Mistero

Nessie Sydney: il mostro australiano del fiume Hawkesbury

Oggi parliamo di Nessie sydney, un mostro simile a quello del lago di Loch Ness in Scozia, che si troverebbe in un fiume dell’Australia.

Le leggende sui mostri che vivono nei laghi o nei fiumi sono abbastanza comuni; uno di questi, che si trova nel fiume Hawkesbury in Australia, è chiamato Nessie Sydney, in riferimento a Nessie il presunto mostro del lago Loch Ness, in Scozia.

Mille anni fa, il fiume era considerato sacro dalle tribù locali e tra le antiche pitture rupestri vicino a Hawkesbury, ci sono immagini di una bestia misteriosa.

Dai miti, si sa che gli indigeni lo chiamavano “moolyewonk”, che significa “serpente d’acqua gigante”. Ma agli occhi dell’uomo moderno, la creatura sembra più una lucertola preistorica.

Nel XIX secolo, i coloni bianchi iniziarono ad arrivare in massa da queste parti. I rappresentanti della popolazione locale, li hanno avvertiti di non avvicinarsi troppo al fiume, poiché lì viveva una grande bestia con enormi denti.

Ci sono stati casi di attacchi a persone dalla riva e in barca e alcuni coloni presumibilmente, hanno avuto la possibilità di vedere questo animale con i propri occhi.

Il criptozoologo e scrittore Tony Healy, che fece spedizioni lungo il fiume alla ricerca del mostro, riuscì a raccogliere numerose testimonianze.

Il suo fascicolo contiene una storia su come, nel 1912, i barcaioli nell’area di South Creek (un affluente dell’Hawkesbury a Windsor), videro una creatura che sembrava un enorme coccodrillo.

Healy registrò anche un episodio del 1924, che fu poi descritto dall’edizione locale della Windsor and Richmond Gazette. Testimoni oculari, hanno detto di aver visto una creatura simile a un enorme cavalluccio marino. Uno di loro, WJ Riley, ha riferito che mentre lui e suo fratello stavano camminando lungo la terrazza a mezzogiorno, hanno notato qualcosa nel fiume:

Abbiamo visto una creatura grande e brutta che si trovava a una profondità compresa tra mezzo metro e un metro, e raggiungeva i 2 metri di lunghezza. Era di colore giallastro e sabbioso. Non riuscivamo a vedere se la sua pelle fosse ricoperta di scaglie o meno. Abbiamo guardato per 15 minuti. Aveva una coda di pesce quadrata. Era un animale dall’aspetto sgradevole. Di certo non vorrei essere in quell’acqua.

Successivamente, “Nessie” del fiume Hawkesbury, interessò a un altro ricercatore, il capo dell’Australian Center for the Study of Unknown Animals Rex Gilroy. Quest’ultimo ha raccolto molti ritagli di giornale e testimonianze ricevute direttamente da testimoni oculari, che coprono un arco temporale di diversi decenni.

Gli attacchi più violenti

Nel 1945, un certo John Nelson notò da qualche parte a 50 metri da uno yacht che si trovava sul fiume, un’onda nell’acqua e da lì apparve una grande testa di serpente. Inoltre, altre parti del corpo del mostro sono apparse sott’acqua. La descrizione coincideva grossomodo con quanto già detto sopra.

Nel 1949, una giovane coppia osservò una creatura che sporgeva dall’acqua con il suo lungo collo, afferrare un toro adulto che pascolava sulla riva e trascinarlo nel fiume.

Adam Benedict del Pine-Barrens Institute, ha trovato prove risalenti al 1950. Secondo lui, un giorno, mentre scendeva il fiume in una barca di alluminio leggero, un pescatore locale sentì che qualcosa di enorme sotto.

L’acqua intorno alla barca si oscurò e improvvisamente, l’imbarcazione venne lanciata in aria a un’altezza di 3 metri.

Allo stesso tempo il pescatore venne gettato in acqua, ma riuscì miracolosamente a nuotare sino a riva, sebbene il mostro marino lo stesse inseguendo.

Nel 1979, George e Jane Keighley, che vivevano su una casa galleggiante sul fiume, affermarono che un mostro fluviale aveva tentato di attaccarli. Sdraiati sul letto, sentirono che la loro dimora cominciava a sollevarsi dall’acqua, facendo cadere le cose dal loro posto.

Quando la coppia uscì per vedere cosa stava succedendo, videro “un corpo enorme che si muoveva attraverso la baia; una bestia con un collo lungo e la testa di un serpente.

Avvistamenti recenti

Uno degli ultimi avvistamenti del “Nessie” australiano risale al 2009. Il criptozoologo Rex Gilroy ha detto di aver visto, attraverso un binocolo, la gigantesca creatura lunga circa 12 metri, nel fiume Hawkesbury.

Gilroy, che sta cercando il mostro di Sydney dal 1965, ha affermato di credere che sia un plesiosauro del periodo Giurassico.

Abbiamo a che fare con creature oceaniche che vengono al fiume per riprodursi. Ci sono aree nell’oceano, dove qualsiasi cosa potrebbe vivere laggiù e nessuno lo saprebbe“, ha dichiarato Gilroy.

Dopo aver sentito parlare del mostro di Hawkesbury nel 1965, ha trovato rapporti risalenti all’epoca precoloniale, con storie raccontate di bambini attaccati dal moolyewonk .

Quando i pescherecci furono trovati capovolti e gli occupanti dispersi negli anni ’80, il mostro di Hawkesbury era il principale sospettato.

Abbiamo arti rupestri che lo raffigura. Sembra che gli aborigeni sapessero di questa creatura”, ha concluso il criptozoologo.

Qua sotto vi lasciamo alcuni articoli che potrebbero interessarvi.

Dente di megalodonte scoperto da una bambina di 9 anni

Seguiteci su Facebook

Condividi
Iscriviti
Inviami notifiche
0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
0
Ehi Sicarios! Vogliamo un tuo parere, lasciaci un commento!x