Il Cavaliere Verde capovolge la tradizione arturiana durante i suoi momenti finali, rispondendo a cosa significa essere un uomo d’onore.

Sir Gawain e il Cavaliere Verde, un film veramente innovativo a livello di riprese e trama, indimenticabile…

Un uomo che vorrebbe essere re giace accucciato, rannicchiato sulle mani e sulle ginocchia. È il giorno che ha temuto tutto l’anno e, a quanto pare, l’ora della sua morte. 

Eppure, in questo momento, dopo aver visto la sua vita balenare davanti ai suoi occhi, il Gawain di Dev Patel non è mai apparso più alto o più libero dal terrore dell’insicurezza. 

Il personaggio non è ancora tecnicamente un cavaliere, ma mentre getta via una magica fascia verde e chiede al suo carnefice, un cavaliere verde fatto di corteccia e fiori , di fare del suo peggio, Gawain ha davvero raggiunto la grandezza per cui ha lottato nell’ombra di Re Artù.

Questo è il motivo per cui l’imponente guerriero di smeraldo di Ralph Ineson si china e sussurra come un nonno gentile la sua approvazione. 

Va bene, Gawain, va bene. “Ora piccolo cavaliere”, aggiunge, “vai con la testa”.

Sono sicuro che la battuta finale e improvvisa ha lasciato molti spettatori scioccati e forse anche un po’ confusi. 

Dopo tutto ciò, la visione che Gawain aveva di se stesso che assumeva il trono di Artù si era annullata? 

E l’eroe imperfetto che abbiamo visto per due ore ha raggiunto la vera virtù cavalleresca nello stesso minuto della sua morte, che il Cavaliere Verde promette che sta per accadere fuori dallo schermo? 

Inoltre, perché è successo tutto questo?

C’è molto da disfare sull’interpretazione struggente e spesso surreale di David Lowery di Sir Gawain e il Cavaliere Verde , ma c’è una buona ragione per cui il finale più felice in assoluto per il povero Gawain è quello che si conclude con la sua rapida decapitazione.

Il finale della poesia originale del Cavaliere Verde

Forse la cosa più sorprendente del finale di The Green Knight è il modo in cui integra e modifica la risoluzione del poema epico del 14° secolo su cui si basa. 

Affrontando una ballata che lo ha profondamente colpito quando l’ha letta per la prima volta da adolescente, e ancora di più quando ha scelto che fosse il modello per un film, Lowery è sorprendentemente vicino a molti dei più piccoli dettagli nella storia di 800 anni .

Ad esempio, la prima riga di dialogo pronunciata da un personaggio del film – quando Essel di Alicia Vikander dice “Lodate il Signore, è nato Gesù Cristo” – è tratta da come l’autore anonimo descrive i primi pensieri di Gawain ogni mattina che si sveglia. 

Tuttavia, in Il cavaliere verde di Lowery , quel risveglio avviene la mattina di Natale e la persona che pronuncia le parole a Gawain è una prostituta con cui ha trascorso la vigilia di Natale. 

Non è certo un momento propizio per parlare di Cristo, ma ripeto, Essel è probabilmente il personaggio più virtuoso del film grazie alla sua ingenua praticità. 

Questo è un esempio di come il film segua la trama del poema aggiungendo un contesto e un sottotesto spesso impegnativi ai suoi valori medievali. 

Che nel culmine del film arriva quando incontriamo nuovamente Vikander nei panni di un personaggio diverso: la Signora di un maniero sposata con un gioviale Lord interpretato da Joel Edgerton. 

Vivono nel lusso dell’alto Medioevo con una donna anziana inspiegabile che è apparentemente cieca e muta, e intrappolano Gawain in uno strano gioco: il Signore di Edgerton regalerà qualsiasi animale che ucciderà durante le sue cacce durante il giorno, e Gawain condividerà con il suo Signore qualsiasi regalo che potrebbe ricevere in casa. 

GreenKnight-D12-0190.DNG

Quando quel dono arriva sotto forma inaspettata di seduzione dalla moglie del Signore, Gawain è costretto a baciare con riluttanza il suo ospite sulle labbra, il tutto mentre continua a nascondere che ha ricevuto una presunta cintura verde magica come regalo da lei.

Questi eventi si verificano tutti in Sir Gawain e nel Cavaliere Verde , tuttavia qui si verificano con un significato diverso. 

Sulla pagina, Gawain è in grado di resistere alle avances della Signora in tre diverse occasioni, invece di capitolare all’istante sullo schermo. 

E mentre bacia con orgoglio il suo Signore sulla bocca nel poema, nasconde ancora che la Signora gli ha dato una fascia magica che lo terrà al sicuro dall’ascia del Cavaliere Verde. 

Questo diventa cruciale alla fine del poema poiché quando Gawain incontra di nuovo il Cavaliere Verde nella Cappella Verde, il suo nemico color erba rivela che è lo stesso Signore del maniero interpretato da Edgerton in Il Cavaliere Verde !

A quanto pare, il Signore è stato trasformato dalla magia nell’indistruttibile Cavaliere Verde da Morgan le Fay, la sorellastra di Re Artù che anche tramite la magia si è travestita da vecchia cieca che vive in quello strano maniero. 

Inoltre, tutta questa farsa non era mai stata pensata per Gawain; fu orchestrato nella speranza che un uomo del re decapitasse il Cavaliere Verde, che allora non sarebbe morto. 

Sarebbe stato uno spettacolo così scioccante, pensò Morgan, che avrebbe spaventato a morte la regina Ginevra.

Nella tradizione arturiana del XIV secolo, Morgan le Fay non era ancora la principale antagonista dei racconti, ma era ancora una presenza ambigua. 

Il viaggio di Gawain nell’apprendere che nonostante tutte le sue virtù era ancora fallibile da quando ha nascosto la fascia verde al Signore è quasi un caso narrativo.

Così finirono Sir Gawain e il Cavaliere Verde nel XIV secolo. 

Ma è davvero quello che sta succedendo alla fine del film del 2021, con il Signore e la Signora in combutta con un invisibile Morgan le Fay? Sì e no.

Il gioco giocato dalla madre di Gawain

Mentre il finale del materiale originale di The Green Knight rivela che il personaggio titolare è il Lord di Edgerton travestito, ovviamente non è di questo che parla il film di Lowery. 

Infatti, vediamo come il Cavaliere Verde viene convocato dalla madre senza nome di Gawain nel film, risorto dalle erbacce della terra come se fosse la divinità pagana che chiamiamo “l’Uomo Verde” incarnata.

C’è sicuramente una stregoneria pagana nella donna interpretata da Sarita Choudhury. 

Si rifiuta apertamente di andare alla festa di Natale di suo fratello re e usa invece la magia Wiccan per evocare un campione nato dalla natura. 

Sappiamo che è in combutta con il Cavaliere Verde, ma non è immediatamente chiaro a quale fine. 

Tutto ciò che è evidente è che quando si nasconde sotto una benda, è alla festa di Camelot in spirito quando il Cavaliere Verde si intromette.

Nella tradizione arturiana, la madre di Gawain si chiama Morgause, ed è una delle numerose sorellastre estranee di Arthur. 

In effetti, prima che la maga Morgan le Fay fosse descritta dai testi successivi al XIX secolo come l’ultimo cattivo dei racconti arturiani, persino dando alla luce l’aspirante usurpatore di Artù Mordred, era Morgause che diede alla luce sia Gawain che Mordred in Le Morte d’ Arthur , quest’ultimo per incesto dopo essere andato a letto con il fratellastro Arthur.

Quando abbiamo parlato con lo sceneggiatore-regista Lowery di The Green Knight , gli abbiamo chiesto se avesse intenzionalmente mescolato la Morgan le Fay dell’originale Sir Gawain e la favola del Green Knight con la madre di Gawain.

Dice Lowery, “In modo molto esplicito non abbiamo dato un nome a nessuno dei personaggi, a parte Gawain, Essel e Winifred. Nessuno è nominato. Re Artù è solo “il re“. 

Merlino è solo “il mago”. Quindi Morgan le Fay nella nostra storia è la madre di Gawain

E volevamo abbracciare ciò che faceva la poesia originale, che era che Morgan le Fay fosse il personaggio che sta dietro a tutto, ma volevo che il suo obiettivo, la sua trama fosse parte integrante del viaggio di Gawain“.

Continua:

Nel poema originale, Gawain intercetta casualmente questo complotto subdolo per spaventare a morte Ginevra, e si mette in mezzo

Ma non era destinato a recitare un ruolo in ciò che Morgan le Fay stava evocando quel giorno, quella mattina di Natale

Quindi volevo onorare il suo ruolo nella storia ma anche farla girare ancora intorno a Gawain. 

E il modo in cui alla fine ho capito che potevo farlo è stato quello di combinare il personaggio della madre di Gawain con Morgan Le Fay e renderli una cosa sola”.

L’alterazione cambia anche il motivo per cui il Cavaliere Verde è venuto a Camelot quel giorno, così come il significato della fascia verde per Gawain. 

Nel testo originale, non importava davvero chi avesse tentato di decapitare il Cavaliere nel gioco di Yuletide, ma in The Green Knight , Gawain che accettava la sfida potrebbe o meno essere l’intero punto cruciale del piano di sua madre.

Andiamo avanti

Sebbene sia aperto all’interpretazione, penso che il Cavaliere Verde fosse destinato personalmente all’indebolito Re Artù di Sean Harris, che è l’unico uomo alla Tavola Rotonda desideroso di affrontare la sfida. 

L’avrebbe fatto anche lui, se non fosse stato per la debolezza nelle sue mani (anche un cambiamento rispetto alla storia originale). 

Quindi c’è uno scenario che potrebbe essersi verificato in cui Arthur ha decapitato il Cavaliere Verde e poi è stato condannato a passare un anno a sistemare i suoi affari prima di incontrare di nuovo il nemico il prossimo Natale.

Tuttavia, c’è l’altra ruga aggiunta nel film che il Cavaliere Verde dà a Gawain un’uscita. 

Dice esplicitamente che è la scelta di Gawain di colpirlo quanto vuole o di lasciare solo un graffio. 

Arthur avverte il nipote di ricordare “è solo un gioco” e Ginevra ha il cuore spezzato quando Gawain taglia di netto la testa del Cavaliere Verde. 

I reali sapevano che quella era la strategia perdente.

Direi, quindi, che è per questo che Morgan di Choudhury regala a suo figlio la sua prima fascia verde. 

Vuole che suo figlio diventi re, proprio come le moderne interpretazioni di Morgan le Fay hanno il suo desiderio che Mordred usurpi Arthur.

Va anche notato che The Green Knight implica che Mordred esiste nell’universo di questo film poiché Arthur chiede a Gawain di prendere una sedia vuota accanto a lui, destinata a un altro che se n’è andato.

Chi è la signora del maniero di Alicia Vikander?

In Sir Gawain e il Cavaliere Verde la fascia verde dovrebbe essere la salvezza di Gawain, il che ci riporta a Lord and Lady di Vikander e Edgerton. 

Quando Gawain raggiunge la loro casa, ha perso la cintura e gran parte della sua integrità, durante la ricerca. 

Ergo, gli occupanti in attesa della casa sono lì per tentare la virtù di Gawain, invece di metterla alla prova.

Come dice Lowery, Morgan le Fay ha qui più o meno la stessa funzione che ha nella storia originale, e questo include il suo essere la mente travestita da fragile vecchia. 

Considera che la donna cieca che Gawain vede sempre in presenza della Signora di Vikander indossa l’esatto tipo di benda che indossava la madre di Gawain mentre evocava il Cavaliere Verde. 

È lì per assicurarsi che suo figlio riceva una seconda cintura verde che avrà proprietà magiche per tenerlo al sicuro.

Il che ci porta alla seduzione vera e propria. 

Nel testo, la Signora di Vikander è lì per mettere alla prova la virtù di Gawain. 

Sullo schermo, è determinata a distruggerlo, da qui la curiosa doppia interpretazione di Vikander nei panni sia di Essel, la prostituta che Gawain forse ama, sia della signora cortese che lo dissuade così facilmente dalle sue preoccupazioni riguardo al desiderio della moglie di un altro uomo.

Una lettura di livello superficiale potrebbe riguardare la capacità limitata che Gawain ha di aderire al Codice Cavalleresco, in cui gli uomini si sforzano di essere nobili e tutte le donne sono ridotte a fiori appassiti e possedimenti per i loro signori signori. 

In questo senso, tutte le donne sembrano in qualche modo uguali a Gawain. 

In effetti, tali ipotesi sono ripetutamente messe in discussione sullo schermo mentre viene battuto da più donne, a cominciare dalla coppia di ladri che lo catturano e gli rubano la prima fascia verde, e ora di nuovo dalla donna che gli dà un’altra fascia facendo appello ai suoi desideri lussuriosi…

Ma a una lettura del genere mancano i temi più grandi al lavoro, così come la magia implicita in gioco nella casa di Vikander e Edgerton. 

Il loro castello è più di un semplice rifugio e la sua Signora è più di una semplice seduttrice. 

Sir Gawain e il Cavaliere Verde il libro

Nella scena in cui si arrampica in cima a Gawain, rompe solo le sue (mite) proteste chiedendo se crede nella stregoneria e nella magia. 

Come ogni brav’uomo del Medioevo, dice naturalmente.

Solo quando menziona la magia e offre una fascia verde come ha fatto la strega madre di Gawain, Gawain abbandona ogni pretesa di virtù, soccombendo alla bellezza della signora e alla sua magia. 

Si sta arrendendo alla paura della morte tanto quanto alla lussuria, sapendo a livello primordiale che se si arrende a lei, la magia che lei promette gli salverà la vita dalla lama del Cavaliere Verde.

L’intera casa è stata progettata da sua madre e dalla sua congrega come una trappola per sedurre e proteggere Gawain attraverso le sue debolezze. 

Se presti attenzione all’inizio del film, una delle strane “sorelle” senza nome che aiutano Morgan a evocare il Cavaliere Verde ha la stessa pettinatura che ha Vikander quando Gawain arriva per la prima volta in quella casa. 

Mentre la madre di Gawain ha assunto l’aspetto di una vecchia donna cieca, un’altra strega (e forse l’effettiva sorella di Gawain) ha assunto l’aspetto della donna che Gawain ama ma è troppo sciocca per sposarsi. 

Si rifiuta di prendere Essel in moglie a causa della sua bassa statura, ma si lascia sedurre dal suo viso quando appartiene a una “Signora” di alto rango, nonostante la signora sia la moglie di un altro uomo.

La madre di Gawain vuole che suo figlio abbia la fascia perché lo terrà al sicuro e gli permetterà di tornare a Camelot come eroe e vero erede di Arthur. 

Ecco perché la decisione finale di Gawain è così significativa.

La fine del coraggioso Sir Gawain e il Cavaliere Verde

Tutto ciò ci riporta alla Cappella Verde e alla decisione di Gawain di confessare che indossa una cintura verde magica e di buttarla via. 

Qualche istante prima, Gawain ha una visione di come sarebbe la sua vita se sopravvivesse all’ascia del Cavaliere Verde, per magia o per codardia. 

Fugge e torna a casa, affermando di essere sopravvissuto alla sua ricerca con onore.

Nel montaggio silenzioso, vediamo che tipo di onore gli offre il giocare a giochi politici e cedere all’ambizione. 

Diventa re e sposa una donna che non ama. 

Nel frattempo, la donna che ama, Essel, viene abbandonata dopo che Gawain le ha rubato il figlio. 

Alla fine, vive una vita di finto onore, nascosto dietro la falsa sicurezza e protezione che gli offre la fascia verde. 

A differenza di suo zio, non offre a Camelot un’età dell’oro: c’è solo morte e ignominia da un percorso egoistico così cauto. 

E tra 20 anni o giù di lì, perderà ancora la testa.

Tutto ciò lampeggia davanti agli occhi di Gawain nel momento della sua più grande paura: la caduta dell’ascia del Cavaliere Verde. 

Fino a questo punto, ha tentato di apparire maestoso come un cavaliere (o re), ma per tutto il film ha fallito più e più volte nell’essere veramente virtuoso. 

Fu preso da una banda di furfanti nel bosco dove implorò per la sua vita; ha prima chiesto il pagamento al fantasma di una ragazza assassinata invece di aiutarla semplicemente a trovare la pace; e poi ricevette la fascia verde attraverso un momento di mostruosa infedeltà e resa carnale.

Come dice la Signora di Vikander, il rosso è il colore della passione e il verde il colore della passione il mattino dopo. 

La sua fascia verde rappresenta sia la vita che la morte, la fioritura e la decadenza, ed è macchiata dal seme letterale del suo peccato. 

Indossarlo potrebbe permettergli di ingannare la morte oggi, ma infonde una vita di codardia. 

Una macchia sul suo onore.

La volpe di Sir Gawain e il Cavaliere Verde?

Probabilmente sua madre sospettava un ripensamento, motivo per cui ha anche preso la forma di una volpe per avvertire suo figlio che potrebbe affrontare il suo destino se incontra il Cavaliere Verde: sappiamo che la volpe è davvero Morgan perché nella scena finale dell’animale è parla con la voce della madre di Gawain.

Quindi nei momenti finali del film, Gawain capisce tutto questo, e la strada ignobile sulla quale la sua natura lo sta conducendo, e trova il coraggio temuto da sua madre: si toglie la fascia e affronta l’ascia del Cavaliere Verde leale e squadrata.

Questo è anche il nodo tematico del testo originale. 

Come ci dice Lowery, “Alla fine fallisce [nel poema], Gawain non è all’altezza del Codice Cavalleresco a cui è legato. 

Quando si inginocchia davanti al cavaliere con la cintura indosso, si avvicina al suo stato con la codardia nel suo cuore. 

Quindi volevo prendere quella fallibilità e presentarne una versione più binaria e avere un personaggio che non è ancora il cavaliere della leggenda ma che ha spazio per crescere fino a quel punto”.

Eppure, Lowery ha anche cambiato il significato di quel finale, incluso il destino di Gawain. 

Nella poesia, Gawain non dice al Cavaliere Verde che indossa la fascia (proprio come l’ha nascosta al Signore), perché teme la morte nonostante tutta la sua virtù. 

Nel film, Gawain è un uomo che trascorre la mattina di Natale in un bordello e ha vissuto tutta la sua vita senza un vero onore. 

Ma nel momento in cui contava di più, è diventato un vero cavaliere togliendosi la cintura.

È un completo capovolgimento del finale del poema, trasformandolo in una storia sul vivere in pace con te stesso, al contrario di un Codice impossibile impostoti dalla società. 

Per molti versi, è come se la Signora di Vikander dicesse anche che cambia le storie che legge quando vede margini di miglioramento, anche se Lowery ci dice che quel verso non doveva essere autoreferenziale su come ha adattato la poesia.

“Sapevo che mi sarei messo nei guai per questo”, ride il regista. “Non so cosa mi passasse per la testa quando l’ho scritto, ma Alicia se ne è innamorata.” 

Ha anche quasi tagliato la linea in post-produzione fino a quando Vikander non lo ha convinto a tenerlo.

Intenzionale o meno, l’ammissione della Signora è ciò di cui tratta l’intero finale del film. 

Gawain ha trovato grazia e vera nobiltà, migliorando se stesso e la sua storia. 

Sfortunatamente per Gawain, la vera virtù cavalleresca non è uno scudo, e trovandola ha anche trovato il suo ultimo atto. 

Così l’ultimo verso del Cavaliere Verde. “Ora piccolo cavaliere, togliti la testa.”

Se puoi vivere con te stesso, puoi anche morire in pace. 

È cavalleresco…

Altri articoli selezionati per te:

Condividi

About Donovan Rossetto

Esperto RetroGamer, scrittore, giornalista e divulgatore di tematiche legate al mondo del Mistero. Appassionato di StarWars e della nuova console Microsoft. Passa il tempo nella ricerca di verità e giocando all'Oculus! Uno dei più forti in Italia su CS:GO e sui giochi picchia-duro.

View all posts by Donovan Rossetto
Iscriviti
Inviami notifiche
0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti