I creatori attingono da storie queer per il dramma, quindi chiudono i fan queer che si riferiscono a quelle storie…

L’era di Internet potrebbe aver reso più diffuse le letture queer di media canonicamente non queer, ma non sono niente di nuovo – e nemmeno la resistenza reazionaria contro di loro. Un’esempio è in Luca della Pixar…

Anche nel 2021, nonostante una crescente accettazione della comunità LGBTQ+ e un costante aumento della rappresentazione queer in alcune sezioni dei media, le letture queer di personaggi e narrazioni stanno ancora ricevendo contraccolpi. 

Spesso, quel contraccolpo viene dagli scrittori, registi e attori dietro un determinato pezzo, che sembrano desiderosi di calpestare qualsiasi potenziale percezione del loro lavoro come una narrativa queer. 

Per qualche ragione, quei creatori non sembrano mai prendere in considerazione il valore intrinseco che queste letture forniscono alla comunità, anche se stanno attingendo a tropi derivati ​​dalle esperienze personali di quella comunità.

Questo è emerso di recente con il ritratto di Sam Wilson e Bucky Barnes di Anthony Mackie e Sebastian Stan nella serie del Marvel Cinematic Universe The Falcon e The Winter Soldier . 

Molti fan leggono lo stretto legame fisico ed emotivo che Sam e Bucky sviluppano durante lo spettacolo come una possibile agitazione romantica. 

Mentre la serie non diceva nulla di definitivo sulla questione, Mackie ha rapidamente cercato di schiacciare l’idea , lamentandosi che due uomini non possono essere solo amici in questi giorni senza essere percepiti come queer. 

Sebbene sia importante per i media rappresentare amicizie maschili non tossiche, la sua risposta ha scoraggiato molti fan che avevano apprezzato le loro speculazioni sull’argomento e la loro capacità di relazionarsi ai personaggi nel modo che preferiscono.

Lo schiacciamento di una chiara lettura queer è stato ancora più sfacciato con il film d’animazione Luca della Pixar 2021.

La tendenza della Disney a stuzzicare il suo pubblico con esche queer , solo per strappare via quelle letture (o farle passare momenti indimenticabili tra i personaggi di sfondo) è ben documentata. 

Ma con Luca della Pixar, il tentativo di chiudere l’immaginazione del pubblico si è spinto troppo oltre. 

In risposta agli spettatori che hanno reagito ai trailer sperando che il film potesse essere una storia d’amore gay infantile, il regista di Luca Enrico Casarosa ha rapidamente chiuso l’idea , dicendo “Volevo davvero parlare di un’amicizia prima che fidanzate e fidanzati entrassero a complicare le cose. “

Dopo l’uscita del film, è diventato chiaro quale fosse una posizione riduttiva. 

Pixar Staff Slams Disney for Moving Films to Streaming Only | IndieWire

Mentre Casarosa crede che la sua storia non possa essere una storia d’amore queer perché nessun personaggio viene coinvolto romanticamente, la storia colpisce troppi aspetti comuni significativi e familiari dell’esperienza LGBTQ+ per essere ignorata come una narrativa queer. 

È particolarmente importante che queste note includano diversi aspetti più oscuri e spesso ignorati dell’esperienza queer nel mondo di oggi, e negare che questa lettura abbia una qualche validità rischia di arrecare grave danno alla comunità queer che già vive queste esperienze più oscure.

Ed. nota: spoiler significativi per Luca in arrivo.]

Apparentemente su una società di persone-pesce (conosciute in tutto come “mostri marini”) che vivono sotto il mare, nascoste all’umanità, Luca della pixar perde poco tempo a colpire ritmi che saranno tristemente familiari a così tante persone che hanno vissuto nell’armadio e /o hanno dovuto fare i conti con la propria identità. 

Fin dall’inizio, la famiglia di Luca lo mette in guardia dall’avvicinarsi agli umani, dicendogli che le persone vedranno le sue differenze e non lo accetteranno per quello che è veramente. 

Luca ha una visione del tentativo di lasciare l’oceano, un’immagine che ritorna più e più volte come metafora per abbracciare entrambi i lati della sua identità, ma è trattenuto da una forza invisibile, come se non riuscisse a lasciare la sicurezza soffocante dell’acqua.

Quando finalmente Luca “esce” dall’acqua per la prima volta, assume immediatamente sembianze umane. 

A quel punto, Luca inizia a documentare le sue lotte per venire a patti con la sua identità, trovare una comunità e sentirsi tradito o abbandonato dalla sua famiglia. 

Luca va nel panico per la sua comparsa ed è terrorizzato dai cambiamenti fisici che subisce fuori dall’acqua. 

È un’immagine avvincente di un ragazzo che vede se stesso per quello che è veramente per la prima volta. 

Il suo panico si trasforma poi in negazione, ma con il supporto di un altro membro della sua comunità, è in grado di accettare entrambe le parti di se stesso come parte della sua completa identità.

Luca' may be going to Disney+, but Pixar's future is in theaters

Avendo trovato parentela in Alberto, un altro pesce che vive fuori dall’acqua, Luca della Pixar sviluppa l’amore per la vita sulla terra: una passione per l’essere fuori, piuttosto che vivere la sua vita nascosta. 

Quando la sua famiglia viene a sapere della sua nuova vita, cercano di farlo trasferire nel “Profondo”, lontano dalle tentazioni della superficie. 

The Deep è ritratto come un orribile luogo di abnegazione, ma sono disposti a farlo soffrire per tenerlo lontano da ciò che considerano immorale, in un chiaro parallelo con la terapia di conversione o la terapia della natura selvaggia che così tanti giovani LGBTQ+ sono sottoposto da comunità omofobe.

Una volta che Luca e Alberto arrivano nella città umana, la storia si allontana dal viaggio di accettazione di sé di Luca e dai suoi tentativi di trovare parentela e comunità, e si concentra invece sulla sua lotta per trovare la sua strada come estraneo in un mondo prevenuto e ostile.

Scorci infiniti dei media nella città, dai manifesti dei film alle statue, aiutano a guidare la paura sull’esistenza dei “mostri” e glorificano la violenza contro di loro. 

Allo stesso modo, molti media nel nostro mondo ritraggono ancora le identità LGBTQ+ come altre e le rendono oggetto di violenza o scherno. 

Quando Alberto si smaschera come un mostro marino, Luca usa il suo privilegio di passaggio per evitare di essere preso di mira dalla folla aggressiva della città, partecipando invece agli abusi e alla persecuzione di Alberto.

Luca trailer - Pixar releases first trailer for new movie

Il film si chiude con una narrazione diretta su Luca che viene accettato all’interno della comunità per la sua identità, in un modo che rasenta la mano pesante. 

Massimo, un pescatore che i ragazzi conoscono, è famoso per odiare e cacciare i mostri marini, ma quando conosce Alberto e Luca della Pixar mentre sono entrambi chiusi, è in grado di vederli prima di tutto come persone e di guardare oltre i suoi pregiudizi. 

Una volta scoperto il loro segreto, li accetta per quello che sono e difende il loro diritto ad esistere, nonostante le obiezioni di altri che ancora sfidano il loro posto nella società. 

Una delle scene finali commoventi mostra la madre di Luca che si preoccupa di come suo figlio potrà esistere apertamente nel mondo umano, con sua nonna che risponde: “alcune persone, non lo accetteranno mai. Ma alcuni lo faranno. 

E sembra sapere come trovare quelli buoni.”

Sembra strano che Casarosa possa involontariamente tracciare una metafora così diretta e dettagliata per così tante esperienze queer comuni. 

Sembra ancora più strano che poi neghi quella lettura del film, dicendo agli spettatori che vedono i paralleli che si sbagliano. 

Mentre ha suggerito che Luca è una storia sul tipo di amicizia che può “spingerti al cambiamento, spingerti a trovare te stesso”, il film contiene chiaramente abbastanza paralleli diretti con esperienze specificamente LGBTQ+ che una lettura queer del film è altrettanto praticabile.

E alla fine, se gli spettatori decidono che Luca mette in parallelo le loro storie non spetta a un regista, scrittore, attore o dipartimento di marketing a dettare. 

Disney and Pixar's Luca Is A Beautiful Film - In More Ways Than One

I creatori non possono decidere quale messaggio gli spettatori dovrebbero ricevere da una narrazione. Il rapporto degli spettatori con il film (o con qualsiasi media!) è soggettivo, costruito dalle proprie interpretazioni poiché apportano elementi della propria vita alla propria lettura. 

Questo può aprire la porta a letture queer involontarie di qualsiasi opera, ma una volta che una storia raggiunge il suo pubblico, è fuori dalle mani dei creatori.

Fondamentalmente, i creatori non sono sempre pienamente consapevoli degli strati di esperienza che stanno estraendo o di ciò che il loro lavoro potrebbe rappresentare per un determinato pubblico. 

I giocatori hanno letto una narrativa trans nel gioco Celeste e alcuni si sono sentiti frustrati dal fatto che i creatori non avrebbero confermato o negato l’identità di genere del protagonista. 

Tuttavia, dopo aver completato un’aggiunta post-gioco, la creatrice Maddy Thorson ha riconosciuto nel loro blog di non essersi mai resa conto in precedenza di essere trans, e che anche il personaggio lo era. 

Mentre Thorson attingeva alle esperienze personali, non capivano ancora cosa significassero quelle esperienze, o cosa potessero significare sia per Thorson che per gli altri.

Le narrazioni apertamente queer sono ancora scarse nei media mainstream, mentre le narrazioni anti-LGBTQ+ di esperti e legislatori sono pervasive come sempre. 

Luca – the next Disney Pixar essential film get a teaser | The Digital Fix

Trovare ulteriori narrazioni queer all’interno dei media popolari gioca un ruolo importante nel consentire alla comunità LGBTQ+ di sentirsi più benvenuta e accettata nel mondo. 

La Disney sta attualmente aprendo l’MCU per includere personaggi queer: Loki e Sylvie in Loki , Phastos e suo marito nell’imminente Eternals e Valkyrie in Thor: Love and Thunder , dove presumibilmente avrà finalmente una trama apertamente queer. 

Ma più di 20 film MCU sono stati rilasciati prima che ci fosse anche solo un accenno di personaggi queer, e LokiIl team creativo di ha confermato che la serie non fornirà alcuna “esplorazione più profonda” della bisessualità del personaggio . 

Per molti fan, l’aggiunta tardiva e minima di personaggi queer alle storie del MCU sembra più una rappresentazione simbolica che incoraggianti trame queer.

E queste narrazioni esplicite non sono un sostituto diretto delle letture queer di altri pezzi. 

Cisgender, le persone eterosessuali crescono riuscendo a proiettarsi su personaggi comuni in quasi tutti i media. 

Vedersi rappresentati in questo modo fa parte dello sviluppo e dell’apprendimento del loro posto nel mondo: a un certo livello, dice loro che sono accettati. 

Affinché le persone LGBTQ+ possano fare lo stesso, può essere necessario trovare spazio per letture queer di personaggi popolari. 

Questo è vero quando quei personaggi non erano pensati per essere letti come queer, ma diventa ancora più importante quando quei personaggi sembrano mettere in parallelo esperienze queer in modo così diretto. 

Pixar Animation Studios

La capacità di prendere spazio per queste letture queer continuerà ad essere necessaria almeno fino a quando i personaggi queer non diventeranno una possibilità onnipresente in tutti i ruoli nei media.

E le letture queer di un testo non fanno male a nessuno, tranne alle persone che trovano il concetto di essere LGBTQ+ intrinsecamente negativo e credono che in qualche modo riduca i media che vogliono tenere strettamente per le proprie interpretazioni e identificazione. 

Lasciare che le persone abbiano queste letture senza cercare di spegnerle consente solo a più persone di godersi il lavoro in modo positivo. 

In un esempio stellare, Mark Hamill ha risposto nel 2016a una strana lettura del suo personaggio di Star Wars Luke Skywalker che esisteva dagli anni ’70. 

La sua risposta è stata semplice: “Direi che è pensato per essere interpretato dallo spettatore […] Se pensi che Luke sia gay, ovviamente lo è. 

Non dovresti vergognartene. 

Giudica Luke dal suo carattere, non da chi ama”. 

Hamill ha riconosciuto che alcune persone hanno tratto beneficio dalla lettura del personaggio come gay e ha riconosciuto che non esiste un’unica interpretazione corretta di Luke.

Per Casarosa e chiunque altro guardi Luca e veda le proprie esperienze riflesse in una semplice storia di due amici d’infanzia, quella lettura sarà sempre lì, e nessuno potrà toglierla. 

Disney/Pixar's 'Luca' Easter Eggs You Don't Want to Miss! - AllEars.Net

Sia i bambini che gli adulti queer hanno visto questo film e lo hanno visto come una narrativa premurosa che non solo riconosce la gioia delle proprie esperienze, ma esplora anche, in modo cruciale, come possono essere dolorose e alienanti. 

Negare una tale lettura non ferisce solo gli spettatori che già si vedono nella sua storia. Chiude anche la comunità esterna che altrimenti non potrebbe interagire con i media esplicitamente queer e può utilizzare la delicata storia di coming out di Luca della Pixar come esperienza di apprendimento. 

La strana lettura di Luca della pixar dovrebbe essere salvaguardata come la stessa interpretazione di Casarosa. Lasciare stare queste letture queer non fa male ai media, e non giova a nessuno schiacciarle.

Fonte Polygon

Condividi

About Donovan Rossetto

Esperto RetroGamer, scrittore, giornalista e divulgatore di tematiche legate al mondo del Mistero. Appassionato di StarWars e della nuova console Microsoft. Passa il tempo nella ricerca di verità e giocando all'Oculus! Uno dei più forti in Italia su CS:GO e sui giochi picchia-duro.

View all posts by Donovan Rossetto
Iscriviti
Inviami notifiche
0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti