A 19 anni dall’attentato che ha colpito al cuore gli U.s.a. e scosso il resto del mondo, molti punti sono ancora da chiarire, altri, addirittura inspiegabili

In questi giorni, in rete , si torna a parlare dell’attentato più discusso della storia recente, purtroppo però, c’è solo una certezza sull’11 Settembre: troppe domande senza risposta.

È una delle tragedie più sentite degli ultimi anni, l’attentato alle Torri Gemelle è anche una vicenda oscura con più incertezze che punti fermi.

La versione convenzionale presenta palesemente falle e incongruenze ovunque, le teorie del complotto a riguardo sono innumerevoli e in alcuni casi “fantascientifiche”, insomma, non ci siamo fatti mancare nulla nemmeno questa volta!

Se ne parla dal 1°giorno attraverso video, audio, documenti desecretati, testimonianze e pareri di esperti, ma nonostante ciò, il risultato non è stato soddifacente.

Dell’11 Settembre ne hanno parlato tutti, tra cui Massimo Mazzucco, giornalista e documentarista, molto conosciuto sul web, sicuramente il più grande esperto di questa vicenda.

Il suo documentario “11 Settembre – La nuova Pearl Harbor”, tradotto in diverse lingue, riprende dettagliatamente ogni singolo atto ed è a mio avviso, il lavoro migliore mai svolto sull’argomento.

11 Settembre, una data che non si può dimenticare

Una mattina di settembre, quasi tutte le TV interrompono le trasmissioni con l’edizione speciale del TG che annuncia un attacco terroristico al Word Trade Center di New York.

In molti, addirittura, pensano al probabile scoppio della 3° guerra mondiale, fortunatamente non fu così, a grandi linee, tutti sappiamo cosa è successo.

Dico a grandi linee, in quanto troppe cose non quadrano, una tragedia di tale portata non può lasciare la popolazione nel dubbio e nel sospetto.

Le spiegazioni approssimative e lacunose presentate da Paolo Attivissimo non hanno soddisfatto di certo tutte quelle persone in cerca di risposte…anzi.

Personalmente non mi ritengo “complottista”, ma spesso, le versioni ufficiali, come ad esempio questa, non mi convincono, tuttalpiù mi spingono a fare ricerche personali.

Sull’11 Settembre è stato detto tutto ed il contrario di tutto, ma c’è qualcosa che ancora non torna, sono ancora troppe le domande senza risposta.

Il numero incredibile di vittime, cosi come tutti quelli che sono stati colpiti e coinvolti direttamente o indirettamente, meritano di sapere la verità.

11 Settembre: troppe domande senza risposta, solo una marea di…

Come ho accennato in precedenza, questa vicenda ha tenuto mezzo mondo attaccato ad uno schermo, è il caso che ha suscitato in assoluto più interesse.

Chiunque, almeno una volta, una domanda se l’ è posta, Tu compreso!

Vediamo quali sono i quesiti più frequenti, le domande che sorgono spontanee fra quelle a cui non ci è dato avere un risposta.

1) L’Aureonautica Militare Statunitense

Davvero chiunque può scorrazzare indisturbato per i cieli del Nord America?

Una potenza mondiale quale gli Stati uniti d’America, non può avere tali falle nel sistema di sicurezza, tanto meno se i servizi segreti interni dichiarano la possibilità di un attentato.

Come è possibile che nessuno si sia accorto del dirottamento ? È possibile che ci fossero solamente 5 Caccia a sorvolare su un così vasto territorio ?

La “Fanta-spiegazione” fornita dai vertici ( tralaltro, il responsabile in carica è stato premiato invece che punito) è stata davvero imbarazzante.

La difesa più impenetrabile al mondo, in un posto dove chiunque esca dalla rotta stabilita per più di 40 minuti viene intercettato e colpito, si fa “fregare” da una serie di sfortunate coincidenze!

Assenze ingiustificate, addestramenti programmati nello stesso momento per una sfortunata coincidenza, piccole distrazioni, un po’ di incompetenza ed errori di comunicazione… mannaggia!

Anche specificando tutto nei minimi dettagli, menzogne o reale catena di imprevisti, il risultato finale non cambia: INQUALIFICABILE.

2) Lo schianto sul Pentagono: la storia di un dirottamento particolare.

Manovre assurde e un aereo sparito nel nulla, testimonianze e incongruenze di ogni genere, anche il volo Airline 93 regala interrogativi a non finire!

Tra la versione ufficiale e le prove dello schianto, praticamente nulla coincide, dalle misure, ai rottami, anzi, l’aereo stesso pare essere svanito nel nulla!

11 Settembre: da spiegazioni dubbie a spiegazioni assurde

3) Terroristi – Piloti improvvisati: un mistero a 360°

Sui terroristi implicati in questa vicenda, 15 sauditi e 4 egiziani, le ambiguità sono plurime, le più comuni sono le seguenti:

-Non ci sono immagini ritenute valide della loro presenza in aeroporto, solo questo dovrebbe far sorgere qualche domanda spontanea.

-Pare fossero considerati pessimi piloti dai loro istruttori, ma hanno compiuto manovre quasi impossibili anche per piloti esperti.

-La cosa più assurda però è il ritrovamento dei loro documenti: tra le macerie fuse e bruciate dell’edificio appena colpito, ecco in bella vista i passaporti intatti e ben leggibili dei 3 individui…

BONUS: Come ha fatto la B.B.C. ad annunciare il crollo delle torri gemelle con 25 minuti di anticipo?

Forse non tutti sanno che alcune emittenti americane e britanniche hanno annunciato lo schianto del primo aereo in tempo reale.

Nulla di strano se non fosse che il tutto è avvenuto con un anticipo di quasi mezz’ora…e non centra il fusorario.

Come sia arrivata in così largo anticipo la notizia ( qualcuno parla addirittura di immagini, ma personalmente non credo a quest’ultima affermazione) nelle redazioni locali è un bel mistero!

Questo particolare, per mancanza di materiale è passato subito in 2° piano per poi finire nel dimenticatoio, ma rimane comunque un vero e proprio punto interrogativo.

Queste sono solo alcune delle domande senza risposta, fra le innumerevoli domande che ci si è posti negli anni e su cui si è dibattuto e si dibatteva chissà per quanto ancora.

11 Settembre: troppe domande senza risposta…e non c’è altro da aggiungere!

Ovviamente, nonostante il mio punto di vista sia inequivocabile, rimane sempre il mio punto di vista.

La mia totale incapacità di rimanere neutrale in questo caso specifico è una mia mancanza, non un intento di convincere qualcuno a pensarla come me.

Come ho già specificato NON SONO COMPLOTTISTA e nessuno sa come sia andata davvero.

Detto ciò, rimane il fatto che tutti abbiamo il diritto di conoscere la verità, almeno per quanto riguarda le questioni che ci toccano in qualche modo.

“LA VERITÀ NON VINCE MAI, MA I SUOI NEMICI SI CONSUMANO”

Chi è particolarmente interessato alle vicende sull’11 Settembre (o ai complotti in generali) rimanga sintonizzato, il programma autunnale del Cartel del Gaming, nella sezione Misteri , ha molto da rivelare.

Condividi

Commenti Facebook

About Nina Witch

Appassionata di mistero, occulto, e ufologia, ama i libri dedicati e impegna molte ore nello studio delle capacità umane, specialmente quelle sensoriali ed extra sensoriali

View all posts by Nina Witch