si nascose dietro diverse pietre. 

Quando le torce sono state puntate in quella direzione, non c’era nessuno, ma diverse dozzine di pipistrelli sono volate verso i ricercatori. 

Probabilmente, l’abitante delle caverne, mentre fuggiva dai membri della spedizione, li ha spaventati.

Addentrandosi sempre di più, i ricercatori hanno notato alcune “stanze” con pareti lisce e altre con rientranze, simili a piccole nicchie.

Queste non erano abbastanza grandi per ospitare un adulto e in una di esse, è stato trovato un piccolo scheletro. 

Quando la squadra ha terminato la spedizione, i resti trovati sono stati analizzati.

Lo scheletro è risultato avere 26 differenze da quello umano. Ad esempio, c’erano solo due falangi sulle dita, le orbite erano molto vicine tra loro. 

Il cranio era formato da 40 ossa, mentre il cranio umano ne appena 23, infine aveva 8 denti sopra e 8 sotto.L’analisi del DNA ha rivelato che i resti non erano umani. 

Lo scheletro è stato trasferito all’Accademia delle Scienze. Basaan Zoritsalkhan voleva pubblicizzare la sua scoperta, ma all’improvviso è arrivata una dichiarazione dagli scienziati: “Lo scheletro appartiene a un bambino umano”.

Questa vicenda è estremamente strana e sembra che gli scienziati vogliano nascondere una possibile prova dell’esistenza di esseri extraterrestri.

Nel 2022, Basaan Zoritsalkhan tornerà di nuovo nelle grotte della regione di Khubsugul, per ottenere ulteriori prove su queste misteriose creature.

Qua sotto vi lascio alcuni articoli che potrebbero interessarvi.

Seguiteci su Facebook.

Condividi

About Marco Buoso

Marco ama i film d'azione, i grandi classici intramontabili ma anche le nuove serie come Casa di Carta e Narcos. Non solo si interessa al film o serie, ma ricerca curiosità su attori e notizie in anteprima.

View all posts by Marco Buoso
Iscriviti
Inviami notifiche
0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti