Affronta tutto in tutti i modi…

Punk Wars è un titolo Strategy Forge S.A. per computer di strategia rilasciato questo 2021.

Prima di affrontare la recensione, vi riportiamo il trailer e la trama:

Trama da steam:

Gli anni passano e un altro ciclo è giunto al termine. La nostra civiltà è crollata a causa della nostra avidità ed egoismo. 

Ora sappiamo che per evitare di ripetere gli stessi errori, dobbiamo restare uniti… e la nostra è la bandiera, sotto la quale l’umanità può prosperare di nuovo. 

La nostra tecnologia, filosofia e stile di vita sono quelli che possono finalmente portare la felicità al mondo… dobbiamo solo convincere alcuni leader testardi…

Punk Wars è una strategia orientata al combattimento e alla tattica che trae ispirazione dal classico gioco a turni titoli 4X. 

Ambientato in un mondo post-apocalittico, in cui le rovine di una mega-città un tempo potente diventano l’arena per una lotta mortale tra quattro corporazioni appena emerse, che cercano di affermare il dominio sia per la loro tecnologia unica che per la filosofia di vita.

Diventa il potente leader dello steampunk mesianico, del dieselpunk tenebroso, dello steelpunk militarista o dell’atompunk tecnocratico; esplora le rovine di una civiltà passata, dove le risorse sono scarse e i pericoli troppo comuni. 

Sviluppa la tua infrastruttura e tecnologia che assicureranno il tuo trionfo. Crea una strategia vincente e uno stile di gioco per ogni fazione, utilizzando le loro abilità e unità distintive.


Ma prima che ciò accada, dovrai partire per esplorare la terra desolata un tempo magnifica e in rovina piena di nomadi ostili; trova l’acqua e altre risorse vitali, estraili e sfruttale per sviluppare le tue infrastrutture scientifiche, industriali e militari. 

Fai crescere ed espandi il tuo territorio, creando filiere avanzate e infallibili in cui le singole unità dipendono l’una dall’altra, lavorando insieme come un unico organismo.

Cresci e governa la tua popolazione, monitorando attentamente il suo benessere e mantenendolo contenuto. 

Pianifica in anticipo il più possibile, ma lascia un po’ di spazio per un momento in cui si verifica un evento casuale. Infine, metti a frutto le tue unità meticolosamente addestrate e sviluppate, impegnandoti in impegnative battaglie a turni che metteranno alla prova il tuo pensiero tattico.

Il Gameplay di Punk Wars

Il mondo è finito dopo una guerra per porre fine a tutte le guerre che, inutile dirlo, non hanno raggiunto il suo obiettivo. 

Di fronte al suo fallimento, quattro fazioni in competizione combattono per il dominio su una landa desolata e polverosa, prendendo ispirazione dai generi “punk” di fantascienza: il retrofuturistico Atompunk, il Dieselpunk ispirato tra le due guerre, lo Steampunk vecchio stile e l’hardware- orientato allo Steelpunk. 

Come premessa, è intriso di stile e suggerisce difficili guerre di risorse, ma ci riesce?

Un gioco strategico di attacco più che di difesa e come in ogni gioco simile dovremo valutare risorse e soldati.

Le tattiche sono importanti ovviamente anche se il gameplay lascia poco spazio alle nostre decisioni, il titolo punta fortemente all’attacco.

La trama del titolo effettiva ha un senso, anche se lontano dalla storyline scritta che parla, apparentemente di tutt’altro.

L’attrazione principale di Punk Wars sono, ovviamente, le sue fazioni. 

Ognuno ha la propria missione della campagna e tutti e quattro sono giocabili anche sulle mappe schermaglia. 

Gli Steampunk, risplendenti di baffi a manubrio, cappelli a cilindro e occhiali, cercano di costruire un’utopia a orologeria e portare l’umanità fuori dalla nuova era oscura. 

La loro unità volante, il Combat Zeppelin, è disponibile molto prima dei volantini di altre fazioni, facendoli eccellere nell’esplorazione mentre il loro albero tecnologico consente loro di sfruttare in modo efficiente le terre che scoprono.

Oltre alle risorse di base di cibo e acqua, ogni fazione ha una risorsa unica che solo loro possono estrarre o utilizzare; vapore, petrolio, uranio e ferro. 

Queste risorse uniche appaiono raramente sulla mappa e, a parte lo strano bonus di un evento o di una tecnologia, non c’è modo di aumentare la loro produzione una volta che i tuoi estrattori sono stati costruiti e aggiornati.

Non importa con chi giochi, hai il compito di combattere per il controllo totale della mappa, distruggendo le torri di guardia di tutti gli altri, ma c’è poco che ti spinga verso quell’obiettivo, a parte “questo è il modo in cui vinci la partita”. 

Reparto grafica e audio di Punk Wars

La grafica non è proprio perfetta, soprattutto lo stile grafico, è originale ma distante da ciò che siamo abituati nel 2021.

Mancano i dettagli e l’impegno nella costruzione dell’ambiente proprio, oltre che a quella dei personaggi, insomma non proprio quello che ci aspettavamo.

Il mondo Cyberpunk è post apocalittico ha un fascino enorme e bisogna rispettarlo sempre, quando scegliamo questa strada.

Parlando invece dell’audio, non è nemmeno qui un capolavoro, pochi suono ed effetti oltre che a poca colonna sonora.

Inoltre i dialoghi sono assenti e dobbiamo leggere lunghi papiri, sempre se conosciamo le lingue disponibili, ovviamente l’Italiano manca e poi diremo la nostra.

La nostra recensione di Punk Wars

Innanzitutto come già accennato non sono disponibili tutte le lingue e su un titolo tattico non basta “masticare” l’inglese per giocare bene, tanti termini sono difficili.

Ci sono molte lingue anche con varianti occidentali, l’Italiano è stato proprio snobbato, ma è un brutto vizio che hanno in molti sviluppatori.

L’Italia gira in torno alla decima posizione come maggior numero di videogiocatori, insomma meritiamo un doppiaggio, o almeno la traduzione scritta no?

Per me è stato molto difficile capire come funzionava il gioco e mi sono dovuto appoggiare a GamePlay online per capirci qualcosa.

Il gioco è una variante di molti, con una grafica accettabile e un audio poco strutturato.

Regala comunque molto tempo di divertimento in un clima e uno stile completamente nuovo.

È chiaro che Strategy Forge ha messo molto amore nel loro gioco; ogni fazione e le unità e gli edifici corrispondenti sono concettualizzati e progettati meravigliosamente. 

Sfortunatamente, poiché la maggior parte del gameplay è in una vista dall’alto verso il basso, tutto questo duro lavoro non si vede molto spesso.

In definitiva, Punk Wars si distingue come un gioco divertente con un fascino indie rozzo. 

Potrebbe fare con un po’ di smalto; alcune mappe e pacchetti di texture sarebbero un’aggiunta gradita a breve termine e una quinta fazione potrebbe aumentare l’interesse più avanti.

Aggiungo che…

Se questo stile grafico, questa trama, finissero in un gioco d’azione, io non giocherei ad altro, insomma ne verrebbe fuori una cosa fortemente epica! Io butto l’idea li! Magari per il doppiaggio, ve lo offro io, abbiamo belle voci nello staff!

Ovviamente siamo molto curiosi del titolo in arrivo Superheroes Academy, questo si che sembra dare qualcosa di nuovo e divertente, soprattutto perchè raggruppa diverse tipologie di players! Sarebbe comunque difficile non tradotto.

Ringraziamo per la key di gioco ricevuta e vogliamo ricordare che non incide mai nella nostra valutazione finale:

Ecco il nostro voto conclusivo:

Ecco altri articoli scelti per te:

Condividi

About Donovan Rossetto

Esperto RetroGamer, scrittore, giornalista e divulgatore di tematiche legate al mondo del Mistero. Appassionato di StarWars e della nuova console Microsoft. Passa il tempo nella ricerca di verità e giocando all'Oculus! Uno dei più forti in Italia su CS:GO e sui giochi picchia-duro.

View all posts by Donovan Rossetto
Iscriviti
Inviami notifiche
0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti