Un problema di qualità, forse pigrizia, affligge questa grande passione, rovinandone anche la reputazione…

Non definirti cosplayer se… beh ci sono una moltitudine di motivi per cui una persona non si può definire così e questi sono solo l’inizio.

Cosplayer significa in pochissime parole, divertirsi interpretando il proprio personaggio preferito, su questo non c’è nessun dubbio, anche se molti entrano in questo mondo per cercare un fantascientifico successo chissà dove.

Specialmente in Italia il cosplayer è ancora valutato più come un fenomeno per foto agli eventi che per una crescita anche lavorativa seria, ma è colpa anche degli Italiani stessi.

Di solito il cosplayer Italiano medio, inizia sempre la sua avventura con un costume acquistato dai siti web di vendita asiatici più famosi, come Wish o Alì Express, per poi sfoggiarlo in qualche manifestazione locale o nei social per i più pigri e associali.

Las 10 Cosplayers Mas Famosas del Mundo? - La Cueva del Lobo

Il problema diventa grave, quando si continua per questa strada, cioè si prosegue ad acquistare online il costume di Goku o di Naruto, giusto per fare un esempio.

Questo non toglie il divertimento, si troveranno comunque amicizie a causa della reciproca passione per un personaggio o la serie correlata, ma per quanto riguarda la qualità, andiamo a perdere molto, soprattutto quando questi partecipano alle gare cosplay.

Io personalmente partecipo a molte fiere del fumetto e videogames in tutta Italia, siamo anche media partner di una buona parte e così partecipiamo attivamente con le organizzazioni, soprattutto con chi organizza gare con diversi premi.

Si parla spesso della qualità delle gare che cambia da regione a regione, trovando maggior successo dei cosplayer nelle città più importanti, mentre in quelle più piccole e meno abitate la professionalità viene a meno.

Sarà forse la mancanza di competitività o i pochi esempi da cui prendere spunto?

Ricordando che se a fine giornata in fiera sei felice e hai conosciuto nuovi amici hai vinto su tutto, ecco alcuni casi in cui non ci si può definire un vero e proprio cosplayer…

I cosplay acquistati online

Ci sono milioni di costumi dedicati a personaggi di fantasia nel web, come dicevo prima, specialmente in Cina, dove la passione per i cosplay è molto più diffusa che nel resto del mondo.

Acquistando quindi il costume, puoi realmente definirti cosplayer?

Se per te fosse così, allora significa che a carnevale non abbiamo un Arlecchino o un Batman, ma dei cosplayer veri e propri, oppure bisogna dare differenza per le occasioni dove indossiamo un costume acquistato?

Quindi se mi vesto da Superman in fiera sono un cosplayer, mentre se indosso il medesimo travestimento a carnevale in piazza e solo un abito carnevalesco?

Carnival in Italy Goes Digital for 2021 | ITALY Magazine

Penso profondamente che questo non abbia a che fare quasi nulla con il mondo cosplay, che dovrebbe vedere impegnarsi di più nella costruzione del costume del personaggio, anche modificandolo a piacere per renderlo più simile a ciò che uno vorrebbe.

Se si fa una piccola ricerca si scopre che i cosplayer più famosi al mondo sono appunto dediti a usare dei veri e propri fai da te, nel caso acquistando solo parte degli accessori online, ma veramente pochi.

Al giorno d’oggi possiamo imparare a lavorare con tutti i materiali solamente guardando dei piccoli video tutorial sul web, oppure leggendo qualche articolo guida.

Creating a Costume/Cosplay From E.V.A Foam : 10 Steps - Instructables

Non c’è scusa che campi di fronte a tutto questo, basta avere voglia di fare e ricordare che con la pigrizia non si va da nessuna parte.

“La linea che separa il successo dal fallimento si chiama ‘Non avevo tempo’, oppure non ne ero capace!”

Donovan Rossetto

La interpretazione va presa in considerazione

Avrebbe senso vestirsi da DeadPool e fare il serio e associale tutto il tempo? Vestirsi da Enigmista e non prepararsi qualche indovinello da fare alla gente?

