Mistero Cose da Nerd

Quello che sappiamo, e ancora non sappiamo, sull’aereo MH370 scomparso

Una nuova docuserie Netflix su un aereo passeggeri scomparso quasi un decennio fa sta rinnovando l’interesse per uno dei più grandi misteri dell’aviazione di tutti i tempi.

Il volo Malaysia Airlines MH370 è scomparso con 239 passeggeri e membri dell’equipaggio a bordo nel marzo 2014 e, nonostante un’enorme ricerca internazionale, l’aereo e la sua scatola nera non sono stati trovati.

Sei su Telegram? Iscriviti al nostro canale per gli ultimi aggiornamenti sulla guerra della Russia in Ucraina.

Una nuova ondata di discussioni e speculazioni è sorta intorno al nono anniversario della scomparsa dell’aereo, e mentre Netflix rilascia la serie limitata “MH370: The Plane That Disappeared”.

Ecco cosa sappiamo, e ancora non sappiamo, sull’ultimo viaggio dell’aereo.

Cos’era MH370?

MH370 era il codice di volo per una rotta che la compagnia aerea ha volato dalla capitale malese, Kuala Lumpur, a Pechino. È diventato anche una scorciatoia per il particolare aereo di linea Boeing 777-200 scomparso l’8 marzo 2014.

Il codice di volo non è più in uso: la compagnia aerea lo ha ritirato pochi giorni dopo la scomparsa dell’aereo, dicendo che non avrebbe più utilizzato il codice “in segno di rispetto” per coloro che erano a bordo dell’aereo.

Quando e come è scomparso MH370?

L’MH370 è scomparso poco dopo aver lasciato Kuala Lumpur alle 00:41 ora locale. Il volo avrebbe dovuto impiegare circa sei ore per raggiungere Pechino.

Alle 7:42, Malaysia Airlines ha confermato di aver perso il contatto con l’aereo.

Nessun mayday è stato ricevuto dalla radio e non ci sono stati messaggi di addio finali da parte dei passeggeri.

Le autorità hanno cercato di mettere insieme gli indizi utilizzando le ultime comunicazioni dell’aereo con i controllori del traffico aereo e le informazioni dal transponder radar e dai satelliti dell’aereo, sebbene offrissero solo un quadro parziale della rotta che l’aereo avrebbe potuto prendere. “Non sono state ricevute trasmissioni dall’aereo dopo i primi 38 minuti di volo”, ha affermato un rapporto finale del 2018 dell’Australian Transport Safety Bureau, che ha preso parte alle attività di ricerca.L’ultima conversazione registrata dell’equipaggio dell’MH3701:54Questa registrazione audio del marzo 2014 contiene gli ultimi momenti della conversazione tra i piloti del volo MH370 della Malaysia Airlines scomparso e i controllori del traffico aereo. (Video: Ministero dei Trasporti Malesia).

Le autorità malesi hanno rilasciato la trascrizione delle ultime comunicazioni dei piloti con il controllo del traffico aereo, poco prima della perdita del contatto, in cui si sente uno dei piloti dire: “Buonanotte malese tre sette zero” – un comune giro di parole usato dai piloti.

Poco dopo, all’1:21, mentre l’aereo stava per entrare nello spazio aereo vietnamita, il transponder dell’aereo ha smesso di inviare i dati sulla posizione. Quindi l’aereo ha fatto una brusca virata a sinistra non programmata, allontanandosi dalla sua traiettoria di volo pianificata per Pechino e tornando verso la penisola malese, secondo i funzionari dell’epoca.

Nei giorni seguenti, nel mezzo di un’enorme ricerca internazionale, investigatori e funzionari malesi hanno indicato che l’aereo probabilmente ha volato per ore dopo aver cessato le comunicazioni con il controllo del traffico aereo . È stato ancora rilevato dai satelliti fino alle 8:11, 7 ore e mezza dopo il decollo, anche se si sarebbe avvicinato al limite di carburante.

Najib Razak, all’epoca primo ministro della Malesia, disse che la deviazione dell’aereo dalla sua rotta sembrava essere “intenzionale” e che i dati satellitari mostravano che l’aereo avrebbe potuto stabilire un ultimo contatto ovunque lungo uno dei due ampi corridoi: uno che si estendeva da nord della Thailandia verso il confine tra Kazakistan e Turkmenistan, l’altro che si estende dall’Indonesia all’Oceano Indiano.

Dieci giorni dopo la scomparsa dell’aereo, la Malaysian Airlines ha contattato i parenti dei dispersi tramite un messaggio di testo , dicendo loro che la compagnia aerea “è profondamente dispiaciuta di dover presumere oltre ogni ragionevole dubbio che l’MH370 sia stato perso e che nessuno di quelli a bordo sia sopravvissuto. … Ora dobbiamo accettare [che] tutte le prove suggeriscono che l’aereo sia precipitato nell’Oceano Indiano.

Najib ha anche affermato che i dati satellitari indicano che il volo “è terminato nell’Oceano Indiano meridionale”.

Chi c’era a bordo dell’MH370?

Dodici membri dell’equipaggio erano sul volo insieme a 227 passeggeri provenienti da 14 nazioni. La maggior parte dei passeggeri, 153, erano cinesi.

I passeggeri includevano un gruppo di calligrafi cinesi, due neonati, tre americani, una controfigura dell’attore Jet Li e un cittadino francese che viaggiava con due bambini.

Due uomini iraniani sul volo avevano utilizzato passaporti rubati, ma i funzionari dell’Interpol hanno notato che non si pensava che i due fossero collegati ad alcuna attività terroristica.

Perché l’aereo è scomparso?

Le teorie sulla scomparsa dell’aereo hanno attanagliato il mondo per quasi un decennio. Ma finora, nessuno è stato dimostrato.

L’incidente ha alimentato una copertura mediatica da parete a parete, in particolare sulla CNN, che secondo i critici si basava eccessivamente su speculazioni e analisi di esperti, contribuendo a un vortice di teorizzazione.

I funzionari malesi hanno dichiarato la scomparsa dell’aereo un incidente nel 2015 , una mossa che ha aperto la strada alla compagnia aerea per pagare gli accordi alle famiglie.

Una teoria avanzata da un gruppo di esperti di aviazione riuniti nel 2018 dall’edizione australiana di “60 Minutes” sosteneva che il pilota di 53 anni volesse togliersi la vita e depressurizzato l’aereo dopo aver spento il suo transponder e messo su un maschera di ossigeno, mettendo fuori combattimento tutti gli altri sull’aereo per privazione di ossigeno.

Gli investigatori dell’Australian Transport Safety Bureau non erano d’accordo , affermando di ritenere che tutti sull’aereo – il capitano, il suo copilota, gli assistenti e più di 200 passeggeri – fossero privi di sensi mentre l’imbarcazione incontrollata esauriva il carburante e si schiantava in acqua.

Nel 2018, anche un rapporto del team investigativo sulla sicurezza dell’MH370 non ha fornito risposte definitive, affermando che non c’erano prove chiare del motivo per cui l’aereo è andato fuori rotta. Tuttavia, ha evidenziato le carenze del controllo del traffico aereo della Malesia, costringendo il capo dell’aviazione civile del paese ad annunciare le sue dimissioni.

Diverse teorie del complotto selvagge sono anche filtrate nel corso degli anni. Sui social media mercoledì, anniversario della scomparsa dell’aereo, alcuni di coloro che hanno guardato il documentario Netflix hanno affermato che il gigante dello streaming ha concesso troppo tempo sullo schermo ai teorici della cospirazione e avrebbe dovuto concentrarsi maggiormente sulle opinioni di esperti o famiglie.

Hanno mai trovato l’aereo?

Nonostante un’ampia ricerca che ha coinvolto più di 30 paesi e 140 navi, l’aereo di linea non è mai stato trovato.

Si stima che siano stati spesi circa 150 milioni di dollari per l’indagine tentacolare, che ha perquisito più di 120.000 chilometri quadrati (oltre 46.000 miglia quadrate) di fondale marino. Parte della difficoltà era che l’area di ricerca nell’Oceano Indiano è considerata una delle più difficili sulla Terra.

Australia, Cina e Malesia si erano unite per una ricerca congiunta, ma hanno interrotto i loro sforzi nel 2017, affermando che la caccia sarebbe ripresa solo se gli indizi avessero indicato una nuova posizione specifica. Una ricerca privata condotta da una società statunitense si è conclusa nel 2018.

La scatola nera dell’aereo non è mai stata trovata.

Nel luglio 2015, un pezzo di detriti – simile a una parte di ala trovata su jet come l’aereo della Malaysia Airlines – è arrivato a Reunion, una piccola isola nell’Oceano Indiano. L’oggetto, noto come flaperon, è stato esaminato da esperti francesi, che hanno concluso che il frammento proveniva da MH370. Da allora sono stati ritrovati una manciata di effetti personali, portati a riva sulle spiagge in luoghi come il Madagascar.

Gli investigatori australiani hanno affermato nel loro rapporto che i detriti hanno offerto “nuove intuizioni significative su come e dove l’aereo ha terminato il suo volo”.

Dopo aver analizzato la deriva dei detriti e averla combinata con i dati delle comunicazioni satellitari, hanno affermato che “un’area di meno di 25.000 chilometri quadrati” (poco più di 9.600 miglia quadrate) a nord della precedente zona di ricerca aveva “la più alta probabilità di contenente MH370.”

Tuttavia, i funzionari hanno affermato che senza “prove credibili” una nuova ricerca non sarà approvata.

Cosa dicono le famiglie delle vittime di MH370?

Molti membri della famiglia continuano la loro ricerca di risposte. Voice370, un gruppo di parenti delle persone a bordo, ha rilasciato una dichiarazione domenica, pochi giorni prima del nono anniversario della scomparsa dell’aereo, invitando i funzionari a non rinunciare alla ricerca.

“Finché rimarremo all’oscuro di ciò che è accaduto a MH370, non saremo mai in grado di prevenire una tragedia simile”, ha scritto il gruppo. “Di conseguenza, riteniamo che sia una questione di fondamentale importanza che la ricerca di MH370 sia portata a termine”.

Cleve R. Wootson Jr., William Wan, Brian Fung, Amanda Erickson e Rick Noack hanno contribuito a questo rapporto.

FONTE

Condividi
Iscriviti
Inviami notifiche
0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
0
Ehi Sicarios! Vogliamo un tuo parere, lasciaci un commento!x