Robert Maudsley: il serial killer in isolamento da oltre 40 anni

Il serial killer Robert Maudsley, che sta scontando l’ergastolo per l’omicidio di quattro persone nella prigione di Wakefield è in isolamento, rinchiuso in una cella di vetro sotterranea, da circa 42 anni.

Robert Maudsley aveva 21 anni quando commise il suo primo omicidio nel 1974 e nello stesso anno quando è stato arrestato e condannato per il crimine, le autorità hanno raccomandato che non fosse mai rilasciato.

Come riportato da The Mirror, l’uomo è stato portato al Broadmoor Hospital, sede di alcuni dei prigionieri più pericolosi del Regno Unito.

I primi tre anni della sua prigionia furono relativamente tranquilli, ma nel 1977 Maudsley e David Cheeseman, un altro prigioniero, tennero un’imboscata a David Francis, un molestatore di bambini. Per nove ore la coppia ha brutalmente torturato Francis.

Anche incarcerato, i crimini di Maudsley non si sono fermati. Nel 1978 ha strangolato e pugnalato Salney Darwood nella sua cella, poi ha nascosto il corpo sotto il proprio letto. Poi ha inseguito Bill Roberts, arrestato per aver molestato un bambino, e lo ha pugnalato a morte.

Dopo aver commesso i due omicidi, Maudsley comunicò con calma al capo della prigione che da quel giorno avrebbero avuto due persone in meno a cena.

Ildirettore della prigione lo considerò troppo pericoloso per mescolarsi con la popolazione carceraria, e decise di far costruire una cella speciale per lui.

Al suo completamento nel 1983, la cella, simile a quella del film Il silenzio degli innocenti, fu soprannominata la gabbia di vetro. È stata fatta di vetro antiproiettile, attraverso il quale le guardie carcerarie possono tenere d’occhio l’assassino.

Gli unici mobili all’interno sono un tavolo e una sedia, realizzati in cartone pressato. Il water e il lavandino sono fissati al pavimento, mentre il letto è una lastra di cemento. La porta, realizzata in solido acciaio, si apre verso l’interno. I pasti vengono consegnati attraverso un’apertura nelle pareti.

La routine di Maudsley è diversa da quella degli altri prigionieri, rimane in cella 23 ore al giorno, può fare esercizio solo per un’ora quando viene portato nel cortile degli esercizi. Durante questo periodo è scortato da sei guardie e non ha contatto con nessun altro detenuto.

In un’intervista, l’assassino ha affermato che la reclusione ha suscitato ricordi della sua infanzia, quando veniva regolarmente rinchiuso e picchiato. “Penso che un agente di polizia potrebbe fermarsi e parlare un po’, ma non lo fanno mai e quei pensieri sono ciò che penso la maggior parte del tempo.”

Secondo i registri, l’infanzia di Maudsley è stata estremamente violenta per mano di suo padre. Dopo aver trascorso parte della sua infanzia in un orfanotrofio, i suoi genitori hanno riportato a casa lui e i suoi 11 fratelli.

All’età di 8 anni, afferma di essere stato picchiato frequentemente e di essere stato picchiato in più mentre cercava di proteggere i suoi fratelli. In uno degli episodi di aggressione racconta di essere stato rinchiuso per sei mesi in una stanza dove l’unico contatto con altre persone era con il padre che lo picchiava quotidianamente.

Qua sotto vi lasciamo alcuni articoli che potrebbero interessarvi.

Mary Bell: la serial killer di appena 11 anni
Marco Buoso è un esperto del mistero a livello internazionale, con grande esperienza nelle indagini. Il suo contributo è molto importante per il team, considerato uno dei più saggi e dotato di grande saggezza. Buoso ha dedicato la sua vita alla ricerca e alla comprensione dei fenomeni paranormali e misteriosi, accumulando una vasta conoscenza e competenza in questo campo. Attualmente si trova in Brasile dove sta investigando su alcuni fenomeni paranormali, mettendo a disposizione la sua esperienza e la sua competenza per portare alla luce la verità su questi misteri.
Iscriviti
Inviami notifiche
1 Commento
Nuovi commenti
Commenti meno recenti Il più votato
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Francy
10 mesi poco fa

Robert Maudsley ha fatto una vita terribile, almeno dovrebbero curarlo e dargli quello che chiede: il pappagallino ecc. Cosa si può fare per aiutarlo?

1
0
Ehi Sicarios! Vogliamo un tuo parere, lasciaci un commento!x