Rival Turf!:Altre botte su Super Nintendo

La copertina come la maggior parte dei casi a quei tempi mostra assurdità, vediamo 2 giovani abbastanza esili, ma nel gioco il più piccolo è un montagna di muscoli!

Rival Turf è un picchiaduro a scorrimento, come lo è Final Fight o i grandi Double Dragon, questo è di una difficoltà molto più accettabile ma è comunque difficile finirlo, sopratutto per la piattezza costante.

La trama sulla versione Europea è stata completamente eliminata, stessa cosa per il finale, a quei tempi la trama non era importante, non serviva un valido motivo per spaccare qualche cranio!

La storia comunque esiste nella versione originale giapponese, ed è questa:

Una notte, Rick Norton camminava per le strade della città quando è stato sorpreso da una pistola nell’oscurità. L’uomo misterioso dietro la pistola disse che la sorella di Norton aveva un nastro  importante ed era tenuta in ostaggio.

Una nuova droga veniva venduta in quantità epidemiche in tutta la città e fu prodotto per la prima volta solo pochi anni fa.

Norton ha visto la città cadere nel caos.

Dovette andare allo stadio della città nel tentativo di salvare sua sorella Maria, ove era tenuta in ostaggio!

 

Ma la versione non è stata sempre uguale perché l’America sosteneva che fosse poco interessante quindi riscrisse la storia:

La fidanzata di Jack Flak, Heather, è stata rapita da Big Al e dalla sua banda, i Street Kings. 

Chiede aiuto al suo amico, l’ufficiale di polizia Oswald “Oozie” Nelson, per salvare la sua ragazza e liberare la città dal regno dei re di strada una volta per tutte. 

Iniziano dirigendosi verso lo stadio sportivo per scoprire ulteriori informazioni e individuare il nascondiglio di Big Al.

 

Questa Americana anche se più semplice è più adatta visto poi l’abbigliamento dei personaggi, che identificano al meglio la trama U.S.A.

Gameplay

Oswald “Oozie” Nelson è un ufficiale di polizia, vestito in rosso stile M. Bison di Street Fighters, con lui avremo uno stile di combattimento da Wrestler.

Jack Flak è l’eroe che è fuori per salvare la sua ragazza Heather, usa dei bei calciovolanti e raccoglie armi velocemente a terra.

Ogni tot di strada abbiamo i cambio di scenario e i Boss, sempre più difficili e sempre più grandi ovviamente.

Il problema sta sempre nei classici nemici da qualche pugno, che sono ripetitivi anche se si cambia scenario, sopratutto fuori luogo visto che nella giungla troviamo Wrestler, gente con il casco e canottiera e vecchi con bombe a mano!

Tutto si svolge in una città immaginaria per il gioco in versione originale chiamata “Neo Cisco”, ovviamente poi la versione Americana ha deciso che fosse Los Angeles.

Nel 2010, Damien McFerran di NintendoLife ha rivisto negativamente il titolo, definendolo “disperatamente a corto di originalità” con “un gameplay davvero poco interessante”. Supponeva che la strategia principale dell’editore fosse quella di capitalizzare la mancanza di funzionalità per due giocatori nel gioco concorrente superiore di Capcom , Final Fight , mentre allo stesso tempo la plagiava. Ha descritto lo sforzo come “inferiore … praticamente in ogni modo immaginabile” a quel gioco “infinitamente più distinto”.

L’errore fu anche la copertina criticata da tutti e anche da Nintendo Power, che ha supposto che i produttori Jaleco volessero altro nel gameplay ma hanno tenuto comunque l’immagine, senza nemmeno avere il minimo impegno di sostituirla con una più credibile!

Quando è uscito?

Nel 1992 in Giappone, poi nel 1993 in Europa, successivamente viene riproposto per Nintendo Wii e Wii U nel 2015.

Non è poi così brutto, è fluido e molto meglio di altri difficilissimi del suo genere, non è paragonabile ad un Final Fight, ma è pur sempre un gioco che vi regalerà un paio d’ore di divertimento in compagnia o in solo!

Double Dragon 3 per Nintendo (NES) lo conoscete?

 

About Donovan Rossetto

Esperto retrogame,possiede tutte le console dagli anni 90 ad oggi,collezionista di action-figure e storico campione di Tekken 3! Importante streamer su Youtube e Twitch.tv.

View all posts by Donovan Rossetto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *