I ricercatori hanno perforato solo una piattaforma di ghiaccio antartico per campionare i sedimenti, così hanno trovato animali che non avrebbero dovuto essere lì.

Nel mezzo della piattaforma di ghiaccio di Filchner-Ronne, a cinque ore di volo dalla stazione antartica più vicina, niente è facile. Nemmeno per un gruppo di scienziati…

Anche se era l’estate meridionale, il geologo James Smith del British Antarctic Survey ha sopportato quasi tre mesi di temperature gelide, dormendo in una tenda e mangiando cibo disidratato. 

La scienza in sé era una seccatura: per studiare la storia della piattaforma galleggiante, aveva bisogno di sedimenti del fondale marino, che era bloccato sotto mezzo miglio di ghiaccio.

Per arrivarci, Smith e i suoi colleghi hanno dovuto sciogliere 20 tonnellate di neve per creare 20.000 litri di acqua calda, che hanno poi pompato attraverso un tubo calato in un pozzo. 

Ci sono volute 20 ore per sciogliersi centimetro per centimetro attraverso il ghiaccio, perforando finalmente lo scaffale.

Successivamente, hanno abbassato uno strumento per raccogliere il sedimento, insieme a una videocamera GoPro. 

Ma il collezionista è tornato vuoto. 

Gli Scienziati ci hanno provato ancora una volta. Ancora vuoto. 

Ancora una volta, niente è facile qui: ogni viaggio di andata e ritorno dello strumento ha richiesto un’ora.

Più tardi quella notte nella sua tenda, Smith ha guardato il filmato e ha riconosciuto un problema piuttosto evidente. 

Il video mostra una discesa attraverso 3.000 piedi di ghiaccio blu-verde, che termina improvvisamente, aprendosi nell’acqua di mare scura. 

La telecamera percorre altri 1.600 piedi fino a quando il fondale marino diventa finalmente visibile, per lo più sedimenti di colore chiaro, che Smith stava cercando, ma anche qualcosa di scuro. 

Quella cosa scura si è rivelata una roccia, che la telecamera colpisce con un tonfo, cadendo a faccia in giù nel sedimento. 

La telecamera si raddrizza rapidamente e scansiona la roccia, rivelando qualcosa che i geologi non avevano affatto cercato. 

In effetti, era qualcosa di altamente improbabile: la vita…

“È come, maledetto inferno!” Smith dice. “È solo un grosso masso nel mezzo di un fondale relativamente piatto. 

Non è che il fondo del mare sia disseminato di queste cose”. Solo la sua fortuna di trivellare nell’unico posto sbagliato .

Posto sbagliato per raccogliere letame del fondale marino, ma il posto assolutamente giusto per una possibilità su un milione di trovare la vita in un ambiente che gli scienziati non pensavano potesse supportarne gran parte. 

Smith non è un biologo, ma il suo collega, Huw Griffiths del British Antarctic Survey, lo è. 

Quando Griffiths ha guardato il filmato nel Regno Unito, ha notato una specie di pellicola sulla roccia, probabilmente uno strato di batteri noto come tappetino microbico. 

Una spugna simile a un alieno e altri animali appesi penzolavano dalla roccia, mentre spugne più robuste e cilindriche abbracciavano la superficie. 

La roccia era anche rivestita di filamenti sottili, forse un componente delle stuoie batteriche, o forse un animale particolare noto come idroide.

La roccia che Smith aveva scoperto per caso si trova a 160 miglia dalla luce del giorno, cioè il bordo più vicino della piattaforma, dove finisce il ghiaccio e inizia l’oceano aperto. 

Si trova a centinaia di miglia dalla posizione più vicina che potrebbe essere una fonte di cibo, un punto che avrebbe abbastanza luce solare per alimentare un ecosistema e si trova nella giusta posizione rispetto alla roccia per le correnti conosciute per fornire sostentamento a queste creature.

Non per dire alla vita che sono affari suoi, ma non ha il diritto di essere qui. 

“Non è la roccia dall’aspetto più eccitante, se non sai dove si trova”, afferma Griffiths, autore principale di un nuovo studio pubblicato sulla rivista Frontiers in Marine Science . 

Dato che ora lo sai, significa che la tua mascella potrebbe essere da qualche parte vicino al pavimento proprio ora. Almeno quella degli scienziati era caduta di botto!

Vivono nel buio…

Possiamo dire con certezza che questi animali vivono nell’oscurità totale, il che va bene, molte creature del mare profondo fanno lo stesso. 

Ma gli animali che vivono esistenze sessili sul fondo del mare profondo devono fare affidamento su una fornitura abbastanza costante di cibo sotto forma di “neve marina”. 

Tutti gli esseri viventi che nuotano nella colonna d’acqua in alto dovranno un giorno morire, e quando lo faranno, sprofondano negli abissi. 

Mentre i cadaveri scendono e si decompongono, altre creature li beccano e lanciano particelle, minuscoli bocconcini che si accumulano anche sui fondali più profondi.

A proposito, quando una balena muore e affonda, è epicamente nota come “caduta della balena”.

Funziona nella maggior parte delle parti intorno all’Antartide, dove le acque sono incredibilmente produttive. 

Piccole creature conosciute come plancton nutrono tutti i tipi di pesci, che nutrono grandi mammiferi marini come le foche. 

Tutta questa attività produce detriti – e animali morti – che un giorno diventano neve marina.

Ma le creature antartiche su questa particolare roccia non vivono sotto una vivace colonna d’acqua. 

Vivono sotto mezzo miglio di ghiaccio solido. E non possono allontanarsi dalla loro roccia in cerca di cibo. 

“La cosa peggiore in un posto dove non c’è molto cibo, ed è molto sporadico, è essere qualcosa che è incollato al punto”, dice Griffiths. 

Quindi come diavolo potrebbero ricevere sostentamento?

I ricercatori pensano che sia probabile che la deriva di questa neve marina sia stata ribaltata su un lato, in modo che la fonte di cibo si muova orizzontalmente anziché verticalmente. 

Guardando i grafici delle correnti vicino al sito di perforazione, i ricercatori hanno determinato che ci sono regioni produttive tra 390 e 930 miglia di distanza. 

Potrebbe non essere molto, ma è possibile che abbastanza materiale organico stia cavalcando queste correnti per centinaia di miglia per nutrire queste creature. 

È una distanza straordinaria, dato che nella parte più profonda dell’oceano, il Challenger Deep vicino a Guam, la neve marina prodotta in superficie deve cadere per 7 miglia per raggiungere il fondo del mare. 

Per raggiungere gli animali su questa roccia antartica, il cibo dovrebbe percorrere fino a 133 volte quella distanza, e dovrebbe farlo galleggiando lateralmente.

Dato ciò che gli scienziati sanno delle correnti intorno all’Antartide, questo non è particolarmente inverosimile, afferma Rich Mooi, curatore di zoologia e geologia degli invertebrati presso la California Academy of Sciences, che ha studiato la vita marina antartica ma non è stato coinvolto in questo nuovo lavoro . 

Man mano che l’acqua di mare si raffredda nella regione, diventa più densa. 

“Sprofonda sul fondo del mare e spinge l’acqua verso l’esterno, irradiandosi dall’Antartico”, afferma Mooi, uno degli scienziati. 

“E queste correnti sono in realtà il germe di molti, se non quasi tutti, gli attuali sistemi del pianeta”.

Mentre quell’acqua spinge verso l’esterno, qualcosa deve riempire il vuoto. 

“Ci sarà un afflusso per sostituirlo”, aggiunge Mooi. “E quell’afflusso, anche per centinaia di chilometri, trasporterà materia organica”. 

Per le nostre forme di vita bloccate su quel masso, questo porterebbe cibo. 

Le correnti potrebbero anche portare nuovi animali da aggiungere alla popolazione sulla roccia.

Ma poiché i ricercatori non sono stati in grado di raccogliere campioni, non possono ancora dire cosa potrebbero mangiare esattamente queste spugne e altre creature. 

Alcune spugne filtrano i detriti organici dall’acqua, mentre altre sono carnivore e si nutrono di piccoli animali. 

Quella sarebbe una sorta di vostro titolo dell’anno”, dice Christopher Mah, un biologo marino presso lo Smithsonian, che non è stato coinvolto nella ricerca. 

Spugne assassine, che vivono nell’oscurità, nei freddi recessi dell’Antartide, dove nessuna vita può sopravvivere .”

Che creature sono?

E Griffiths e il suo team non possono ancora dire se anche creature mobili come pesci e crostacei vivono intorno alla roccia—la telecamera non ne ha intravisto nessuno—quindi non è chiaro se gli animali sessili debbano affrontare qualche tipo di predazione. 

“Mangiano tutti la stessa fonte di cibo?” chiede Griffiths. “O alcuni di loro si prendono nutrimento l’uno dall’altro? 

O ci sono più animali mobili in giro che in qualche modo forniscono cibo a questa comunità?

“Queste sono tutte domande a cui solo un’altra spedizione può rispondere.

Sembra che la sedimentazione intorno alla roccia non sia molto pesante, il che significa che gli animali non corrono il pericolo di essere sepolti. 

“È una specie di cosa tipo Riccioli d’oro”, dice Griffiths a proposito della posizione apparentemente fortuita della roccia, “dove c’è abbastanza cibo in arrivo, e non c’è niente che voglia mangiarli, per quanto possiamo dire, e non viene seppellito da troppi sedimenti.” 

Nel sedimento che circonda la roccia, i ricercatori hanno anche notato increspature che sono tipicamente formate dalle correnti, rafforzando così la teoria secondo cui il cibo viene trasportato qui da lontano.

Inoltre, non è chiaro come questi animali fermi siano arrivati ​​lì in primo luogo. 

“Era qualcosa di molto locale, dove sono saltati da un masso locale a un masso locale?” chiede Griffiths. 

In alternativa, forse i loro genitori vivevano su una roccia a centinaia di miglia di distanza, dove finisce la piattaforma di ghiaccio e iniziano gli ecosistemi marini più tipici, e rilasciavano il loro sperma e le loro uova per viaggiare nelle correnti.

Poiché Griffiths e i suoi colleghi non hanno esemplari, non possono nemmeno dire quanti anni hanno questi animali. 

È noto che le spugne antartiche vivono da migliaia di anni , quindi è possibile che questo sia un ecosistema davvero antico. 

Forse la roccia è stata seminata di vita molto tempo fa, ma le correnti l’hanno anche rinfrescata con ulteriore vita nel corso dei millenni.

I ricercatori non possono nemmeno dire se questa roccia sia un’aberrazione o se tali ecosistemi siano effettivamente comuni sotto il ghiaccio. 

Fortuna?

Forse i geologi non sono stati solo estremamente fortunati quando hanno lasciato cadere la loro macchina fotografica sulla roccia, forse queste comunità animali sono una caratteristica normale del fondo marino sotto le piattaforme di ghiaccio dell’Antartide. 

Ci sarebbe sicuramente molto spazio per tali ecosistemi: queste piattaforme di ghiaccio galleggianti si estendono per 560.000 miglia quadrate. 

Tuttavia, attraverso precedenti sondaggi, gli scienziati hanno esplorato solo un’area sottostante pari alle dimensioni di un campo da tennis. 

Quindi potrebbe benissimo essere che siano là fuori in numero, e semplicemente non li abbiamo ancora trovati.

E potremmo essere a corto di tempo per farlo. Questa roccia può essere rinchiusa sotto mezzo miglio di ghiaccio, ma quel ghiaccio è sempre più in pericolo su un pianeta in via di riscaldamento. 

“C’è la possibilità che alcune di queste grandi piattaforme di ghiaccio in futuro possano crollare”, afferma Griffiths, “e potremmo perdere un ecosistema unico”.

Fonte Wired

Ecco altri articoli scelti per te:

Condividi

About Donovan Rossetto

Esperto RetroGamer, scrittore, giornalista e divulgatore di tematiche legate al mondo del Mistero. Appassionato di StarWars e della nuova console Microsoft. Passa il tempo nella ricerca di verità e giocando all'Oculus! Uno dei più forti in Italia su CS:GO e sui giochi picchia-duro.

View all posts by Donovan Rossetto
Iscriviti
Inviami notifiche
0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti