Amazon: robot hanno già sostituito 100.000 dipendenti

Amazon, l’azienda di Jeff Besos, ha sostituito circa 100.000 lavoratori con i suoi robot.

Amazon, che impiega 1,5 milioni di persone, ha ridotto la propria forza lavoro di oltre 100.000 dipendenti rispetto al picco di 1,6 milioni nel 2021. Questo cambiamento coincide con una rapida espansione della sua flotta di robot, passata da 200.000 nel 2019 a oltre 750.000 Oggi.

L’automazione e la robotica avanzano a un ritmo rapido. I robot di oggi possono già svolgere compiti ripetitivi e pericolosi con una precisione e una coerenza, che difficilmente gli esseri umani possono eguagliare.

Tuttavia, questa efficienza meccanica porta con sé lo spostamento dei lavoratori umani. Le macchine possono funzionare 24 ore su 24, 7 giorni su 7, senza necessità di pause, stipendi o benefit, il che le rende estremamente attraenti per le aziende che desiderano ridurre i costi e aumentare la produttività. La conseguenza immediata di ciò è la perdita di posti di lavoro nei settori in cui le attività possono essere automatizzate.

Un assaggio di questo scenario si sta attualmente delineando nelle mani del secondo datore di lavoro privato più grande del mondo, Amazon.com. L’azienda di Jeff Bezos ha già aggiunto più di 750.000 robot alle sue fila, compresi i modelli Sequoia e Digit.

Sequoia accelera la gestione dell’inventario e l’elaborazione degli ordini, mentre Digit, un robot bipede sviluppato con Agility Robotics, gestisce attività come lo spostamento di scatole vuote.

Questo livello di automazione ha fatto sì che il gigante dell’e-commerce abbia già ridotto il numero dei dipendenti di oltre il 6%, il che significa più di 100.000 persone. E tutto in un periodo di soli tre anni.

Questo è solo l’inizio

Nonostante la portata di questa crescente automazione, Amazon sostiene che i robot hanno portato alla “creazione di nuove categorie di lavori qualificati, in linea con una tendenza industriale più ampia che integra tecnologie avanzate con la forza lavoro umana”.

Mentre la storia della tecnologia ha dimostrato che quando alcuni posti di lavoro scompaiono, ne emergono di nuovi, questa volta c’è un fattore senza precedenti nell’equazione: l’intelligenza artificiale (AI), che sta avanzando a passi da gigante.

Nel prossimo futuro, si stima che l’intelligenza artificiale generale potrebbe arrivare già nel 2027,ed è probabile che i robot AI diventino incredibilmente sofisticati, capaci di svolgere compiti complessi che fino ad ora richiedevano competenze umane avanzate. Ciò include non solo l’industria manifatturiera e la logistica, ma anche settori come la sanità, l’agricoltura e i servizi.

Sembra quindi inevitabile una profonda riconfigurazione del mercato del lavoro. Forse, tra meno di un decennio, non ci sarà altra scelta che applicare un’idea drastica proposta non molto tempo fa dal magnate Elon Musk: un reddito di base universale per tutti, poiché gli esseri umani non saranno in grado di competere con l’efficienza e l’intelligenza delle macchine.

FONTE: Mysteryplanet

Qua sotto vi laaciamo alcuni articoli che potrebbero interessarvi.

Presunto suicidio di un robot in Corea del Sud
Marco Buoso è un esperto del mistero a livello internazionale, con grande esperienza nelle indagini. Il suo contributo è molto importante per il team, considerato uno dei più saggi e dotato di grande saggezza. Buoso ha dedicato la sua vita alla ricerca e alla comprensione dei fenomeni paranormali e misteriosi, accumulando una vasta conoscenza e competenza in questo campo. Attualmente si trova in Brasile dove sta investigando su alcuni fenomeni paranormali, mettendo a disposizione la sua esperienza e la sua competenza per portare alla luce la verità su questi misteri.
Iscriviti
Inviami notifiche
0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
0
Ehi Sicarios! Vogliamo un tuo parere, lasciaci un commento!x