Abbiamo avuto la possibilità di provare Rogue Company, un nuovo shooter alla Valorant e CS:GO.

Rogue Company è uscito dagli studi di Hi-Rez, e da poco è stato annunciato anche su Nintendo Switch nel Direct Mini, oltre a PS4, Xbox One e PC. Il gioco è disponibile ora in Closed Beta con diversi pacchetti Starter (14,99 euro), Standard (29,99 euro) o Ultimate (59,99 euro), ma poi arriverà comunque nella formula free to play per la fine del 2020. Noi abbiamo provato la Beta su PS4.

Il gioco purtroppo, non presenta ancora la lingua italiana, ma siamo fiduciosi che arriverà il più presto possibile.

Il titolo presenta delle meccaniche carine, con una grafica di tutto rispetto. Qualsiasi modalità scegliamo dovremo catapultarci da un aereo, nella quale è possibile aprire anche l‘Item Shop, ma per comprare armi ovviamente dovremo avere soldi, e variano dalle prestazioni che otteniamo nella partita, alla fine di ogni round comunque avremo la possibilità di comprarle nel medesimo modo.

Al momento abbiamo 13 Rogue con cui entrare in battaglia con ognuno un abilità speciale, e questo mi ricorda Rainbow Six Siege poiché anche là ogni operatore aveva la sua abilità. Ma non li affronteremo in questo articolo, bensì in un altro.

Le mappe sono costruite bene, con tanti dettagli ma il peccato è che sono microscopiche, ci fanno vedere porzioni enormi della mappa quando ci lanciamo, ma a noi ci aspetta solo un piccolo spicchio.

Si deve dire però che i movimenti non sono niente male e sono fluidi, si riesce a mirare bene e abbiamo anche la possibilità di fare le capriole per schivare colpi dagli avversari nelle partite. Non ci prenderete subito la mano soprattutto per la sensibilità, che ahimé ho capito di poter cambiare solo dopo miliardi di partite, con quella iniziale è difficile giocare poiché se uno ci spara da dietro il tempo di girarci e siamo già morti. Ma il gioco presenta ancora fin troppi bug purtroppo, ad esempio mi è capitato in partita una cosa assurda: la squadra avversaria era uscita, ma mica ci ha portato in lobby? No! Ci ha fatto restartare ogni Round fin quando non arrivavamo al settimo per vincere la partita.. Inoltre se ti lanci un millimetro fuori dallo spicchio della mappa giocabile ci vai a finire sotto e il nostro personaggio fa un volo nel vuoto tutto attorcigliato, ma va bene ci può stare essendo ancora non uscito ufficialmente.

Il gioco adesso presenta 2 modalità:

Demolition

In questa modalità ci sono 2 squadre da 4 giocatori: quella di attacco dovrà piazzare una bomba in uno dei 2 siti pingati, mentre quella di difesa non dovrà fare altro che difendere i siti delle bombe. Che si siano ancora ispirati un po’ a Rainbow Six Siege?

Strikeout

Strikeout presenta due squadre da quattro. Ogni squadra ha un totale di 12 biglietti (respawns). Dopo che i biglietti di una squadra sono esauriti, i giocatori non potranno più rigenerarsi. Le squadre che controllano l’obiettivo per trenta secondi ridurranno il loro biglietto avversario di uno.

L’Item Shop in Strikeout funziona in modo identico a Demolition ma i giocatori iniziano con più soldi.

Le mappe presenti nelle modalità sono 7:

  • High Castle
  • Skyfell
  • Favelas
  • Windward
  • Canals
  • Icarus
  • Factory

Conclusioni su Rogue Company

Rogue Company si può dire che è un bel gioco che richiama tanti altri titoli come Rainbow Six Siege, Valorant e CS:GO per le modalità/mira e movimenti. Però diverte se ci si mette a prenderci la mano, le mappe sono create bene con tanti dettagli e punti critici, anche se minuscole. Non so quanto ne valga la pena comprarlo adesso, ma posso certamente dirvi di dargli una possibilità almeno alla sua uscita ufficiale quando sarà free to play. Soprattutto se non avete mai giocato a Valorant. A breve faremo guide di Rogue Company sul sito.

Condividi

Commenti Facebook

About Giuseppe Ambrosino

Ama i giochi sportivi, veterano di Fifa e Pes, oltretutto anche campione di tornei a livello nazionale, sempre al computer ma appassionato folle delle console, da quando è nato ne ha sempre acquistate ma mai venduta una, almeno che non fosse doppia!

View all posts by Giuseppe Ambrosino