The Last Hope su Switch, il super fake di The Last Of Us

La luce e l’ombra del settore videoludico, una riflessione su ‘The Last Hope’ e la qualità nei giochi Indie.

“The Last Hope” presenta un framerate dinamico che, in modo sorprendente, oscilla tra i 60 fps e un inusuale 15 fps. A volte, il gioco presenta malfunzionamenti con evidenti glitch che scompaiono e riappaiono sullo schermo.

Dall’analisi di APB Reloaded a Life of Black Tiger, Digital Foundry ha esaminato alcuni titoli che lasciano molto a desiderare. In effetti, il Ghost of Phoenix Past ci ha presentato una lista di dodici discutibili giochi Phoenix qualche tempo fa. Credevo di avere familiarità con il concetto di giochi di bassa qualità. Tuttavia, sebbene la notizia delle cartucce ET sepolte in una discarica nel 2014 abbia destato scalpore, si rivela ora che il Nintendo eShop sta diventando il deposito di scelte discutibili dell’era digitale. Ogni settimana, l’eShop è sommerso da una cascata di titoli a basso budget che persino Steam troverebbe discutibili.

West Connection Limited sembra guidare questa tendenza, offrendo una varietà di prodotti che mancano di rifinitura e di funzionalità. In termini di qualità, alcuni dei loro rilasci fanno apparire la LJN al livello di Nintendo. Con un approccio astuto, West Connection ha perfezionato la strategia di utilizzare parole chiave popolari per attirare e, in alcuni casi, trarre in inganno i consumatori. Se giochi come Call of Duty o Battlefield ti sono familiari, potresti essere sorpreso da titoli come “World War: Battle Heroes Field Armies Call of Prison Duty Simulator” o “Counter Bottle Shooter: Pro Aim Master Target Bottle Shoot 3D Game Strike Pistol”.

The Last of Us Dollar Store Knockoff Hits Nintendo Switch

West Connection ha saputo sfruttare al meglio le lacune del sistema di ricerca dell’eShop, ma è stato “The Last Hope: Dead Zone Survival” a catalizzare l’attenzione su di loro. La notorietà è esplosa quando l'”arte chiave” del gioco, che sembrava essere una variante di Ellie da “The Last of Us” con il numero di serie rimosso, è diventata virale sui social media. Questa mossa di marketing ha indubbiamente funzionato, poiché il gioco è rapidamente diventato un argomento di discussione su molte piattaforme digitali.

Al lancio, gli utenti sono accolti da una schermata introduttiva di Unity, seguita da una schermata del titolo statica che sembra prendere ispirazione dall’arte di “The Division” di Ubisoft. Viene presentata una scelta tra tre opzioni: Nuova partita, Caricamento e Controlli. Optando per “Nuova partita”, gli utenti sono trattati con una serie di immagini statiche e didascalie rudimentali che tentano di stabilire una trama, che sembra mescolare elementi di una macchina del tempo, zombi e un’intrigante trama governativa. Successivamente, ci si trova in una sequenza in prima persona, in cui il personaggio del giocatore si risveglia in una stanza d’ospedale. Qui si inizia l’avventura con il protagonista, Brian, un commando che viaggia nel tempo e la cui missione rimane piuttosto ambigua.

Il primo compito affrontato dal giocatore è semplicemente quello di uscire dall’ospedale. Ma è in questo momento che si inizia a percepire la vera natura del gioco. L’ospedale consiste in sole tre aree, separate da schermate di caricamento: una stanza, un corridoio e una scala. Le prestazioni del gioco sono inconsistenti, con un framerate altalenante sin dall’inizio. Sebbene il gioco giri a 1080p in modalità docked e 720p in modalità portatile, le prestazioni sono lontane dall’essere ottimali, rendendo l’esperienza meno che soddisfacente per l’utente.

Dopo aver superato l’area dell’ospedale e sceso le scale, i giocatori si trovano di fronte a una schermata di caricamento protratta che, una volta completata, rivela una città. Questa metropoli urbana, modellata come una strada a forma di U, è l’ambientazione principale del gioco e ospita zombi e vetture muscolari. L’ambientazione visiva non brilla per dettagli: la grafica è di bassa risoluzione, le texture sono ripetute e manca quasi completamente una solida illuminazione. Anche le ombre sono rudimentali e spesso inconsistenti.

The Last Hope on Switch: an absolute disaster and the worst game we've ever  tested | Eurogamer.net

“The Last Hope” presenta un framerate dinamico che, in modo sorprendente, oscilla tra i 60 fps e un inusuale 15 fps. A volte, il gioco presenta malfunzionamenti con evidenti glitch che scompaiono e riappaiono sullo schermo. Tra questi ci sono artefatti bizzarri, ombre instabili e texture alfa corrotte. Ancora più frustrante è il fatto che aprire qualsiasi porta nel gioco possa causare un crash, cancellando tutto il progresso realizzato. E per aggiungere ulteriore sale sulla ferita, al riavvio del gioco c’è il rischio di selezionare involontariamente l’opzione “Nuova partita”, dato che il menu principale è attivo sotto la schermata iniziale di Unity.

La trama del gioco viene trasmessa attraverso caselle di testo che, spesso, interagiscono maldestramente con altri elementi dell’interfaccia. A differenza di molti titoli moderni, “The Last Hope” non offre un doppiaggio e la qualità narrativa dei testi potrebbe far apparire i tweet come opere letterarie profonde. Infine, la colonna sonora è minimale, limitandosi a una traccia nel menu e a un singolo pezzo nel gioco vero e proprio – che curiosamente assomiglia al rumore di qualcuno che russa. Questo “motivo” accompagnerà il giocatore dall’inizio alla fine del gioco.

Incredibilmente, è il design del gameplay e la strutturazione economica interna di “The Last Hope” che suscitano la mia più profonda curiosità. Se affrontato correttamente, il gioco ha una durata effettiva di soli 15 minuti. Tuttavia, gli errori di progettazione rendono estremamente semplice portare il gioco a uno stato di impasse. Analizziamo più da vicino questa peculiarità.

There's a The Last of Us rip-off on Nintendo eShop, so of course I played  it | Eurogamer.net

Il protagonista, Brian, è dotato di una barra della salute e una barra della resistenza. Ha inoltre a disposizione tre principali armi nel corso del gioco: una mazza da baseball, una pistola e un fucile d’assalto. Si potrebbe considerare un’ulteriore arma, il cocktail Molotov, che può essere assemblato tramite un sistema di menu alquanto macchinoso. Durante la mia esperienza di gioco, sono stato in grado di raccogliere abbastanza risorse per creare due di questi cocktail. Nel contesto delle munizioni, ho calcolato la disponibilità di 64 proiettili per la pistola e 100 per il fucile d’assalto. Per abbattere uno zombi, sono necessari tre proiettili dalla pistola, quattro dal fucile o tre colpi di mazza. La mazza può essere utilizzata 20 volte con un solo ciclo di resistenza e sono presenti tre razioni MRE nel gioco per recuperare parzialmente questa resistenza. È importante notare che la resistenza si esaurisce anche quando si corre.

Da ciò emerge una matematica interessante: se ogni colpo andasse a segno, sia di arma da fuoco che di mazza, senza mai correre, si potrebbero abbattere 46 zombi con le armi da fuoco e 12 con la mazza, per un totale di 58 nemici neutralizzati. L’utilizzo ottimale dei cocktail Molotov potrebbe eliminare ulteriori otto zombi. Tuttavia, il gioco presenta una popolazione di zombi che è tre o quattro volte maggiore di questa cifra. Perché è così rilevante? Semplice: a causa di questa sproporzione, se si spreca anche un solo proiettile, si può facilmente finire in una situazione di stallo, rendendo il gioco praticamente ingiocabile.

È incredibile come, con tutte le risorse e le capacità a nostra disposizione, il panorama dei videogiochi possa ancora produrre qualcosa di così scioccante come “The Last Hope: Dead Zone Survivor”. Questo gioco sembra un perfetto esempio di come NON realizzare un videogioco. Dal design incoerente alle meccaniche frustranti, la sua presenza sullo store eShop è un mistero e solleva interrogativi sul controllo qualità e sulla verifica effettuata da Nintendo prima di consentire la pubblicazione di un gioco.

I loved the HBO show so much I had to buy the game! : r/playstation

Ma mentre “The Last Hope” rappresenta il peggio del settore, non dobbiamo guardare troppo lontano per trovare esempi del suo meglio. Mi riferisco ai progetti studenteschi provenienti da un’università tedesca. Progetti come “Repeat After Me” mostrano la vera magia e l’innovazione che può emergere quando menti fresche e appassionate si cimentano nella creazione di videogiochi. Esibiscono non solo competenza tecnica, ma anche originalità nel design e nell’approccio.

Per confronto, i giochi di West Connection Limited sembrano primitivi e senza ispirazione. La loro presenza sullo store eShop è, per me, comparabile a quei fastidiosi pop-up di browser pieni di malware. Mi fa riflettere: come può una piattaforma così affermata come Nintendo permettere la pubblicazione di qualcosa di così evidentemente inferiore?

Il panorama dei giochi indie è popolato da talenti incredibili. Sono costantemente stupito da cosa piccoli team o anche singoli sviluppatori possono realizzare. Ma per ogni gemma, sembra ci sia anche un fiasco come “The Last Hope”.

There's A New Worst Game Of 2023, And It's A Switch Exclusive

La nostra professione ha la responsabilità di monitorare e critica questi titoli. E quando giganti come Nintendo e Sony rimangono silenziosi di fronte a queste critiche, solleva ulteriori preoccupazioni.

“The Last Hope: Dead Zone Survivor” non è solo un brutto gioco; è un promemoria del fatto che, in un settore che spesso loda l’innovazione e la qualità, possono esistere ancora truffe evidenti. E mentre è facile deriderlo, non dobbiamo dimenticarci di ciò che rappresenta e delle implicazioni che ha per l’integrità del nostro amato settore.

Quindi, la prossima volta che ti imbatti in un gioco che potrebbe non essere all’altezza dei tuoi standard, prendi un momento per riflettere sul vasto spettro di qualità che esiste nel mondo dei videogiochi. E ricorda, “The Last Hope” è là fuori, in agguato, come un monito per tutti noi.

Donovan Rossetto ama l'informazione, ma è anche un videogiocatore e scrittore. Con una vasta conoscenza dell'industria videoludica, Rossetto offre una prospettiva unica e interessante su entrambi i temi. Inoltre, come scrittore, Rossetto ha saputo combinare la sua passione per gli UFO e i videogiochi in una serie di articoli e libri che hanno appassionato i lettori di tutto il mondo.
Iscriviti
Inviami notifiche
0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
0
Ehi Sicarios! Vogliamo un tuo parere, lasciaci un commento!x