L’UFO precipitato in Italia aveva due corpi Alieni al suo interno

L’incidente UFO in Italia confermato da Grusch ed Elizondo, aveva due corpi alieni, riporta il giornalista Christopher Sharp.

La comunità globale è rimasta sbalordita dalle straordinarie rivelazioni presentate dall’informatore militare David Grusch , le cui sorprendenti dichiarazioni riguardano oggetti volanti non identificati (UFO).

Nella sua persuasiva testimonianza, Grusch afferma che il governo degli Stati Uniti ha recuperato veicoli di origine non umana, alcuni dei quali in uno stato di completa conservazione e altri parzialmente intatti.

Per la loro credibilità, queste affermazioni costituiscono le dichiarazioni più significative e di impatto rilasciate negli ultimi decenni.

Nel contesto di questi eventi, secondo il periodico francese Le Parisien, Grusch sostiene che gli Stati Uniti e i suoi alleati sono stati coinvolti in programmi clandestini per quasi nove decenni e rivela che una delle navi recuperate si trovava in Italia nel 1933.

UFO believers got one thing right. Here's what they get wrong.

Si presume che questo oggetto volante non identificato (UFO) abbia avuto un incidente durante il periodo in cui l’Italia era sotto il regime fascista di Benito Mussolini.

Le accuse riguardanti gli insabbiamenti sugli UFO hanno origine direttamente nei documenti rilasciati dall’ufficio di Mussolini.

Come riportato in questi documenti, Mussolini fece di tutto per mettere a tacere i testimoni e classificò l’imbarcazione non identificata come altamente classificata.

Lo studio del fenomeno UFO fu privilegiato da Mussolini, che culminò nella formazione di un’organizzazione segreta composta dai più capaci ingegneri e scienziati d’Italia.

Presumibilmente, questa organizzazione sarebbe sotto la guida di Guglielmo Marconi, un rinomato ingegnere e inventore di radio.

Documenti UFO associati a Mussolini

Come riportato da Roberto Pinotti , un rispettato giornalista, scrittore e ricercatore UFO italiano, un presunto incidente che coinvolse un UFO si verificò a Magenta, Lombardia, Italia, l’11 aprile 1933, quattordici anni prima del celebre incidente UFO di Roswell, nel New Mexico.

Record giornaliero di Roswell
Il quotidiano locale Roswell Daily Record riportò la cattura di un oggetto volante a forma di disco l’8 luglio 1947. Credito: Wikimedia

Questo incidente ha coinvolto un oggetto con caratteristiche simili a un disco volante, innescando un’indagine condotta da un’unità segreta di intelligence militare nota come “Gabinetto RS/33” (o Gabinetto RS/33), autorizzata dal dittatore italiano Benito Mussolini a studiare il fenomeno.

Nel libro “UFO Contacts In Italy Volume Two”, Pinotti rivela che l’UFO precipitato era custodito presso gli hangar SIAI Marchetti di Vergiate.

Mentre Mussolini ipotizzava che l’aereo non convenzionale potesse essere un’arma segreta proveniente da Francia, Gran Bretagna o Germania, il senatore Guglielmo Marconi, che guidava la Reale Accademia Italiana delle Scienze, ne avrebbe ritenuto l’origine extraterrestre.

Pinotti riferisce che durante il periodo dal 1933 al 1940 furono registrati in Italia numerosi avvistamenti UFO.

Questo copriva un incidente in cui un aereo da combattimento italiano intercettò un UFO tra Ravenna e Roma, così come diversi avvistamenti UFO sopra le località di Mestre e Venezia nell’agosto del 1936.

I registri UFO in custodia di Mussolini comprendono cablogrammi e rapporti relativi al recupero dell’UFO e alle successive indagini.

Questi documenti implicano che una commissione clandestina, istituita da Mussolini e composta dai ministri fascisti Italo Balbo e Galeazzo Ciano, fosse incaricata di studiare il fenomeno UFO in Italia.

Las Vegas police probe multiple UFO sightings in a night

Gli archivi indicano che Guglielmo Marconi occupava la posizione di primo piano all’interno di quella commissione.

Pinotti fa riferimento all’esistenza di disegni e documenti che sono stati autenticati da uno specialista forense, il dott. Antonio Garavaglia.

Tali documenti sono stati rilasciati ai media italiani, comprese le reti televisive e i giornali di primo piano, suscitando così interesse in relazione al presunto incidente UFO a Magenta.

Recupero del corpo

Il giornalista Christopher Sharp del Liberation Times ha condotto una ricerca completa sull’incidente che ha avuto luogo in Italia e ha scoperto che, insieme all’UFO precipitato, sarebbero stati recuperati due corpi che presentavano somiglianze con esseri umani nel sito, situato nella regione Lombardia. , Italia. , nel 1933.

I corpi descritti dal sig. Sharp è stato oggetto di speculazioni a causa delle sue caratteristiche insolite e della presunta origine extraterrestre. Egli registra nei suoi scritti:

Due uomini, molto alti (circa due metri), lunghi capelli biondi, fronte molto alta e spaziosa, occhi azzurri che hanno un aspetto leggermente asiatico, nasi piccoli, bocche piccole, menti piccoli, labbra sottili, pelle chiara e pallida, ma nessun segno di peli sul viso. Le sue mani, sebbene sottili, sono simili alle mani umane, le sue dita sono piccole e i suoi piedi sono piatti.

La storia diventa ancora più strana. La sua pelle appare perfettamente bianca ma non mostra segni di granuli di cheratina, che svolgono un ruolo importante nell’idratazione naturale della pelle, nella protezione dai raggi UV e nella ritenzione idrica.

Sorprendentemente, il biologo ha scoperto che i loro sistemi linfatici erano dominanti e praticamente sostituivano il sistema sanguigno, fornendo un alto grado di protezione contro qualsiasi malattia. Non erano umani, almeno non come li conosciamo. Almeno così va la storia.

Ci sono due resoconti di questi presunti corpi recuperati a Wright-Patterson che supportano questa storia.

Il primo resoconto viene da William Brophy, il cui padre affermava di aver visto i corpi mentre prestava servizio come tenente colonnello nell’aeronautica degli Stati Uniti (USAF). Brophy afferma che suo padre gli ha raccontato questa storia, insieme ad altri incontri con UAP (Unidentified Aerial Phenomena) mentre prestava servizio nell’USAF.

Il secondo rapporto è del ricercatore UAP Leonard Stringfield, che ha raccontato la storia del biologo francese nel suo libro del 1982 intitolato “UFO Crash/Retrievals: Amassing the Evidence: Status Report III”.

Funzionari statunitensi avrebbero confermato al biologo francese che i corpi non erano umani e di origine extraterrestre. Dopo molte esitazioni e molti anni, il biologo ha deciso di raccontare la sua storia, e il suo resoconto è stato pubblicato da Stringfield.

I corpi presumibilmente provenivano da un incidente UAP (secondo il racconto di Brophy), avvenuto molto prima di Roswell. Apparentemente furono recuperati nel 1933 in Lombardia, in Italia, dove si era schiantato un misterioso velivolo.

In generale, i rapporti di questi organismi sollevano interrogativi intriganti sulla possibilità dell’esistenza di vita extraterrestre e sulla sua possibile relazione con la Wright-Patterson Air Force Base, generando così un argomento di interesse e speculazione tra gli appassionati di fenomeni aerei non identificati.

Successivamente, le informazioni sul ritrovamento dell’ignoto velivolo furono in qualche modo condivise confidenzialmente con papa Pio XII dallo stesso Mussolini, per via dei suoi buoni rapporti.

Tuttavia, quando Mussolini divenne un alleato del Terzo Reich di Adolf Hitler, il Papa si preoccupò per il velivolo e lo avrebbe fatto trapelare negli Stati Uniti dal Vaticano.

Dopo la fine della guerra, si ipotizza che il velivolo sia stato trasportato negli Stati Uniti, dove presumibilmente rimane fino ai giorni nostri.

Lue Elizondo, un ex funzionario governativo coinvolto nelle indagini sugli UFO, ha affermato di aver avuto accesso a documenti dell’ufficio di Mussolini che erano di carattere “convincente”.

Ha suggerito che parti di una nave italiana fossero state trasportate negli Stati Uniti dopo la fine della seconda guerra mondiale.

UFO believers got one thing right. Here's what they get wrong

Si ipotizza che il suddetto velivolo non fosse un tipico UAP con tecnologia avanzata, ma un velivolo azionato da motori a reazione e razzi, il cui design ricordava le ali volanti progettate dai fratelli Horten.

Lo scopo alla base di questo trasferimento di tecnologia alle potenze dell’Asse non è chiaramente definito, ma è probabilmente correlato a vantaggi militari.

Raymond Szymanski, un ingegnere dell’aeronautica americana in pensione, ha affermato che la base aerea di Wright-Patterson funge da deposito per artefatti extraterrestri e UFO precipitati.

Ha evidenziato l’esistenza di strutture HVAC all’avanguardia e camere criogeniche sotterranee situate nell’Hangar 18, noto anche come “The Blue Room”, dove sarebbero immagazzinati relitti alieni, tecnologia, armi, corpi e persino esseri extraterrestri catturati.

Queste affermazioni sono supportate da testimonianze di individui come Clyde Wheeler, nonché una donna di Cincinnati che ha affermato di aver assistito alla presenza di dischi volanti e di aver avuto accesso a documenti relativi all’autopsia di piccoli corpi alieni.

La base aeronautica di Wright-Patterson ha svolto un ruolo significativo nella scena della ricerca governativa relativa agli UFO, ospitando diversi progetti come Project Sign, Project Grudge e Project Blue Book .

Un episodio degno di nota si è verificato quando il senatore Barry Goldwater ha richiesto l’accesso a una stanza riservata agli UFO nei locali della base.

Tuttavia, il generale Curtis Emerson LeMay, rispondendo con indignazione, ha negato al senatore Goldwater tale accesso.

Donovan Rossetto ama l'informazione, ma è anche un videogiocatore e scrittore. Con una vasta conoscenza dell'industria videoludica, Rossetto offre una prospettiva unica e interessante su entrambi i temi. Inoltre, come scrittore, Rossetto ha saputo combinare la sua passione per gli UFO e i videogiochi in una serie di articoli e libri che hanno appassionato i lettori di tutto il mondo.
Iscriviti
Inviami notifiche
0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
0
Ehi Sicarios! Vogliamo un tuo parere, lasciaci un commento!x