Ogni controller DualSense ha 40.000 minuscoli simboli PlayStation

Come sappiamo, la prossima generazione di videogiochi di Sony è qualcosa che non puoi vedere: ma che devi toccare. Parte di questo è il modo in cui gli intelligenti grilletti motorizzati del controller DualSense e le vibrazioni estremamente precise possono ricreare la sensazione scricchiolante di camminare impettito su una spiaggia sabbiosa o il rumore della pioggia.

Un’altra parte: i 40.000 minuscoli simboli PlayStation che sentirai quando prendi in mano il nuovo gamepad della PS5. Come “uovo di Pasqua” per i suoi fan, l’azienda ha deciso di applicare una microstruttura all’intero guscio inferiore del controller DualSense che lo rende il gamepad più impugnabile di Sony a causa delle migliaia e migliaia di piccoli quadrati, triangoli, cerchi e croci letteralmente a portata di mano.

Sony non ha mai parlato in precedenza di come ha fatto questo, quanti sono o quanto grandi diventano effettivamente i simboli, ma oggi abbiamo quelle risposte – comprese le foto dietro le quinte e i dettagli di Yujin Morisawa e Takeshi Igarashi di Sony, i principali progettisti dietro PS5 e DualSense, rispettivamente.

Forse la parte più sorprendente, come vedrai nelle immagini sopra e sotto: questi minuscoli simboli sono impilati uno sopra l’altro, sporgenti in tre dimensioni. Non sono affatto un singolo strato uniformemente distanziato, come i minuscoli punti che potresti ricordare sul DualShock 4 di Sony del 2013. Sembrano casuali, quasi organici, il che potrebbe essere dovuto al fatto che l’intero design è stato abbozzato a mano.

E non solo uno schizzo. Morisawa, il direttore artistico senior del gruppo di design dei prodotti del Design Center di Sony, spiega che una varietà di progetti sono stati realizzati a mano, digitalizzati, modellati, applicati a prototipi di gamepad reali e testati più e più volte fino a quando i team hanno trovato l’equilibrio che volevano: buono aspetto, abbastanza ruvido per essere comodo e antiscivolo, ma non così ruvido come carta vetrata da farti male alle mani durante una lunga sessione di gioco.

Mentre i progettisti potevano facilmente posizionare la versione digitale della texture dove volevano nei programmi CAD di Sony, Morisawa afferma che il confronto fisico e il test di diversi prototipi era fondamentale: “Anche se ci vuole una notevole quantità di tempo per creare un prototipo, il il giudizio di un prodotto è determinato nel momento in cui lo vedi e lo tocchi ”

Un confronto tra diverse variazioni di microstruttura per lo stampaggio, inclusa la trama punteggiata della PS4 in basso a destra. Immagine di Sony Interactive Entertainment


Capire l’altezza corretta dei simboli è stato molto faticoso da solo, come puoi vedere in alcune delle foto dietro le quinte di Sony. Alla fine, si sono stabiliti su due strati: uno alto circa 15 micron e un altro alto 30 micron, secondo le misurazioni effettuate con un microscopio Nikon LV100.

A microscope photo of the DualSense’s texture shows overlapping square, triangle, circle, and cross symbols.
Svantaggio delle Texture: prendere facilmente lo sporco

Una foto al microscopio della trama del DualSense mostra simboli quadrati, triangolari, circolari e incrociati sovrapposti.
I simboli più grandi sono larghi circa mezzo millimetro e lo strato superiore è alto solo 30 micron (tre centesimi di millimetro).

In realtà, applicare i simboli al gamepad DualSense è stata la parte più facile, perché non vengono applicati affatto. Ognuno di questi 40.000 simboli fa parte del guscio del controller, creato quando perle di plastica ABS fusa vengono schiacciate in minuscole fessure tagliate al laser durante il processo di stampaggio a iniezione standard. Il design è ottimizzato per mantenere intatti i simboli mentre vengono estratti dallo stampo.

Il trucco è avere l’attrezzatura giusta per realizzare quello stampo per iniziare. Per creare forme così precise su un’intera superficie curva tridimensionale, pensata per adattarsi ai palmi delle mani, i laser sono tornati utili. Nello specifico, una macchina per incisione laser multiasse di fascia alta che Igarashi dice è “difficile da trovare”. Il risultato? Poiché fa parte dello stampo, la trama che sentirai sul controller della PS5 è la stessa identica che proverà ogni altro proprietario.

Insomma, ci è voluto tantissimo lavoro, ma è stato ben ripagato.

Condividi con i tuoi amici!

Seguici su Facebook: Clicca qui!

Fonte: The Verge

Condividi

About Giuseppe Ambrosino

Ama i giochi sportivi, veterano di Fifa e Pes, oltretutto anche campione di tornei a livello nazionale, sempre al computer ma appassionato folle delle console, da quando è nato ne ha sempre acquistate ma mai venduta una, almeno che non fosse doppia!

View all posts by Giuseppe Ambrosino
0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
1 Comment
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments

[…] DualSense, l’easter egg viene finalmente spiegato! Giuseppe Ambrosino […]