L’omosessualità nell’antica Roma: LGBT nella storia.

L’omosessualità greca è stata posta su un piedistallo, considerata un modello degno e rispettabile per il romanticismo da filosofi, scrittori e amanti allo stesso modo. 

La realtà è, tuttavia, che l’amore e il sesso per la comunità queer devono di più agli antichi romani. Il loro approccio era più grintoso, più sporco e talvolta altrettanto romantico. L’omosessualità nell’antica Roma…

 Tuttavia, è una visione del sesso e dell’amore che solo ora stiamo arrivando ad abbracciare.

L’attrazione dell’antica Grecia per gli uomini gay è molto più nota. Attivisti pionieri come John Addington Symonds (1840-1893) e George Cecil Ives (1867-1950) si sono rivolti alla Grecia come modello rispettabile. 

Offriva loro un precedente legittimante per l’amore elevato e spirituale tra gli uomini. Lo trovarono attraverso la filosofia platonica e gli esempi storici e mitici di amanti devoti.

Were the Romans gay? LGBTQ Londinium

L’amore greco è celebrato nel loro lavoro per la “sublimità” e l’apprezzamento “estetico” della bellezza maschile. 

Tuttavia, quando si descrive l’amore romano e le pratiche erotiche abbondano parole come “grossolano”, “osceno” e “lussuria”. Per loro, l’omosessualità romana non si esprimeva con l’amore romantico, ma con orge sfrenate . 

È spesso legato al famigerato imperatore Nerone. Un sovrano edonistico che sposò sia donne che uomini. 

Un uomo che si crede si sia divertito a penetrare tanto quanto gli è piaciuto essere penetrato dal suo ben dotato marito .

Questi autori criticano anche la licenza degli scrittori romani tra cui Petronio, il cui romanzo il Satyricon è diventato sinonimo di decadenza romana . 

Catullo , nella cui opera si trovano teneri versi d’amore per donne e ragazzi accanto a immagini sessuali scioccanti. Spesso attaccati per oscenità furono anche i poeti Giovenale e Marziale.

Roma romantica

Demonizzare il vizio romano era politicamente conveniente. 

Ciò ha evidenziato la virtù dell’omosessualità greca e conferito un simile splendore virtuoso a coloro che hanno denunciato i modi dissoluti di Roma. 

Ma per coloro che non sentivano il bisogno di scusarsi per i propri desideri, i romani fornivano un modello positivo.

Mentre l’omosessualità greca era piuttosto incruenta – usata per dimostrare che l’amore tra due uomini poteva essere rispettabile – Roma è in grado di comprendere un insieme molto più strano e vario di possibilità erotiche.

15 LGBT Love Stories From Ancient Greece and Rome

Quando Roma è abbracciata, l’amore e il sesso non devono necessariamente escludersi a vicenda. 

Questo può essere visto nel romanzo pornografico anonimo e clandestino del 1893 Teleny .

Cenni a Roma nel romanzo includono scene di sesso con un linguaggio che ricorda le immagini trovate nelle opere di Catullo e Marziale. 

Ad esempio, durante un’orgia, gli uomini travestiti sono solleticati da dipinti che ricreano murales romani sessualmente espliciti. 

Ci sono anche passaggi sull’ossessione di Roma per gli enormi peni, che si riflette nel suo culto del dio Priapo , famoso per il suo enorme membro.

Teleny suggerisce addirittura che l’amore, e non solo il sesso, tra uomini possa essere influenzato da Roma. La coppia devota che forma il cuore emotivo del romanzo viene ripetutamente presentata come l’ imperatore Adriano e la sua amata, Antinous . 

Just how raunchy were the Ancient Romans? | Newstalk

L’uso del romanzo di questa coppia romana suggerisce persino che l’amore tra due uomini può sopravvivere oltre la morte, ricordando il lutto di Adriano per il suo amante dopo la sua prematura scomparsa e immortalando Antinous in tutto l’Impero.

Il libro è talvolta attribuito a Oscar Wilde. Tuttavia, Wilde si difese pubblicamente dalle accuse di essere un “sodomita” facendo appello alla visione idealizzata dell’amore greco. 

Eppure, in privato, giocherellava con il modello piacevolmente decadente offerto da Roma e dall’imperatore Nerone.



Il linguaggio segreto dell’amore queer e L’omosessualità nell’antica Roma…

Wilde era tutt’altro che il solo a rispondere all’antica omosessualità in modo piuttosto diverso a seconda che operasse in un contesto pubblico o privato. 

Anche se l’attivista John Addington Symonds deplorava il vizio romano mentre celebrava la virtù greca nelle sue opere di campagna pubblica , era molto meno pudico nel suo diario privato .

Lì, descrivendo un incontro sessuale con un amante maschio, scivola dall’inglese al latino. 

Scrivendo sul sesso usando la stessa lingua dell’antica Roma, Symonds partecipava a una lunga tradizione moderna. 

Gay Marriage—Nothing New Under the Sun – Catholic World Report

Il latino è stato usato come lingua privata in cui gli uomini delle classi superiori potevano parlare tra loro di sesso, sicuri nella consapevolezza che le loro mogli o servitori non sarebbero stati in grado di capire.

Roma ha fatto appello a molte meno donne LGBTQ+ rispetto agli uomini, proprio perché è principalmente un’élite maschile che ha avuto accesso a un’istruzione classica. 

Eppure Roma ha giocato un ruolo nell’amore tra donne per pochi privilegiati e straordinari individui.

L’omosessualità nell’antica Roma era nella normalità…

Molto prima dell’era vittoriana, Anne Lister (1791-1840) di Shibden Hall e di fama di Gentleman Jack , si rivolse a Roma per una varietà di possibilità erotiche.

Lister aveva studiato greco e latino con un insegnante privato. Sosteneva che il greco fosse la sua lingua preferita, ma gli esempi romani le piacevano quando si trattava di questioni di cuore e di altre parti del corpo. 

Si riferiva civettuolamente alle Metamorfosi di Ovidio per sondare se una nuova amica fosse consapevole delle bizzarre possibilità dell’antichità, si masturbava con il poeta Giovenale (che sicuramente non aveva mai immaginato un tale uso per le sue satire che condannavano selvaggiamente il sesso tra donne), e tradusse Marziale per la sua amante Marianna, prima di buttarsi nel letto con lei – presumibilmente per non dormire.

In Kirby Dick's Documentary, Homosexuality and Politics - The New York Times

Da una vasta gamma di possibilità erotiche e un linguaggio sessuale privato, a modelli per relazioni romantiche, Roma ha avuto un impatto importante sulle vite e sugli amori queer. 

Sì, è molto più basso e sporco, ma per molti versi è molto più realistico. 

In quanto tale, dovremmo metterlo su un piedistallo uguale a quello della bella stranezza greca e celebrare il piacere e il dolore dell’amore e del sesso romani.

Luca della Pixar potrebbe essere una storia Gay/Queer
Donovan Rossetto ama l'informazione, ma è anche un videogiocatore e scrittore. Con una vasta conoscenza dell'industria videoludica, Rossetto offre una prospettiva unica e interessante su entrambi i temi. Inoltre, come scrittore, Rossetto ha saputo combinare la sua passione per gli UFO e i videogiochi in una serie di articoli e libri che hanno appassionato i lettori di tutto il mondo.
Iscriviti
Inviami notifiche
0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
0
Ehi Sicarios! Vogliamo un tuo parere, lasciaci un commento!x