Il massacro della scuola elementare Sandy Hook

Oggi vi parlo del massacro della Sandy Hook Elementary School, avvenuto in Connecticut, Stati Uniti.

Il massacro della scuola elementare Sandy Hook, è accaduto nel 2012, quando un ragazzo di 20 anni ha fatto irruzione nell’edificio e armato di fucile e pistola ha ucciso 27 persone.

I fatti

La mattina del 14 dicembre 2012 sembrava simile a tutte le altre, gli studenti entrarono nella scuola elementare Sandy Hook situata nel Connecticut, negli Stati Uniti, alle 9 del mattino.

Circa trenta minuti dopo l’inizio della scuola, un fragoroso rumore di spari risuonò nei corridoi.

Fuori dalle aule, il ventenne Adam Lanza iniziò uno dei peggiori massacri che il paese avesse mai vissuto. L’assassino riuscì a sparare e uccidere 27 persone tra insegnanti e alunni bambini.

Prima di recarsi sul luogo del massacro, Adam ha ucciso sua madre con quattro colpi alla testa. Ore dopo la polizia ha trovato il cadavere, sul letto dove dormiva.

Con l’auto della donna, il killer si è diretto verso la scuola e armato di due pistole e di un fucile Bushmaster XM15-E2S, Lanza è entrato nell’istituto e cinque minuti dopo, ha sparato i primi colpi.

La situazione all’interno delle aule era caotica, le maestre hanno fatto di tutto per salvare quanti più bambini possibile. 

Kaitlyn Roig, di 29 anni, è riuscita a mettere in salvo 14 studenti all’interno di un bagno, formando una barriera alla porta in modo che l’assassino non potesse entrare.

Gli ultimi momenti di Victoria Soto sono stati segnati da un atto di coraggio, dopo aver nascosto i bambini in un armadio, è stata uccisa da Lanza.

Lanza non ha scelto a chi sparare, ma ha voluto usare tutti i proiettili necessari per far morire più persone. La scientifica ha rivelato che uno dei morti, era stato colpito almeno 11 volte.

Durante la sparatoria, gli educatori hanno cercato di contattare il servizio di emergenza, ma senza successo. I primi soccorsi sono arrivati ​​sul posto alle 9:39.

All’arrivo della polizia, Adam Lanza, che si trovava in una delle aule, si è sparato alla testa, morendo sul colpo.

Una scena del crimine spaventosa

La scena all’interno di Sandy Hook era inquietante: corpi a terra, bambini spaventati, insegnanti assassinati, il caos era ovunque. 

Quando le autorità sono entrate nella scuola alle 9:44, l’assassino era già morto. Circa 15 minuti dopo, alle 10 del mattino, il Danbury Hospital ha inviato le ambulanze nella zona.

In totale sono state uccise 26 persone, 20 erano bambini di età compresa tra i sei e i sette anni, il resto erano insegnanti o educatori. Sebbene tre persone siano state portate vive al pronto soccorso, due di loro sono morte lo stesso giorno.

Foto: abcnews.go.com

Non c’era nessun biglietto d’addio accanto al corpo di Lanza , il che ha reso più difficile il lavoro della polizia. Tra i suoi averi c’era l’identità di suo fratello, Ryan , che in un primo momento era sospettato di aver architettato il massacro.

Ryan Lanza ha poi dichiarato alla polizia, che non aveva contatti con il fratello Adam da almeno due anni. Quando gli è stato chiesto il motivo della distanza, il ragazzo ha rivelato che Adam era un malato mentale.

Qua sotto vi lascio 3 articoli che potrebbero interessarvi.

William Heirens: il killer del rossetto

Seguiteci su Facebook.

Marco Buoso è un esperto del mistero a livello internazionale, con grande esperienza nelle indagini. Il suo contributo è molto importante per il team, considerato uno dei più saggi e dotato di grande saggezza. Buoso ha dedicato la sua vita alla ricerca e alla comprensione dei fenomeni paranormali e misteriosi, accumulando una vasta conoscenza e competenza in questo campo. Attualmente si trova in Brasile dove sta investigando su alcuni fenomeni paranormali, mettendo a disposizione la sua esperienza e la sua competenza per portare alla luce la verità su questi misteri.
Iscriviti
Inviami notifiche
0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
0
Ehi Sicarios! Vogliamo un tuo parere, lasciaci un commento!x