Trovate enormi montagne sottomarine grandi quanto una città

I ricercatori hanno scoperto delle gigantesche montagne sottomarine in Sud America; la più grande è alta 2,6 km dal fondale marino.

Recentemente, gli scienziati a bordo della nave da ricerca Falkor dello Schmidt Oceanographic Institute, hanno scoperto e mappato quattro montagne sottomarine, situate tra 460 e 600 km al largo delle coste del Perù e del Cile, durante una spedizione nel Pacifico orientale partita dalla Costa Rica.

Tre vette peruviane misuravano rispettivamente 1.591, 1.644 e 1.873 metri, la montagna sottomarina, la più grande, trovata al largo delle coste del Cile, si erge a 2.681 metri sopra il fondale oceanico, arrivando a poco più di un chilometro dalla superficie. 

In confronto, l’edificio più alto del mondo, il Burj Khalifa, misura 828 metri, mentre l’Empire State Building raggiunge i 380 metri.

Questi giganti sottomarini, tutti vulcani estinti, sono così massicci da generare sottili cambiamenti nell’altezza della superficie dell’oceano, rilevabili dai satelliti. In questo caso, la superficie dell’oceano si “gonfia” appena sopra le cime.

Esaminare le anomalie gravitazionali è un modo elegante per dire che cerchiamo rigonfiamenti su una mappa e, così facendo, localizziamo queste montagne sottomarine molto grandi“, ha affermato John Fulmer, il tecnico capo della spedizione.

L’anno scorso, lo stesso gruppo di ricerca ha scoperto un’altra montagna sottomarina grande circa il doppio del Burj Khalifa.

Tuttavia, ci sono molte montagne sottomarine ancora più grandi. Ad esempio, la più grande del mondo è tecnicamente il vulcano dormiente Mauna Kea alle Hawaii, che sorge a circa 4.205 metri sul livello del mare, ma si estende fino al fondale marino, con un’altezza effettiva di circa 10.211 metri.

Secondo la National Oceanic and Atmospheric Administration, si stima che fino a 100.000 montagne sottomarine siano sparse negli oceani del mondo, solo una piccola parte delle quali è stata mappata.

L’ultima spedizione fa parte di un nuovo progetto chiamato Seabed 2030, che mira a mappare l’intero fondale marino globale entro la fine dell’attuale decennio e dovrebbe rivelare il resto di queste vette nascoste in tutto il loro splendore.

Punti caldi biologici

Le montagne sottomarine sono spesso chiamate “punti caldi biologici” dai ricercatori marini. Queste strutture forniscono un substrato solido affinché le creature non mobili, come coralli e spugne, possano stabilirsi e causare “risorse” quando le correnti trasportano i nutrienti dalle profondità del mare alla superficie. 

Ciò attira creature più grandi come crostacei, pesci, cefalopodi e squali, rendendo le montagne sottomarine habitat marini estremamente importanti.

L’individuazione delle montagne sottomarine ci porta quasi sempre a punti caldi della biodiversità poco studiati”, ha affermato Jyotika Virmani, direttore esecutivo dello Schmidt Oceanographic Institute. “Ogni volta che troviamo queste vivaci comunità sul fondo del mare, facciamo scoperte incredibili e facciamo avanzare la nostra conoscenza della vita sulla Terra.”

Qua sotto vi lasciamo alcuni articoli che potrebbero interessarvi.

Fiamma eterna fotografata dentro una cascata. Ecco il video.
Marco Buoso è un esperto del mistero a livello internazionale, con grande esperienza nelle indagini. Il suo contributo è molto importante per il team, considerato uno dei più saggi e dotato di grande saggezza. Buoso ha dedicato la sua vita alla ricerca e alla comprensione dei fenomeni paranormali e misteriosi, accumulando una vasta conoscenza e competenza in questo campo. Attualmente si trova in Brasile dove sta investigando su alcuni fenomeni paranormali, mettendo a disposizione la sua esperienza e la sua competenza per portare alla luce la verità su questi misteri.
Iscriviti
Inviami notifiche
0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
0
Ehi Sicarios! Vogliamo un tuo parere, lasciaci un commento!x