Per celebrare l’anniversario dei suoi 60 anni, SEGA ha unito Streets of Rage 2 con la famosa serie Yakuza, creata dal Ryu Ga Gotoku Studio, dando vita a Streets of Kamurocho.

Il gioco picchiaduro combina il gameplay del gioco a scorrimento laterale del 1992, Streets of Rage 2 , con il mondo ei personaggi del franchise di Yakuza . I giocatori combatteranno per le strade titolari di Kamurocho contro ondate di rivali Yakuza come Kiryu o Majima, i protagonisti della serie Yakuza . Il gioco offre modalità per giocatore singolo e cooperativa locale. Streets of Kamurocho  è un’esclusiva di Steam e sarà disponibile solo dal 17 ottobre al 19 ottobre senza alcun costo.

Streets of Rage 2 è stato pubblicato nel 1992 ed è ampiamente considerato come il miglior ingresso nella trilogia originale. La serie ha visto un revival in Streets of Rage 4 , pubblicato di recente , ambientato un decennio dopo gli eventi di Streets of Rage 3 . L’ultimo episodio continua a presentare un’azione a scorrimento laterale come i suoi predecessori.

Il franchise di SEGA Yakuza è iniziato nel 2005 e 2006 con l’uscita di Yakuza , incentrato su Kazuma Kiryu. Il gioco picchiaduro ha visto otto sequel, il più recente dei quali è Yakuza: Like a Dragon del 2019 , che ha introdotto il nuovo protagonista, Ichiban Kasuga, nel franchise. La serie ha venduto più di 12 milioni di unità dal 2005.

Questo titolo picchia-duro a scorrimento è senz’altro un buon titolo ma molto lontano dalla poesia di uno Streets of Rage. Manca di carattere, e anche di potenziale.

Ad esempio non esiste nessuna trama in questo titolo, ma solo botte a livello semplice, un tasto per calci e pugni, un tasto per saltare e infine un tasto per il classico attacco speciale che toglie anche un po’ della nostra salute. Tutto qui, nulla di più.

La grafica cerca di replicare quella degli anni 90, ma con poco successo. La tecnologia moderna vieta di godere di questa grafica, rendendola più terrificante di quello che in realtà è, sarebbe stato migliore con una grafica moderna.

Streets of Kamurocho non è un titolo di cui si sentiva il bisogno, proprio come gli altri diventa impossibile subito dopo poco livelli e come detto prima manca di fattori importanti. Ha solo due personaggi iniziali, probabilmente ne potremo sbloccare altri vincendo… Ha solo 3 tasti azione e manca di combinazioni, nessuna trama e nessun dialogo in gioco.

Uno dei lati positivi che possiamo giocare sia con i nostri amici dallo stesso dispositivo oppure possiamo invitare i nostri amici di Steam online, questo forse è l’unico punto forte, in questo modo sarà possibile rivivere almeno in parte, questo stile di gameplay che pian piano è stato quasi dimenticato.

L’ultimo gioco che aveva tenuto lo stesso stile ma a livelli moderni facendo anche successo viene dai produttori di Tekken, la Bandai Namco Entertainment, “Urban Reign“!

Voi che ne pensate di questo regalo di Sega? Fatecelo sapere qui oppure sulla nostra pagina Facebook!

Condividi

About Donovan Rossetto

Esperto RetroGamer, scrittore, giornalista e divulgatore di tematiche legate al mondo del Mistero. Appassionato di StarWars e della nuova console Microsoft. Passa il tempo nella ricerca di verità e giocando all'Oculus! Uno dei più forti in Italia su CS:GO e sui giochi picchia-duro.

View all posts by Donovan Rossetto