La scomoda verità dell’ultima campagna di marketing di Call of Duty

Call of Duty: Vanguard rimane ossessionato dal realismo, nonostante nessuno lo voglia…

“Questo è reale.” Un fotoreporter di guerra mormora questa affermazione su una colonna sonora malinconica nell’ultimo video promozionale di Call of Duty: Vanguard . 

L’immagine di un soldato, rannicchiato dietro le canne con una pistola in mano mentre il fuoco lambisce un edificio dietro di lui, è centrata per dare enfasi. 

L’immagine è una fotografia scattata tramite l’uso del motore di gioco di Vanguard . 

È una dimostrazione di come Call of Duty: Vanguard cercherà di immergere completamente il giocatore in un’altra rivisitazione degli eventi della Seconda Guerra Mondiale.

Questo è uno dei numerosi video creati per sottolineare come Call of Duty: Vanguard punti al “realismo”. 

Realismo!

Il suo slogan – “La seconda guerra mondiale come mai visto prima” – appare su uno scatto iperrealistico di soldati che corrono al rallentatore su un campo di battaglia fangoso. 

È una versione ludica e interattiva di uno degli eventi più costosi della storia umana, uno che la serie ha approfondito una dozzina di volte. 

Activision promette che sarà molto più realistico del precedente. Questa volta sarà reale.

Il video presenta due fotoreporter di guerra, Sebastiano Piccolomini e Alex Potter, che elaborano i loro vasti background e portfolio. 

Si presentano, con fotografie reali scattate in Siria, Iraq, Libano e Afghanistan che appaiono in rapida successione. 

Tutto ciò avviene prima che gli vengano fornite speciali fotocamere portatili che consentano loro di navigare tra i livelli di Vanguard . 

Fotograferanno zone di guerra digitali all’interno del gioco, cercando di imporre una parvenza di realtà agli ambienti ricreati.

Un giornalista di guerra scatta foto di gioco in Call of Duty: Vanguard

Il video è punteggiato da luci lampeggianti per emulare il fuoco di proiettili mentre i fotoreporter si acquattano all’interno di un’area designata al centro di un palcoscenico. 

Più di una manciata di immagini sfarfallano durante il trailer: edifici in fiamme, carri armati che esplodono, i fotoreporter stessi in giubbotti antiproiettile come se fossero davvero lì. 

A un certo punto, il trailer si sofferma su un paracadutista in-game, catturato su un albero, in quello che sembra essere il momento prima che venga ucciso o catturato, mentre la telecamera di Potter continua a scattare. 

Tutto si legge come un tentativo di dipingere atti di guerra con una spessa patina di freddo avvolto nel realismo grintoso a cui la serie di Call of Duty ha continuamente lottato .

Il trailer

Il trailer non solo sminuisce l’intento e l’uso della fotografia di guerra , ma la propone ulteriormente come strumento di propaganda. 

Mentre l’uso moderno della fotografia di guerra è controverso, con il suo intento originale deformato dall’interferenza del governo americano, una volta ha fornito uno sguardo alle atrocità commesse da varie potenze imperiali, inclusa l’America. 

Activision tratta questa storia come qualcosa da sfruttare alla ricerca del “realismo” per un franchise che è già invischiato nel complesso industriale militare americano nel suo utilizzo come strumento di reclutamento . 

È un tentativo insipido di fare appello alla sua base di giocatori più devoti (che in effetti sono più fissati sull’inesattezza storica delle armi in Vanguardavere mirini laser ), o coloro che sono abbastanza affascinati dalla seconda guerra mondiale da saltare nella serie appositamente per il voyeurismo di tutto ciò.

Un soldato corazzato mira a un'orda di zombi

Call of Duty ha già attraversato i confini etici in precedenza. Solo in Call of Duty Modern Warfare , i suoi progettisti hanno utilizzato il fosforo bianco come meccanica multiplayer e hanno creato un minigioco per giocatore singolo partendo dal waterboarding. 

Ci sono stati dibattiti tra la comunità sul fatto che queste rappresentazioni realistiche della guerra e delle sue atrocità siano necessarie o meno per l’esperienza di Call of Duty . Vale a dire, questa ricerca del realismo giova effettivamente a chiunque sia coinvolto? 

Le modalità più popolari di Zombi e le sue modalità multiplayer orientate alla progressione si tuffano a capofitto nell’assurdo, rendono superflua l’inclusione di atti di guerra legittimi e, per estensione, crimini di guerra. 

Un confine da attraversare…

Era un confine che non aveva bisogno di essere attraversato, ma lo era comunque, per l’errore di creare un’esperienza autentica e legittima in un videogioco basato su atti di guerra.

Sulla base del suo marketing finora, Vanguard sembra un altro passo avanti nella stessa direzione in cui si è imbarcato con “No Russian” in Call of Duty: Modern Warfare 2 e, in realtà, dal momento che il primo Call of Duty ci ha portato in Francia e Stalingrado nel 2003: una sorta di inevitabile disprezzo per gli eventi storici che la serie ha costantemente riscritto per un’esperienza più accattivante. 

Un Call of Duty “più fresco”, più nuovo, “più accurato” e coinvolgente (fino ai controlli adattivi con il controller DualSense) .

Foto dalla nuova campagna promozionale di Call of Duty: Vanguard

E dobbiamo chiederci, quando va troppo lontano? Quand’è che la fusione tra realtà e finzione, la ricreazione e l’uso di immagini ed eventi reali supera il limite? Forse è negli orribili atti di “patriottismo virtuale” raffigurati nelle campagne per giocatore singolo? 

O forse è nella continua distillazione di ciò che equivale a propaganda nel suo materiale promozionale? 

Probabilmente è il modo in cui il marketing deforma la storia, come quando il tenente colonnello Oliver North (notoriamente coinvolto nello scandalo Iran-Contra) è diventato consulente e portavoce di Call of Duty: Black Ops 2 ?

Forse è tutto quanto sopra. Queste cose funzionano in tandem per creare Call of Duty come lo conosciamo ora: una macchina di propaganda senz’anima e insipida creata da un’azienda che rifiuta di riconoscere la sua mano nel complesso industriale militare americano. 

Nonostante le immagini ampollose e il desiderio di legittimità con l’inclusione di fotoreporter di guerra pluripremiati nella sua campagna promozionale più recente, continua ad essere impossibile riconoscere ciò che rappresenta Call of Duty .

Articolo dell’amico Kazuma Hashimoto

Come ottenere il progetto Rat-A-Tat in CoD: Vanguard & Warzone
Donovan Rossetto ama l'informazione, ma è anche un videogiocatore e scrittore. Con una vasta conoscenza dell'industria videoludica, Rossetto offre una prospettiva unica e interessante su entrambi i temi. Inoltre, come scrittore, Rossetto ha saputo combinare la sua passione per gli UFO e i videogiochi in una serie di articoli e libri che hanno appassionato i lettori di tutto il mondo.
Iscriviti
Inviami notifiche
0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
0
Ehi Sicarios! Vogliamo un tuo parere, lasciaci un commento!x