Google vs Bing si riferisce a una serie di Meme che prendono in giro la differenza tra i risultati dei due motori di ricerca.

In particolare sui risultati di richieste pericolose, come: suicidi, droghe ed esplosivi.
I meme presentano Bing come un motore di ricerca pericoloso, che interpreterebbe la richiesta in modo semplice e presenterebbe i rispettivi risultati, mentre Google mostrerebbe prima i risultati che potrebbero dissuadere il ricercatore dal fare del male.
Che è una cosa buona e giusta.

Origine del Meme:

Il 31 marzo 2010, Google ha introdotto una modifica ai risultati della ricerca prodotti quando un utente ricerca cose pericolose tipo: Come suicidarsi?

Negli anni seguenti, diverse fonti online hanno riferito delle differenze nei risultati prodotti dalle modifiche della ricerca quando l’utente invia una richiesta di ricerca per metodi suicidi o altre richieste simili, inclusi articoli di WebProNews, Daily Dot e Vice.

Il 21 settembre 2012, l’utente jonnovstehinternet di Tumblr ha pubblicato il primo meme evidenziando la differenza nei risultati di ricerca “come suicidarsi” forniti da Google e Bing, il post ha guadagnato oltre 109.600 like e reblog in sette anni.

La recente diffusione:

Il Meme ancora oggi viene usato sempre con lo stesso scopo, se cerchi come abortire, Google ti consiglia una ginecologa e Bing una stampella (Meme di questo Genere) Nulla contro Bing ma io non l’ho mai usato, penso che tutti dovrebbero usare Google che non ha mai peccato nel suo lavoro!

Trovo davvero strano che Bing dia questi risultati:

Facendo cosi non è complice del delitto? Come induzione al suicido? Certo penso che se una cosa simile possa capitare quelli nei guai sarebbero i creatori di questi suddetti articoli.

Da una parte però è anche vero che se un utente cerca una cosa va dato il risultato più attendibile alla ricerca.
Bing in questo caso ha vinto! Ma a quale prezzo?

E voi da che parte state? Qualsiasi sia la vostra risposta sappiate che noi siamo sempre dalla vostra parte, alla prossima!

Condividi

Commenti Facebook