Mistero

Incidente Phobos: sonda attaccata da un UFO?

Oggi parliamo di un fatto, accaduto nel 1988, chiamato incidente Phobos, dove una sonda spaziale russa sarebbe stata colpita da un presunto UFO.

Una delle missioni più importanti dell’Unione Sovietica, durante la corsa allo spazio, fu il Programma Phobos. La sua missione era studiare Marte e i suoi satelliti; Phobos e Deimos.

Phobos I e Phobos II sono le sonde gemelle, che sono state inviate in orbita attorno a Marte. La seconda è riuscita a inviare 38 immagini di buona risoluzione fino a 40 metri. Sfortunatamente, entrambe hanno avuto inspiegabili malfunzionamenti critici.

Le nuove sonde spaziali avrebbero sostituito quelle utilizzate nelle missioni planetarie su Venere nel 1975 e nel 1985, perciò dovevano essere molto più sofisticate.

Fu così che il 7 luglio 1988 fu lanciata Phobos I e appena 5 giorni dopo, Phobos II; ciascuno a bordo di un razzo Proton-K.

Il programma ha avuto il supporto di altre 14 nazioni, come Svezia, Svizzera, Austria, Francia, Germania Ovest e gli stessi Stati Uniti, che hanno aiutato con l’uso della Deep Space Network, per tracciare le sonde gemelle.

Phobos II è entrato nell’orbita marziana nel gennaio 1989, essendo la prima fase del suo obiettivo; la luna marziana Phobos. Tuttavia, le cose hanno iniziato a diventare strane.

Un probabile UFO?

Il 28 marzo dello stesso anno, fu registrato un misterioso oggetto ellittico in movimento verso la sonda, che poco dopo iniziò ad avere problemi. Alcuni esperti suggeriscono che l’oggetto abbia attaccato Phobos II, provocandone la disattivazione.

L’agenzia Tass ha dichiarato che la sonda non era in grado di comunicare con la Terra, e poteva farlo solo dopo aver completato la missione attorno alla luna marziana Phobos.

Tuttavia, il giorno successivo, un alto funzionario del Glavkosmos, l’Agenzia spaziale sovietica, dichiarò che il contatto con la sonda era perso per sempre; ma non solo la comunicazione era andata perduta, ma anche la sonda stessa.

Foto: Reddit

Il 31 marzo 1989, i corrispondenti di Mosca dell’Agenzia di stampa europea hanno dichiarato che Phobos II, aveva fatto delle foto di Marte prima di perdere il contatto.

Una delle immagini più controverse catturate in questa missione, è quella popolarmente conosciuta come “l’ombra”, che mostra infatti un’enorme ombra sulla superficie di Marte.

Esistono diverse versioni di ciò che è successo a Phobos II durante la sua incursione su Marte, ma nessuna di queste è conclusiva.

Una tra queste afferma che la sonda, prima di perdere il contatto, avrebbe fotografato un oggetto volante non identificato, sulla superficie marziana.

L’oggetto è stato descritto come “qualcosa di sottile di forma ellittica e lungo 20 chilometri”. Inoltre, è stato chiarito che le foto non potevano essere un’illusione, dal momento che erano state scattate da 2 diverse fotocamere, oltre che da telecamere a infrarossi.

Un controllore del traffico aereo presso il centro di controllo di Kaliningrad, ha concluso che la sonda era fuori controllo e molto probabilmente era stata colpita o attaccata da qualcosa.

Come risultato di questo evento, teorici e ricercatori suggeriscono che sia Marte, che la sua Luna, Phobos, siano colonie extraterrestri.

Secondo alcune ricerche, la superficie di Marte ha sempre mostrato strane forme e costruzioni che non sembrano per niente naturali.

Qua sotto vi lasciamo alcuni articoli che potrebbero interessarvi.

I misteriosi elicotteri neri

Seguiteci su Facebook.

Condividi
Iscriviti
Inviami notifiche
0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
0
Ehi Sicarios! Vogliamo un tuo parere, lasciaci un commento!x