Cose da Nerd Mistero

I misteriosi dischi di giada

Oggi parliamo dei dischi di giada, scoperti nelle tombe di aristocratici cinesi e risalenti a circa 5000 anni fa.

La misteriosa storia dei dischi di giada della cultura Liangzhu, è diventata un enigma per l’archeologia: cosa sono e a cosa servivano veramente?

I dischi sono stati trovati in varie tombe e si ritiene rappresentino il Sole e la Luna, nel loro ciclo celeste. Allo stesso modo, potrebbero rappresentare i guardiani degli inferi.

Tra l’anno 3400 e il 2250 a. C., la cultura Liangzhu era prospera e si trovava nel delta del fiume Yangtze in Cina, secondo le ultime scoperte.

I membri della classe superiore furono sepolti con oggetti fatti di seta, lacca, avorio e giada. Questo minerale verde brillante era estremamente prezioso per loro.

I misteriosi dischi sono tra gli oggetti più enigmatici dell’antica Cina e sono stati trovati sui corpi defunti dei nobili.

I dischi risalgono ai periodi Shang, Zhou e Han, tra il 1600 a.C. C. al 220 d.C C. Nonostante siano stati scolpiti sulla giada, una delle pietre più complicate con cui lavorare, il loro metodo di costruzione è un mistero per la scienza.

Ciò è dovuto principalmente alla sua durezza ed è composta da minerali di silicato, utilizzato nella creazione di vari oggetti decorativi. Ci sono 2 varietà: nefrite e giadeite, è originariamente incolore, fino a quando non viene contaminato da un’altra sostanza, solitamente il cromo. È così che ottiene il suo caratteristico colore verde.

I dischi di giada furono creati alla fine del Neolitico. Sono anelli piatti e rotondi fatti di nefrite che sono stati trovati principalmente nelle importanti tombe della civiltà Hongshan e sono sopravvissuti durante tutta la cultura Liangzhu. Ciò suggerisce che erano di fondamentale importanza.

Quale fosse il suo scopo è sconosciuto, si sa solo che erano posti vicino al petto o allo stomaco del defunto e avevano simboli legati al cielo. Va notato che questa pietra è conosciuta in cinese come “YU”, che significa “puro, ricco e onorevole”.

Lavorazione

Ciò che incuriosisce la maggior parte degli esperti di enigmi, è il modo in cui gli antichi cinesi del Neolitico lavoravano una delle pietre più complicate da scolpire, come la giada.

Finora non sono stati scoperti strumenti di metallo di quel periodo. I ricercatori suggeriscono che sono stati realizzati attraverso un processo chiamato “brasatura e lucidatura”, che richiedeva molto tempo per essere completato. Ma perché tutto questo, solo per realizzare un ornamento?

Una possibile ragione è che i dischi potrebbero essere collegati a una o più divinità. I teorici ipotizzano che rappresenti il ​​Sole, mentre altri lo vedono come il simbolo di una ruota o di un oggetto ciclico, come la vita e la morte.

Qua sotto vi lasciamo alcuni articoli che potrebbero interessarvi.

La misteriosa città di vetro scoperta in Antartide

Seguiteci su Facebook.

Condividi
Iscriviti
Inviami notifiche
0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
0
Ehi Sicarios! Vogliamo un tuo parere, lasciaci un commento!x