Il primo film Sud Coreano ad aggiudicarsi il premio della Palma D’oro, un capolavoro del genere thriller per la sua dinamica completamente anti tradizionale!

Prima di spiegare il finale e qualche scena che magari non si è capita spighiamo la trama in poche parole. Parassite è il titolo perfetto per questo film, proprio come dei parassiti infatti entrano nella casa e nella vita di una famiglia ricca, sopratutto nella casa, enorme e molto accomodante.

Il figlio Ki Woo riesce a trovare lavoro come insegnante di inglese in questa famiglia, grazie al suo amico che lascia il lavoro per andare all’università. Lo stesso amico porta alla famiglia una roccia commemorativa, quest’ultima potrebbe essere la causa di tutta la vicenda, poi ne parliamo.

Anche in questa foto la Roccia è dietro alla famiglia…

Il figlio così vedendo l’ingenuità della famiglia ove lavorava, fa entrare anche la sorella, presentandola come esperta d’Arte Terapia, lei lascia delle mutandine in macchina dell’autista facendolo licenziare, presentando poi il padre per tale lavoro.

Trovando l’allergia alle pesche della governante e con un architettato stratagemma hanno fatto licenziare anche lei. Il Padre Kim ha proposto la moglie, ovviamente non presentandola come tale. Così in pochi giorni tutta la famiglia si trova a lavorare in questa casa con questa famiglia.

Tutto prevede soldi, bella vita e comodità assurde, ma qualcosa va storto si sa…. noi ci fermiamo qui con il racconto…

Ecco la spiegazione del finale di Parassite Film 2019

La fine è a dir poco triste, a differenza del resto del film che può definirsi quasi una commedia. La famiglia compie due omicidi, viene scoperta e perde un componente, quasi due. La figlia Ki-Jung perde la vita, accoltellata dall’uomo rinchiuso da anni nel bunker sotto la casa, stava puntando a sua madre per vendicare l’uccisione di sua moglie, ma Jung si è messa in mezzo.

Durante la notte prima l’intera famiglia era distrutta, anche emotivamente, a causa della alluvione che ha distrutto la loro casa, ma non solo, infatti sono stati ore sotto al tavolo della famiglia per nascondersi, li in quel momento Kim (il padre di di Ki-Woo) ha sentito quanto il proprietario della casa disprezzi il suo odore, che ricorda quello della metropolitana!

Questo fattore discriminatorio è stato il motivo per cui Kim ha scagliato il colpo di coltello al proprietario della casa, ma non perché ha discriminato lui ma perché ha fatto lo stesso con l’uomo del Bunker.

L’uomo del Bunker cade trafitto dalla moglie di Kim sopra alle chiavi della macchina e il proprietario di casa per spostarlo si è coperto il naso per l’odore, li in quel momento Kim si è anche ricordato tutto il rispetto che quel uomo aveva per la casa ed il suo proprietario, tanto che era lui che manualmente faceva apparire le luci automatiche delle scale.

Così Kim non ci ha visto più dalla rabbia, anche dovuta alla situazione della alluvione e ha accoltellato il proprietario di casa, successivamente si è nascosto nel Bunker, di cui nessuno tranne il primo proprietario conoscevano l’esistenza.

Che fantasma vedeva il figlio del proprietario di casa?

Il fantasma che aveva visto il piccolo era l’uomo del bunker, successivamente l’uomo continuava a mandare messaggi facendo lampeggiare la luce del corridoio, così il bambino era sempre irrequieto e strano, quando l’ha rivisto alla festa infatti ha avuto la stessa reazione e crollo fisico della prima volta anni prima.

Quell’uomo era li dentro per dei debiti con degli strozzini e se sarebbe uscito lo avrebbero trovato e poi ucciso, quindi per lui era l’unica soluzione.

Cosa significa la roccia nel film Parassite?

La roccia in realtà è solo uno stratagemma della regia, sapeva con certezza che tutti sopratutto i suoi connazionali gli avrebbero affibbiato un ruolo importante.

Infatti in questa roccia è stata riposta la tensione di Ki-Woo, ma anche la speranza. È stata abbracciata in un brutto momento e messa in acqua, quasi perché aiutasse così nel sogno di comprare quella casa per avvicinarsi al padre, destinato al suo interno.

Il significato della roccia in parassite però attenzione può essere diverso per ognuno di noi, a tutti è capitato che un oggetto attirasse la nostra attenzione e magari pensare che esso portasse fortuna o viceversa.

In conclusione

Va premiata l’idea dell’insieme ma ci sono alcune lacune da non poco, ad esempio le due botte in testa prese dal ragazzo dalla roccia, mortali ma invece non è stato così, mentre per la sorella che ha preso una accoltellata nel braccio la sorte è stata fatale.

Sia l’uomo nel bunker che successivamente il padre Kim giocavano con le luci del corridoio, nessuno della famiglia si è mai preoccupato di seguire i fili per poi finire nel nascondiglio? Nessuno si è mai preoccupato del malfunzionamento? Il proprietario che è stato ucciso era esperto di elettronica e non aveva telecamere interne o non si è accorto della mancanza dei sensori delle luci, senza quest’ultimo perché si dovrebbero accendere da sole al passaggio?

Ma anche se tanti potrebbero pensarla diversamente, per me è una opera d’arte ben riuscita e come tale deve avere qualche difetto, ma tutto questo non è importante nel risultato finale.

In più nelle scene finali di Parassite Kim parla con il figlio e in quel momento nasce una frase stupenda:

Ki-woo, sai che tipo di piano non fallisce mai? Non aver mai alcun tipo di piano, neanche l’ombra. Sai perché? Se elabori un piano la vita non va mai nel verso che vuoi tu.

Lasciateci un commento qui sotto per dire la vostra impressione del film dalla regia di Bong Joon-ho!

Condividi

Commenti Facebook

About Donovan Rossetto

Esperto retrogame, possiede tutte le console dagli anni 90 ad oggi, collezionista di action-figure e storico campione di Tekken 3! Ultimamente ha grandi punteggi in CS:GO! Inviato alle fiere del nord-est italia per interviste e video!

View all posts by Donovan Rossetto