Insomma la fantasia e gratis, usatela!

Nelle competizioni sul palco, solitamente viene anche premiata la interpretazione, di solito facendosi aiutare con un audio di sottofondo, con la maggior parte di volte le voci originali dalla serie o altro.

Qualche volta ho visto cosplayer interpretare senza aiuto di voci registrate il proprio ruolo e mai ho visto non essere premiato tale impegno.

Sembra quasi di assistere a un opera teatrale e proprio come in questa, l’emozione arriva se abbiamo fatto bene la nostra scena.

BlizzCon 2018: Cosplay Exhibition gallery

Non ci si può definire cosplayer se non interpretiamo nemmeno per scherzo il nostro personaggio, saresti solo un musone in costume, almeno che il personaggio non lo richieda.

Il troppo nudo è inappropriato

Cosplayers che indossano un costumino da mare e del trucco facciale? Ma che diamine!

Di solito capita solo di vederli online nei social, con affiliato il link di OnlyFans, ma a volte invece, sono proprio di grande autostima dovuta ai commenti positivi ricevuti dal sesso opposto.

È normale che se scegliamo di interpretare Lamù, saremo costretti a essere un poco svestiti, ma cercate di limitare la nudità, altrimenti potrebbe sembrare che la vostra poca fantasia voglia essere nascosta mostrando invece le vostre forme, così da deviare l’attenzione, magari dal made in china del costume.

Sexy Jinx Cosplay - League of Legends by mimsrocks on DeviantArt

Nelle fiere specialmente, dovete ricordare che ci sono persone di tutte le età, insomma potrebbe diventare tutto abbastanza imbarazzante.

Una bella armatura creata nel proprio garage è sempre più sexy di un corpo mezzo nudo!

Aggiungo inoltre che se una persona opta per il costume di Tarzan o Jane, sta giocando facile, provate con Cita!

La Guerra tra Cosplayer

Se almeno una volta hai fatto parte anche per poco a una di queste guerre online o dal vivo, non puoi definirti cosplayer.

Queste guerre sono il mezzo, secondo i cosplayer che abbiamo intervistato, per fare visual quando altrimenti non ci sarebbero.

Quindi un mondo per farsi notare senza impegno e bravura! Brutta storia!

7 Last-Minute Cosplay Tips for Star Wars Celebration Chicago | StarWars.com

I cosplayer di cui abbiamo dichiarazione scritta sul nostro quotidiano, parlano sempre di questa brutta rivalità che si trova alle fiere e soprattutto nei social.

Questa rivalità dal vivo va fortemente calando, ma vi assicuro che online ne esiste moltissima, la maggior parte dei cosplayer vive in tensione e basta poco per far tramutare un commento in guerra social.

Dal vivo le cose cambiano e non si vede quasi mai una lite o un dibattito accesso, solo brutti sguardi e indifferenza, anche questi osceni in questo magico contesto no trovate?

Farsi la maggior parte di lavoro da soli!

Insomma è facile valutare quale sia la cosa migliore e ora ve la mostro a immagini!

Puoi parlare di queste mie teorie con me in fiera!

Noi del El Cartel Del Gaming siamo ospiti a Pordenone il 20-21 Novembre 2021 all’evento Games&Co, ci troverete in centro fiera davanti al palco delle gare cosplay.

Saremo li per far giocare i cosplayer con dei quiz e dare dei videogiochi per computer e console ai vincitori!

Se avete qualche idea diversa dalla mia, beh potremo di certo discuterne in un luogo dedicato no?

Condividi

About Donovan Rossetto

Esperto RetroGamer, scrittore, giornalista e divulgatore di tematiche legate al mondo del Mistero. Appassionato di StarWars e della nuova console Microsoft. Passa il tempo nella ricerca di verità e giocando all'Oculus! Uno dei più forti in Italia su CS:GO e sui giochi picchia-duro.

View all posts by Donovan Rossetto
Iscriviti
Inviami notifiche
0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti