Videogames Notizie PLAYSTATION VR

Horizon: Call of the Mountain – La Recensione del Cartel

Lo spin off della saga Horizon, Call of the Mountain, è l’attrazione principale del lancio di PlayStation VR2 e più che soddisfa la sua esperienza.

Analisi di Horizon: Call of the Mountain - La realtà virtuale al suo meglio

Il prossimo passo nella realtà virtuale di Sony è già arrivato, con il lancio di PlayStation VR2 previsto per il 22 febbraio . Abbiamo già potuto analizzare il nuovo casco , quindi ti consigliamo di dare un’occhiata a tutte le sensazioni che la tua esperienza ci ha lasciato. Tuttavia, è inutile lanciare una tecnologia così all’avanguardia se non è accompagnata da grandi titoli che la supportano ed è proprio per questo che l’azienda giapponese ha voluto scommettere in questa occasione, cosa di cui ha sofferto il suo predecessore.

E l’inizio di questa nuova avventura nella realtà virtuale con PSVR2 va di pari passo con una delle grandi saghe moderne di PlayStation Studios. Horizon: Call of the Mountain è quel titolo chiamato a vendere questi nuovi occhiali per realtà virtuale a qualsiasi utente PS5. Siamo ormai da diversi giorni immersi nel suo mondo per potervi raccontare come se la è cavata la proposta nell’analisi del titolo. E la verità è che è una delle esperienze più gratificanti e complete che la realtà virtuale abbia lasciato finora. Divertimento puro.

+ Pro

  • Un gioco Tripla A portato alla realtà virtuale.
  • La meccanica è molto divertente e funzionale.
  • Il combattimento è puro spettacolo.
  • Visivamente ti lascia di stucco.
  • Immersione assoluta nell’universo di Horizon.
  • Evoluzione costante nel suo gameplay.

– Contro

  • Troppo ridimensionamento in relazione al combattimento.
  • I giri della telecamera continuano a provocare vertigini.
  • Alcune immagini saltano in momenti specifici.

Horizon: Call of the Mountain: prezzo, data di uscita, piattaforme e dove acquistare

Orizzonte: Il richiamo della montagna
piattaformaPS5 (PSVR2)
Data di rilascio22 febbraio 2023
sviluppatoreGiochi di guerriglia, Firesprite
Genererealtà virtuale e azione
LinguaVoci e testi in spagnolo

Horizon: Call of the Mountain è uno spin off in realtà virtuale basato sull’universo della saga Horizon , sviluppato da Guerrilla Games, che ha ricevuto il supporto di Firesprite per lo sviluppo di quest’opera con uscita il 22 febbraio 2023 su dispositivi PSVR2 , compatibile solo con PS5. È un’avventura d’azione, le cui meccaniche principali sono l’arrampicata e il combattimento contro le macchine . È completamente doppiato e sottotitolato in spagnolo per vivere un’esperienza completamente immersiva.

La grande prova del fuoco della nuova realtà virtuale di Sony

Uno degli aspetti che pesava di più su PlayStation VR era che non aveva grandi saghe del brand che dessero continuità al dispositivo di realtà virtuale, cosa per la quale Sony ha proposto un grande cambiamento in questo secondo tentativo di equipaggiare le sue console. di una nuova dimensione. Il prescelto è Horizon: Call of the Mountain, videogioco chiamato a fare da cartina di tornasole che determina se questa faccenda della realtà virtuale è seria e se può avvicinarsi alle grandi produzioni che solitamente compaiono sulle console dell’azienda giapponese.

Questa volta abbiamo abbandonato il ruolo di Aloy che, tra l’altro, è presente nel gioco, anche se non vi diremo come. In Call of the Mountain vestiamo i panni di Ryas, un oscuro guerriero carja che deve intraprendere una missione come miglior scalatore della regione per ottenere la redenzione. Qualcosa di diverso da quello a cui era abituato Guerrilla Games, ma non ci vuole molto per ambientarsi nel suo universo e presentare una proposta solida e molto divertente con quella magia coinvolgente che porta la realtà virtuale .

Entra nel mondo di Horizon nel modo più coinvolgente

fragoroso richiamo della montagna

Le macchine mostrano un aspetto terrificante quando sono così vicine.

Si parte con una gita in barca che lascia presagire che ci troveremo di fronte a una di quelle esperienze di realtà virtuale in cui si viene guidati su rotaie mentre si vedono tantissime macchine vagare liberamente per il vasto mondo di Horizon, con un aspetto grafico che toglie il singhiozzo e che ci fa girare da tutte le parti per scrutare qualsiasi ambiente che si trova, non solo sotto i nostri occhi, ma tra di noi. Niente potrebbe essere più lontano dalla verità, perché la tranquillità dura poco e presto ci vediamo scalare una montagna per salvarci la vita. Non c’è molto spazio per le giostre in Horizon: Call of the Mountain, qui l’azione domina .

Ed è uno degli aspetti che mi ha colpito di più delle sessioni di gioco che ho goduto in questi giorni con il titolo, visto che è concepito come una proposta Tripla A , con la sua storia da raccontare, con obiettivi ben definiti e con una certa libertà di muoversi attraverso i diversi livelli in cui si svolge l’avventura. Sta entrando nell’universo della saga Horizon, con tutti i pericoli che questo comporta , ma anche con la bellezza che porta il suo mondo. Sembra davvero impensabile che qualcosa di tale qualità sia disponibile esclusivamente su un visore VR. Incredibile non è all’altezza.

richiamo dei bonghi di montagna

Ci sono momenti in cui rilassarsi e persino suonare certi strumenti.

Superato lo shock iniziale, è il momento di abituarsi ai controlli, poiché i nuovi controlli Sense includono una mappatura molto completa che consente di eseguire una moltitudine di azioni. All’inizio può essere travolgente, ma poi è davvero intuitivo e permette di compiere azioni del tutto realistiche e molto ben adattate al gameplay di un titolo Horizon. La tecnologia di PSVR2 ti permette infatti di configurare il modo in cui vuoi muoverti e scorrere , nel caso in cui giochi in piedi – puoi farlo anche da seduto – permettendo a Ryas di muoversi con l’oscillazione delle tue braccia, come se tu fossi il uno che avanza Immersione totale nel movimento.

Quando il gioco abbandona i tutorial e ti catapulta nel suo mondo, è impossibile non rimanere senza fiato. Tutto è vivo e costruito in un modo che sembra uscito da Horizon: Forbidden West stesso . Ovviamente non ci sono tanti elementi sullo schermo o una sensazione costante di trovarsi in un mondo aperto, ma quello che vedi sembra fantastico e le animazioni dell’ambiente ti danno la sensazione di essere dentro, essendo una piccola parte di quanto include. Ancora una volta, questo non è un gioco che ti prende per mano , ma ha molti livelli di profondità. Ma per quanto riguarda il gameplay?

Meccaniche che funzionano a meraviglia grazie ai controlli Sense

richiamo della montagna

Le prestazioni con l’arco sono sublimi in Horizon: Call of the Mountain.

Devo ammettere che non ho giocato a Half-Life: Alyx, di cui tutti sono entusiasti, ma quello che ho vissuto con Horizon: Call of the Mountain è la migliore esperienza VR che abbia mai avuto . L’utilizzo dei comandi Sense nel suo sistema di controllo e riconoscimento delle dita è spettacolare, scansionando ciascuno dei movimenti compiuti con le mani e trasferendoli in una dimensione assolutamente realistica . È facile vederti nei primi momenti mentre fai dei movimenti per vedere come reagisce il personaggio. Una tecnica e una reazione bestiali.

Una reazione del Senso che fornisce anche quelle sensazioni che sembravano un lampo in un giorno e che non avremmo mai più provato: il feedback aptico . Questa volta si tratta ancora una volta di uno spettacolo degno degli utenti più sensoriali, come è avvenuto con Astro’s Playroom. Qui puoi sentire lo scorrere dell’acqua, lo scricchiolio delle foglie quando le calpesti o le allontani , la ruvidità di una corda che devi arrampicare, la durezza del muro attraverso il quale ci muoviamo e un’infinità di sensazioni che ti permettono di spremere al massimo quell’immersione che deve essere fornita con un gioco di realtà virtuale. Horizon: Call of the Mountain non prende la sua proposta come qualcosa di sperimentale, ma vuole metterti tutte le armi in mano in modo che tu sappia di cosa è fatto questo visore per realtà virtuale.

richiamo di frutta della montagna

La frutta ha un aspetto iperrealistico in Call of the Mountain.

Per questo motivo, i Senso sono così importanti in tutte le azioni che possono essere svolte nel titolo. Gesti come estrarre l’arco da una spalla e prendere le frecce dalla faretra dall’altra producono una sensazione di stupefacente realismo . Ci sono meccaniche molto varie e complete, come la possibilità di fabbricare le proprie frecce di fuoco o elettricità, qualcosa che devi fabbricare al momento con gli elementi che le compongono. Per riprendersi la vita bisogna anche raccogliere un frutto e metterselo in bocca , cosa che, tra l’altro, toglie il fiato visto l’eccessivo realismo dei pezzetti di mela, pera o quello che trovi in ​​giro. Nulla avviene automaticamente nel gioco, tutte le azioni devono essere provocate con i nostri movimentied è proprio quello che cercavo in un’esperienza di questo tipo.

Prima di addentrarci nelle due meccaniche principali del gioco, devo dire che l’utilizzo dei controlli Sense mi ha molto convinto , tranne in un aspetto che sembra ripetersi in tutti i titoli destinati alla realtà virtuale: il movimento della telecamera . Ovviamente è un po ‘difficile da spostare, ma il fatto di spostarlo con il joystick fa muovere bruscamente l’immagine e genera vertigini e perdita di nozione di spazio , quindi è necessario esercitare estrema cautela in questo momento. È qualcosa che ho cercato di evitare e ho quasi preferito spostare il corpo nella direzione in cui mi sarei mosso e posizionare la fotocamera, per evitare quel movimento sfocato quando si gira il joystick. E’ l’ unica nota negativache posso estrarre dal suo utilizzo, poiché il resto delle azioni è incredibile.

Arrampicati e combatti, più in profondità di quanto immagini

richiamo dell'alpinismo

Esistono diversi metodi di arrampicata a seconda della superficie.

Horizon: Call of the Mountain è un gioco in cui la meccanica principale è l’arrampicata ? Sì, non puoi ingannare nessuno. Ma devi anche sapere che c’è molta più profondità in quella scalata di quanto tu possa immaginare. Sono molti i momenti in cui la montagna viene prima di Ryas e lui non ha altra scelta che scalare, ma il titolo sa fornire un buon equilibrio tra questi momenti, quelli di breve esplorazione e i combattimenti che, pur non essendo molto numerosi, guadagnano in intensità ed emozione.

Al di là di questa varietà, anche l’arrampicata ha diversi livelli , poiché il più basilare è quello che si fa con le mani, ma in seguito il personaggio è in grado di creare le proprie piccozze per poter scalare altri tipi di superfici , oltre ad altre gadget che vengono assegnati man mano che avanzi nell’avventura. Non siamo di fronte a un gioco di scalata di livelli che succedono di continuo, ma tutto ha una ragione d’essere e si adatta alla storia che Horizon: Call of the Mountain vuole raccontarci. È una delle sue meccaniche principali, ovviamente, ma non arriva al punto di stancare e di essere la sua unica risorsa.

In effetti, vengono valorizzati molto di più gli altri momenti, quelli in cui ci si vede con l’arco in mano , se non altro per scoccare una freccia contro un bersaglio collezionabile. È qui che il gioco estrae il suo massimo potenziale e ci permette di vedere tutto ciò che può fare la nuova realtà virtuale di Sony. Tuttavia, niente come quei momenti in cui le macchine attaccano e non c’è altra scelta che affrontarle, una tempesta di sensazioni, tensione, azione, paura di fronte ai loro attacchi e uno sforzo fisico come mai sperimentato prima con la realtà virtuale. .

arco chiamata della montagna

Diversi tipi di frecce possono essere realizzati per sparare con l’arco.

Perché il combattimento in Horizon: Call of the Mountain ha tutto : esegui le suddette azioni per lanciare frecce, oltre a crearle se necessario, mira ai punti deboli di ciascuna delle macchine che già conosciamo dal gioco. universo e, come se non bastasse, fanno movimenti per schivare i loro attacchi . E come si fa? Beh, ci sono diversi modi. Uno di questi è accovacciarsi per evitare i dardi che le macchine possono lanciare, mentre il più comune è uno scorrimento laterale, che devi eseguire con una combinazione di pulsanti e movimento del braccio in tandem. Adrenalina pura .

Questo dinamismo in combattimento è quanto di più divertente si possa godere ed è un peccato che le battaglie siano più limitate in Horizon: Call of the Mountain, anche se è anche logico, perché altrimenti sarebbe come andare in palestra. L’esperienza è comunque sublime, soprattutto quando si devono affrontare mandrie di macchine che non lasciano respiro e che costringono a compiere continue azioni per schivare, attaccare, causare disturbi di stato, curarsi e non lottare per perdere l’equilibrio. Se qualcuno vuole l’immersione, lo avrà in grandi dosi . Semplicemente spettacolare.

A livello grafico è uno spettacolo assoluto

richiamo della montagna

Gli ambienti hanno uno spettacolare grado di dettaglio.

È ora di finire questo viaggio, che scalare montagne e macchine da combattimento alla fine finisce per essere estenuante e in questo caso in senso letterale. Non posso però ignorare l’ottimo risultato grafico che Horizon: Call of the Mountain lascia con questa prima cartina di tornasole in realtà virtuale su PSVR2. Entrare nel loro mondo lo sta facendo a pieno e nel modo più immersivo nell’ultima tecnologia , quasi presa da una proposta nata su PS5 e portandola al limite. Logicamente non c’è profondità in quanto tale, ma per quello che avevamo visto prima nel genere, è travolgente.

Ed è che non è solo impressionante per la sua capacità di offrire un aspetto fantastico, ma anche per quella sensazione che puoi davvero cadere giù da una montagna se guardi in basso e vedi la profondità del suo mondo, quell’abisso totalmente chiaro che affronti . Qualcosa che, essendo una persona che soffre di vertigini, ho dovuto sperimentare con immenso terrore mentre mi facevo strada attraverso i diversi livelli del gioco. Non c’è dubbio che i team di Guerrilla Games e Firesprite abbiano voluto costruire un mondo in grado di impressionare il giocatore fin dal primo momento e tenerlo senza parole per tutta la sessione di gioco, cosa che riescono a fare a palate.

Sembra che il mondo di Horizon fosse quello ideale per iniziare questa esperienza, visto che si presta con enorme successo a regalare ambienti ricchi di vegetazione, montagne, costruzioni maestose e una vita costante di tutto ciò che ti circonda. Indubbiamente, una dimostrazione di forza tecnica che permette di sognare cosa si può fare d’ora in poi con il dispositivo e se Sony continuerà a scommettere sui suoi grandi franchise per supportarlo. Qualcuno può immaginare un Uncharted VR o un’esperienza simile a God of War, tra molti altri? Bene, questo è esattamente ciò che porta Horizon: Call of the Mountain, la capacità di appartenere a quel sogno di entrare in un universo che prima potevamo vedere solo dalla distanza dello schermo.

ok chiamata della montagna

La risposta delle dita è così precisa che puoi persino inviare un mi piace nel gioco.

D’altra parte e non meno importante, PSVR2 ha anche l’audio 3D nelle sue cuffie e la verità è che riescono a dare all’esperienza ancora più realismo, permettendo alla natura di parlare mentre sali, permettendoti di sentire gli uccelli, il movimento di gli alberi e qualsiasi altro suono nella direzione in cui viene prodotto. Tutto questo, aggiunto a un fantastico doppiaggio, anche se non è una novità, perché è lo stesso delle due puntate principali che hanno raggiunto le console Sony.

L’unico inconveniente che si può mettere a livello tecnico è che certi momenti dell’arrampicata non sono del tutto rifiniti e se provi ad accedere a una zona più alta, a volte si verifica un salto di immagine che ti sposta di qualche metro sopra con un salto, interrompendo l’esperienza un po’ e, perché non dirlo, provocando un capogiro sicuramente intenso. Tuttavia, questi sono momenti molto specifici.

Valutazione finale Horizon: Il richiamo della montagna

psvr2 il richiamo della montagna

Horizon: Call of the Mountain è il grande gioco di lancio per PSVR2.

Horizon: Call of the Mountain è una grande esperienza , ma va molto oltre. Si lascia alle spalle il cliché dei videogiochi di realtà virtuale per poterlo trasferire in un ambiente più vicino e dare l’immagine di essere un Tripla A che si è adattato a questa tecnologia. Sono finiti i tempi in cui vivere nella realtà virtuale significava vedere da bordo campo tutto ciò che si poteva fare con le tre dimensioni intorno a noi. Call of the Mountain è pura immersione, è un gioco che rischia, che propone, che ti introduce in un mondo conosciuto e ti dà le armi necessarie per difenderti in esso .

Se questa era la prova necessaria per dare il via a una nuova dimensione della realtà virtuale , Sony è riuscita a fare il taglio a pieni voti. Ad oggi, è la cosa più impressionante che ho potuto godere su un dispositivo di queste caratteristiche e mi ha impressionato per la profondità delle sue meccaniche, la capacità di raccontare una bella storia e quel grande sforzo per renderti partecipe tutte le azioni che si intravedono nel gioco. La vera realtà virtuale è arrivata e con Horizon: Call of the Mountain quello che sembrava un lontano futuro è ora il presente .

Il metaverso: la possibilità di universi paralleli e realtà virtuali
Condividi
Iscriviti
Inviami notifiche
0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
0
Ehi Sicarios! Vogliamo un tuo parere, lasciaci un commento!x