La Bibbia del Diavolo: la storia nascosta del “Codex Gigas”

Il Codex Gigas, opera scritta nel XIII secolo da un monaco benedettino, rappresenta una pietra miliare letteraria di inestimabile significato.

Questo manoscritto unico è stato concepito in quella che oggi è la Repubblica Ceca e il suo titolo latino, “Codex Gigas”, si traduce come “libro gigante”.

Una tale denominazione non solo suscita curiosità e fascino, ma ne illustra anche la grandezza, dal momento che quest’opera è considerata il più grande testo medievale mai registrato.

Secondo la narrazione del Codex Gigas, lo scrivano in questione sarebbe stato un monaco che aveva trasgredito il suo codice monastico, il che ha portato alla sua condanna a essere rinchiuso in un muro, senza possibilità di fuga.

History of the Codex Gigas – Kungliga biblioteket – Sveriges  nationalbibliotek – kb.se

Di fronte a questa terribile condanna, al monaco si presentò una sola alternativa per evitare la sua morte atroce: dedicarsi alla realizzazione di un libro magnifico e accattivante, il cui scopo sarebbe stato quello di glorificare il monastero in modo perpetuo, coprendo l’intera estensione del conoscenza umana.

Gli fu concesso solo un periodo di ventiquattro ore per completare questo arduo compito, con la promessa del suo rilascio se fosse riuscito a finire il manoscritto.

Il monaco intraprese l’elaborazione di una Bibbia realizzata con pelli di animali, arricchita di inchiostri colorati e illustrazioni, seguendo lo stile estetico caratteristico dell’epoca, noto come “iluminura”.

Si narra che, verso mezzanotte, il monaco si rese conto dell’impossibilità di portare a termine da solo questo compito, cosa che lo portò a fare un patto con il diavolo, vendendo la sua anima in cambio di aiuto.

Sarebbe stato, quindi, il diavolo a ultimare il manoscritto, mentre il monaco, in segno di gratitudine per l’assistenza prestata, aggiunse all’opera l’immagine del diavolo stesso.

È proprio per questa singolare narrazione che il Codex Gigas è stato anche soprannominato “la Bibbia del Diavolo”.

Al termine del suo lavoro, il manoscritto ha raggiunto le dimensioni di 92 x 50,5 x 22 cm, per un totale di 320 pagine.

Tuttavia, nel tempo, molte di queste pagine sono state danneggiate o strappate, presumibilmente a causa della presunta presenza di passaggi e segreti genuinamente diabolici. Si dice che il monaco abbia dedicato la pagina 290 al diavolo.

Codex Gigas ( the Devil's Bible) | Horror Amino

La Bibbia del diavolo

Il Codex Gigas è ampiamente riconosciuto come un’opera unica ed è spesso indicato come l’ottava meraviglia del mondo. Contrariamente a quanto detto in precedenza riguardo al fatto che il manoscritto è fatto di pelle d’asino, in realtà è composto da pelle di vitello.

I testi presenti nel Codex Gigas sono pagine che non si trovano in nessun altro manoscritto conosciuto, il che conferisce a questo documento un eccezionale valore storico e accademico.

Tra questi testi spiccano informazioni relative alle erbe medicinali, documenti storici, rimedi per malattie pericolose, trattati sulla cura dell’anima, formule mediche per la cura delle malattie, incantesimi e persino soluzioni per una varietà di problemi diversi.

L’oscura influenza del Codex Gigas

Il Codex Gigas divenne famoso quando il monastero benedettino di Podlažice si trovò in difficoltà finanziarie. Per raccogliere fondi, i monaci decisero di vendere il manoscritto a un monastero situato vicino a Praga.

Tuttavia, poco dopo il trasferimento del testo nella nuova sede, il suddetto monastero dovette affrontare anche gravi avversità economiche.

Strong Sense of Place: Visiting the Codex Gigas (Devil's Bible) at the  National Library of Sweden

Pochi anni dopo, l’imperatore del Sacro Romano Impero Rodolfo II sviluppò un’ossessione per il Codice, così come per altri oggetti legati all’alchimia e ai libri occulti.

Tuttavia, la persona incaricata di custodire questo misterioso manoscritto lo presentò all’imperatore romano, poi Rodolfo II fu colpito da un disturbo mentale.

A causa delle sue condizioni, fu dichiarato incapace di governare ed esiliato dalla sua stessa famiglia. Durante gli anni della guerra del XVII secolo, l’esercito svedese riuscì a recuperare il Codice.

Chi ha scritto il Codex Gigas?

Uno dei grandi enigmi che circondano il Codex Gigas è la paternità del manoscritto. Molti sostengono che sia impossibile che un solo uomo sia stato responsabile della stesura dell’intero testo.

Di recente, tuttavia, un gruppo di ricerca sponsorizzato dal National Geographic ha affermato che il Codex è opera di un singolo individuo, sebbene questa affermazione rimanga solo un’ipotesi.

The Codex Gigas – Kungliga biblioteket – Sveriges nationalbibliotek – kb.se

Questa domanda è una delle ragioni che contribuiscono al mistero che avvolge il Codice, suscitando accesi dibattiti tra i più rinomati ricercatori. Molti esperti ritengono che questo manoscritto contenga una conoscenza così vasta che sarebbe inimmaginabile per un essere umano dell’epoca possedere una tale capacità.

recenti indagini

Durante l’indagine sul testo del misterioso manoscritto, i ricercatori hanno potuto osservare che il libro utilizza esclusivamente un unico tipo di inchiostro, ricavato dalla spruzzatura di insetti.

La coerenza dello stile e della calligrafia ha destato curiosità, portando gli studiosi a ipotizzare che il manoscritto sia opera di un unico copista. Tuttavia, da questo punto, sorgono contraddizioni.

Si ritiene che il modo di scrivere riveli caratteristiche di un autodidatta, poiché esibisce una certa mancanza di raffinatezza. Tuttavia, il gruppo di ricerca ha ritenuto che lo scriba dovesse possedere un’ampia conoscenza e una notevole comprensione del diavolo.

Un’altra polemica è legata al tempo necessario per completare il manoscritto. Alcuni esperti stimano che la “Bibbia del Diavolo” avrebbe impiegato dai 25 ai 30 anni per essere scritta e completata.

Il significato dell’immagine del diavolo

È l’unica Bibbia che presenta una sorprendente rappresentazione del diavolo. Il diavolo è raffigurato come una figura ibrida, metà uomo e metà bestia, con artigli, zoccoli fessi e un’enorme lingua rossa che ricorda un serpente.

File:Alphabet samples in Codex Gigas.jpg - Wikimedia Commons

L’immagine mostra Satana rinchiuso in un’unica cella, invece di essere con i suoi sudditi all’inferno. Alcuni esperti sostengono l’ipotesi che l’immagine del diavolo si riferisca allo stesso monaco e alla sua scelta di vivere in una cella isolata dalle altre.

Tuttavia, altri considerano questa errata interpretazione, sostenendo che l’immagine sia in realtà un tributo al Diavolo stesso.

L’enigma che circonda il Codex Gigas persiste fino ai giorni nostri.

Il Codex Gigas è contenuto in una custodia di legno rivestita di pelle e adornata con dettagli metallici.

Le annotazioni alla fine del Codice indicano che il manoscritto è stato scritto nell’anno 1229. Nel periodo compreso tra il 1477 e il 1593, il Codice rimase in custodia nella biblioteca di un monastero di Broumov, fino a quando fu trasferito a Praga nel 1594 e presentato all’imperatore Rodolfo II.

Il manoscritto mostra una varietà di colori come rosso, blu, giallo, verde e oro. I capilettera sono decorati con elaborati sistemi di illuminazione lungo le pagine.

La scrittura all’interno del Codice è uniforme ed è rimasta immutata nel tempo. Questo fatto può aver contribuito a far credere che l’intero testo sia stato scritto in un breve lasso di tempo.

Codex Gigas: Myths Surrounding the Medieval Manuscript

È interessante notare che, sebbene abbiamo scoperto che dietro il Codice c’è una storia legata all’occulto e al Diavolo, è sorprendente che il manoscritto non sia stato bandito dall’Inquisizione e che molti studiosi dell’epoca abbiano avuto il permesso di indagare su di esso.

Uno dei punti che ha suscitato ammirazione tra i ricercatori è l’assenza di questa peculiare scrittura in qualsiasi altro manoscritto storico. Tuttavia, nel tempo, c’è stato un interesse a nascondere l’oscura storia del Codice, omettendo gli aspetti più oscuri di questo manoscritto e demistificandone la realtà.

Tuttavia, coloro che hanno avuto l’opportunità di contemplare il libro affermano di essere stati attratti dal ritratto di Satana, attribuendogli un ruolo di primo piano nell’opera, il che potrebbe spiegare perché alcune persone credono che il monaco abbia stretto un patto con il diavolo.

Nel corso degli anni, il manoscritto ha ricevuto una varietà di nomi legati alle sue dimensioni e alla raffigurazione del diavolo.

Oltre ad essere conosciuta come la Bibbia del Diavolo e Codex Gigas, è stata anche chiamata Codex Giganteus (il Libro Gigante), Gigas librorum (il Gigante dei Libri), Bibel Fans o Svartboken (Il Libro Nero).

Tuttavia, nonostante gli sforzi dei ricercatori per sminuire la vera importanza di ciò che è stato scritto dal Diavolo, la Bibbia del Diavolo conserva ancora il suo mistero nel corso degli anni.

Donovan Rossetto ama l'informazione, ma è anche un videogiocatore e scrittore. Con una vasta conoscenza dell'industria videoludica, Rossetto offre una prospettiva unica e interessante su entrambi i temi. Inoltre, come scrittore, Rossetto ha saputo combinare la sua passione per gli UFO e i videogiochi in una serie di articoli e libri che hanno appassionato i lettori di tutto il mondo.
Iscriviti
Inviami notifiche
0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
0
Ehi Sicarios! Vogliamo un tuo parere, lasciaci un commento!x