In Ohio University, il professore emerito William Romoser ha analizzato le foto dalla NASA dal rover Curiosity, e ha trovato insetti e rettili simili a organismi (sia come fossili e come creature viventi) nelle immagini.

“C’è stata e c’è ancora vita su Marte”, ha detto il professor Romoser, professore di entomologia presso la Ohio University per 45 anni e co-fondatore del suo Tropical Disease Institute, ha anche trascorso quasi 20 anni come ricercatore sulle malattie trasmesse da vettori presso l’Istituto di ricerca medica e sempre nella ricerca con l’esercito degli Stati Uniti sulle malattie infettive.

Mentre i rover marziani, in particolare Curiosity, hanno cercato indicatori di attività organica, ci sono un certo numero di foto che ritraggono chiaramente le forme simili a insetti e rettili. Numerose foto mostrano immagini in cui i segmenti del corpo di artropodi, insieme a zampe, antenne e ali, possono essere individuati dall’area circostante, e uno sembra persino mostrare uno degli insetti in una ripida immersione prima di tirarsi su appena prima di colpire il suolo. Questo è quello che ha analizzato il professore.

(A) almeno due apparenti creature simili a insetti che volano vicine tra loro; 
(B) forme putative simili a insetti in un cielo che si oscura; 
(C & D) estratti da (B) con evidenza di battito d’ali (punti luminosi che circondano i corpi scuri); 
(E) un esemplare simile a un insetto (“ape”) che sembra essere volato da destra a sinistra da quella che potrebbe essere una grotta o un ingresso al sottosuolo; 
(F) due presunti esemplari simili a insetti in volo contrastavano con il cielo che si oscurava; 
inserire: vista ingrandita. 
Credito immagine: William Romoser, doi: 10.13140 / RG.2.2.12363.95520.

Romoser ha affermato di aver utilizzato diversi criteri nello studio: drammatico allontanamento dall’ambiente circostante, chiarezza della forma, simmetria del corpo, segmentazione delle parti del corpo, forma ripetuta, resti scheletrici e osservazione delle forme in stretta vicinanza l’una all’altra.

Un esoscheletro e appendici articolate sono sufficienti per stabilire l’identificazione come artropode“, ha spiegato.

Tre regioni del corpo, un solo paio di antenne e sei zampe sono tradizionalmente sufficienti per stabilire l’identificazione come insetto sulla Terra. Allo stesso modo, queste caratteristiche dovrebbero essere valide per identificare un organismo su Marte simile a un insetto. Su queste basi si possono vedere forme simili a insetti artropodi nelle foto del rover su Marte.

Sono state osservate molte creature simili a insetti e presunte diversità. Le forme simili a insetti più comuni sono robuste e assomigliano vagamente ai bombi o alle api carpentiere sulla Terra. Per comodità, da questo momento in poi il professore si riferirà a queste creature come “api”. “

Le ‘api’ sembrano variare in dimensione e tipo. Diverse caratteristiche anatomiche di insetti / artropodi erano identificabili, non tutte sullo stesso individuo, ma come un mosaico tra gli individui.

Il comportamento di volo distinto era evidente in molte immagini. In un caso osservato, la manovra di volo è stata impressionante con la singola “ape” che si è tuffata lungo il lato di una scogliera e si è livellata appena prima di toccare il suolo. La fauna simile a un insetto osservato, sembrava ripararsi / nidificare in grotte, tane sotto la superficie e in strutture specializzate.

(A) vista frontale di un presunto fossile simile a un rettile rispetto a un serpente terrestre: (1) vista frontale di un presunto fossile (cerchiato) in un campo di detriti; 
(2) vista frontale ingrandita del fossile; 
(3) simmetria della linea mediana indicata; 
(4) occhi e piccola apertura orale cerchiati; 
(5) strutture puntate bilaterali indicate; 
(6) apertura orale ampia, completamente aperta; 
(7) sono indicati gli occhi, le strutture punteggiate laterali e la bocca grande in grado di aprirsi; 
(8) vista frontale della testa del serpente re orientale; 
(9) Serpente reale con occhi e strutture punteggiate bilaterali cerchiate; 
(B) putativo insetto fossile sul suo dorso con la testa verso l’alto e con strutture selezionate etichettate; 
(C & D) apparente comportamento predatorio che mostra una creatura simile a un rettile con una creatura simile a un insetto nella sua bocca. 
Credito immagine: William Romoser, doi: 10.13140 / RG.2.2.12363.95520.

Secondo il ricercatore, le interpretazioni delle creature simili a insetti e rettili che ha descritto potrebbero cambiare in futuro con l’evolversi della conoscenza della vita su Marte, ma l’enorme quantità di prove è convincente.

Data la prova della presenza di insetti / artropodi e organismi simili a rettili oltre i confini della Terra, forse ‘astroentomologia’ e ‘astroerpetologia’ emergeranno come argomenti importanti nel campo dell’astrobiologia“, ha concluso il professor Romoser.

Cosa pensi di questa teoria di Romoser? C’è vita su Marte? Vieni a dircelo nella nostra pagina Facebook!

Condividi

Commenti Facebook

About Donovan Rossetto

Esperto retrogame, possiede tutte le console dagli anni 90 ad oggi, collezionista di action-figure e storico campione di Tekken 3! Ultimamente ha grandi punteggi in CS:GO! Inviato alle fiere del nord-est italia per interviste e video!

View all posts by Donovan Rossetto