Mistero Notizie

Subacquei trovano un cranio di 12.000 anni con un microchip

Dei sommozzatori hanno trovato un teschio di 12.000 anni, con all’interno quello che sembra essere un impianto di microchip.

Recentemente, una squadra speciale di sommozzatori ha visitato il sistema di grotte Sak-Aktυn della penisola dello Yucatán, dove hanno trovato alcuni resti che dovrebbero avere più di 12.000 anni.

Guillermo de Anda, fu il primo ad affermare che in quelle grotte avrebbero trovato teschi umani ricoperti di calcare a causa dell’acqua piovana, motivo per cui i subacquei fecero l’immersione.

Il consenso generale sulla questione, è che i teschi scoperti appartengano a indiani Maya alla disperata ricerca di acqua.

Stranamente, ogni ricercatore del pianeta voleva indagare su di esso, ma dopo che alcuni segreti sono stati scoperti, nessun altro ha voluto far parte di questo progetto.

Pedro Sanchez, un giornalista messicano, ha affermato che tutto ciò è accaduto perché un teschio aveva un impianto trasparente nella sua testa. Non si trattava solo un pezzo di metallo, ma era tecnologicamente avanzato.

Le persone presenti credevano che anche questo chip avesse più di 12.000 anni e che ulteriori ricerche avrebbero potuto mettere a rischio la loro vita.

Tuttavia, questa è stata ufficialmente classificata come informazione top secret, al punto che nessuno, tranne Pedro Sanchez, l’ha ancora segnalata, timorosi di ciò che accadrebbe loro, se lo facessero.

Qua sotto vi lasciamo alcuni articoli che potrebbero interessarvi.

Antico forte romano del II secolo D.C. trovato in Scozia
Condividi
Iscriviti
Inviami notifiche
0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
0
Ehi Sicarios! Vogliamo un tuo parere, lasciaci un commento!x