La resa dei conti FPS di quest’anno è stata una reunion del 2010!

Halo vs Battlefield vs Call of Duty, bisogna proclamare un vincitore!

Se eri un fan degli FPS alla fine degli anni 2000 e seguivi i giochi abbastanza da leggere nei siti Web di giochi che la resa dei conti annuale degli sparatutto era un grosso problema. 

Le console avevano finalmente piattaforme online in grado di connettere gli amici tra loro e, di conseguenza, più persone che mai stavano scoprendo ciò che i giocatori di PC già sapevano: la regola degli sparatutto competitivi.

Fu in quegli anni, 2007-2010, che esplose la popolarità degli sparatutto online. 

Le esclusive di Steam come Team Fortress 2 e Counter-Strike: Source erano abbastanza popolari, ma per la gente della console senza sbocco sul mare, la lotta più visibile stava avvenendo tra i tre grandi nomi degli FPS: quale sparatutto si sarebbe battuto a vicenda tra Halo, Call of Duty e Battlefield? 

L’ultima volta che tutti e tre si sono lanciati sul ring contemporaneamente è stato il 2010, un anno che ci ha regalato Halo: Reach, Battlefield: Bad Company 2 e Call of Duty: Black Ops. 

Ero un ragazzo di Battlefield che era estremamente desideroso di ricordare ai miei amici di Black Ops che Bad Company 2 aveva più distruzione, veicoli fantastici, grafica migliore e una campagna divertente.

Passa al 2021, ed è un po’ divertente vedere i tre grandi combattere di nuovo come se fosse il 2007.

Sto pilotando jet in un moderno campo di battaglia e lanciando facoceri in un nuovo Halo che è stato lanciato il primo giorno su PC! 

Call of Duty è… anche lì , a fare di nuovo la Seconda Guerra Mondiale! 

Il tempo è un cerchio piatto e mi chiedo ancora una volta quale sparatutto ha vinto l’autunno:

Halo Infinite, Call of Duty: Vanguard o Battlefield 2042?

Per quanto sia tentato di scegliere un campione e affilare il mio forcone, non è più una domanda che ha molto senso. 

Nessuno di loro è il vincitore, perché la definizione di “vincere” è cambiata drasticamente dal 2010.

Nessuno di questo trio era mai destinato a diventare il più grande sparatutto in città, perché sappiamo già quali giochi stanno mantenendo quei punti per il momento. 

Fortnite, PUBG, Call of Duty: Warzone, Apex Legends, Valorant, CS: GO: è chiaro che la vera concorrenza di un nuovo sparatutto non sono i giochi che sono usciti allo stesso tempo, ma quelli che esistono da anni.

Se l’obiettivo è puntare al trono dei tiratori, una formula chiara funziona in questo momento. 

Il tuo prossimo gioco dovrebbe essere probabilmente un battle royale in prima o terza persona o uno sparatutto tattico diabolicamente difficile. 

Oh, e dovrebbe anche essere free-to-play.

Halo Infinite ha un vantaggio con una modalità multiplayer free-to-play a sorpresa che è stata immediatamente popolare, ma per il resto questa formula non descrive nessuno di questi giochi. 

Per il secondo anno consecutivo, un nuovo gioco CoD da 60€ è meno popolare del suo cugino gratuito, Call of Duty: Warzone. 

Battlefield è l’unico del gruppo senza alcun componente gratuito, il che probabilmente ha reso i suoi primi utenti ancora più salati riguardo ai bug di lancio. 

Questo non deve essere così per sempre.

Le vendite della prima settimana sono solo una pietra miliare in un “piano di contenuti” lungo anni. 

Pensiamo alla salute di un gioco in termini di lunghi tempi di attesa, quante nuove mappe vengono rilasciate o se gli imbroglioni stanno dilagando o meno. 

Quando i giocatori vogliono prendersi di mira l’un l’altro sul successo percepito del loro tiratore preferito, usano i numeri dei giocatori imperfetti come munizioni e lanciano frasi sempre più insignificanti come “gioco morto”.

La maggior parte dei giochi che le persone chiamano “morti” non stanno affatto morendo. 

Molti giochi competitivi a cui non pensi stanno prosperando con community dedicate che acquistano e godono degli aggiornamenti stagionali. 

Anche se il modello di gioco di servizio ha creato questi mega giochi “appiccicosi” a livello di Fortnite che sono estremamente difficili da detronizzare, ha anche fatto sì che i giocatori che si presentavano per i giochi di nicchia rimanessero in giro. 

Il mondo dei giochi è diventato più piccolo nella parte superiore, ma ora è molto più grande nel mezzo.

Ecco un buon esempio recente: Hunt Showdown è un eccellente gioco battle royale che dovresti giocare . 

Ha mappe più piccole della media, nessun veicolo, pistole difficili da usare, uno stile artistico squallido e non è gratuito. 

È l’anti-Fortnite e il suo modesto numero di giocatori lo riflette (lo sviluppatore Crytek ha celebrato un nuovo massimo di 32.000 giocatori simultanei quest’anno, una goccia nel mare per Epic). 

Nonostante ciò, Hunt riceve aggiornamenti frequenti, eventi stagionali e cosmetici mensili che sono dannatamente buoni.

È stupefacente! 

Crytek lo fa da anni ed è solo diventato più efficiente, il che indica che Hunt è sostenibile e redditizio. 

Diamine, stanno persino realizzando uno spettacolo basato sul gioco per una piattaforma di streaming ancora da lanciare.

Sapevi che Payday 2 del 2013 , uno dei primi ad adottare contenuti stagionali a pagamento negli sparatutto, è ancora giocato da decine di migliaia di persone ogni giorno? 

O che Dead By Daylight, il gioco in cui si tiene premuto il tasto sinistro del mouse sui generatori mentre un bullo ti insegue, è profondamente competitivo e ha una sana base di giocatori multipiattaforma? 

Se un gioco del genere fosse uscito nel 2010, credo che sarebbe stato giocabile per circa una settimana e poi sarebbe svanito.

Un buon centro pieno!

Quindi, dove si inseriscono Call of Duty: Vanguard, Halo Infinite e Battlefield 2042 nel 2021? 

Probabilmente da qualche parte in quel mezzo confortevole, dove i giochi popolari che sicuramente non sono i più grandi giochi vivono e possono avere successo.

Metterò un avvertimento qui che Halo Infinite potrebbe esplodere ulteriormente per diventare uno dei pezzi grossi nel 2022, ma solo se 343 inizia a trovare soluzioni più velocemente e smette di truccare i giocatori per l’armatura grigia.

La mia domanda è se il mezzo sia abbastanza buono per giochi ad alto budget come Vanguard o Battlefield. 

Gli obiettivi finanziari di Crytek per Hunt sono probabilmente molto più piccoli delle grandi squadre che fanno CoD. 

Vanguard probabilmente non sarà l’ultimo CoD autonomo e Activision potrebbe vedere Vanguard come una grande pubblicità per Warzone. 

Allo stesso modo, Halo Infinite sta giustificando la sua esistenza essendo un’altra cosa interessante sul grande Game Pass. 

Sono meno sicuro di Battlefield. 

Forse 2042 sarà il primo della serie principale a diventare free-to-play a un certo punto?

Se sei esausto dalla battaglia reale e stressato da Valorant quanto me, nel mezzo è dove troverai tutti i fantastici FPS. 

Rainbow Six Siege sta ancora andando forte, così come Overwatch. 

Splitgate è piuttosto fluido per alcuni round. 

C’è anche Squad , se sei abbastanza coraggioso. 

Quello che abbiamo perso negli scontri a fuoco tripla A, l’abbiamo guadagnato in varietà e longevità. 

Ci sono sempre troppi fantastici sparatutto che vale la pena giocare, e questo è un bel problema da avere…

Ecco altri articoli scelti per te:

Condividi

About Donovan Rossetto

Esperto RetroGamer, scrittore, giornalista e divulgatore di tematiche legate al mondo del Mistero. Appassionato di StarWars e della nuova console Microsoft. Passa il tempo nella ricerca di verità e giocando all'Oculus! Uno dei più forti in Italia su CS:GO e sui giochi picchia-duro.

View all posts by Donovan Rossetto
Iscriviti
Inviami notifiche
0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti