“Ricevuta” in pietra di 2000 anni fa scoperta a Gerusalemme

Una ricevuta in pietra risalente al primo periodo romano, è stata trovata nella città di Gerusalemme.

Durante gli scavi in ​​un sito archeologico a Gerusalemme, in Israele, è stata scoperta una ricevuta in pietra usata per transazioni commerciali circa 2000 anni fa . È quanto conclude uno studio recentemente pubblicato sulla rivista Atiqot .

Trovato nel 2016 sulla Pilgrimage Road situata tra la Città di David e il Monte del Tempio, nella città israeliana, il frammento è stato analizzato dall’archeologo Nahshon Szanton e dall’epigrafista Esther Eshel. In una dichiarazione rilasciata il 17 maggio tramite Facebook, i due hanno dettagliato ciò che hanno scoperto sull’oggetto.

Risalente al primo impero romano, la “ricevuta a forma di pietra” presenta sette righe di testo parzialmente conservate. Oltre ai nomi delle persone, le iscrizioni, realizzate con uno strumento appuntito, menzionano somme di denaro, che possono rappresentare pagamenti ricevuti o effettuati, secondo il rapporto.

Il frammento che conservava informazioni su probabili transazioni finanziarie, assomiglia ad altri pezzi di pietra dello stesso tipo utilizzati negli ossari della regione in quel momento. Questa è stata una delle caratteristiche che hanno contribuito a determinare l’età della “ricevuta”, così come il tipo di scrittura.

In una delle righe, ad esempio, è citato il nome di un individuo chiamato “Shimon”, seguito dalla lettera ebraica “mem”, mentre nelle altre righe sono presenti simboli che rappresentano numeri.

Come hanno spiegato i ricercatori, alcuni di questi numeri sono preceduti dal loro valore economico e accompagnati anche dalla lettera “mem” — si tratta di un’abbreviazione di “ma’ot”, che significa “denaro” in ebraico. Altri numeri sono accanto alla lettera “resh”, abbreviazione di “reva’im”, che significa “quarti”.

Il luogo del ritrovamento, si trovava su una strada lunga circa 600 m. In questa zona operava probabilmente un antico centro commerciale, nel periodo in cui Gerusalemme era una provincia dell’Impero Romano.

Come detto dagli archeologi, la scoperta dell’oggetto offre uno “scorcio della vita quotidiana nella città santa di Gerusalemme”, permettendo di conoscere un po’ di più su com’era la routine per le persone che vi risiedevano circa 2000 anni fa.

FONTE

Qua sotto vi lasciamo alcuni articoli che potrebbero interessarvi.

Forbici di 2300 anni trovate in una tomba celtica
Marco Buoso è un esperto del mistero a livello internazionale, con grande esperienza nelle indagini. Il suo contributo è molto importante per il team, considerato uno dei più saggi e dotato di grande saggezza. Buoso ha dedicato la sua vita alla ricerca e alla comprensione dei fenomeni paranormali e misteriosi, accumulando una vasta conoscenza e competenza in questo campo. Attualmente si trova in Brasile dove sta investigando su alcuni fenomeni paranormali, mettendo a disposizione la sua esperienza e la sua competenza per portare alla luce la verità su questi misteri.
Iscriviti
Inviami notifiche
0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
0
Ehi Sicarios! Vogliamo un tuo parere, lasciaci un commento!x