Ufo, basi sotterranee, entrate per mondi sotterranei e ora pure una piramide….

Nunatak e i misteri dell’Antartide continuano a far parlare scienziati e complottisti.

Fu scoperta per caso molti anni fa, ma per qualche inspiegabile motivo, le autorità decisero di non divulgare la notizia e mettere tutto a tacere.

Con l’ arrivo di Google Maps, però, le immagini iniziarono a diffondersi e oggi, addirittura, si possono  trovare facilmente le coordinate. Perché la piramide di Nunatak doveva rimanere segreta?

 

La terra del mistero e i suoi segreti.

L’Antartide e’ un luogo poco conosciuto, dalla bassissima densità e che attira  da sempre leggende e speculazioni.

Sarà per il panorama sconfinato, per le aurore spettacolari portate dal magnetismo terrestre, o per quella nebbiolina ghiacciata che confonde la vista, sta di fatto che qua, pare succeda di tutto.

Da sempre, i teorici del complotto, si scervellano su cosa possa nascondersi sotto quella coltre di ghiacci e che i poteri forti ci vogliono nascondere. Altri, i sostenitori della terra cava, sono certi che proprio al centro ci sia l’entrata per il regno di Agartha.

Si dice infatti, che durante la seconda guerra mondiale, i Nazisti abbiano trovato riparo proprio in Antartide. Ma si sa, Nazisti e Alieni sono come il prezzemolo…sono dappertutto!

 

Complottisti apparte, qualcosa di interessante è successo davvero…e anche ben documentato. Nel luglio del 1965, i giornali di tutto il mondo titolavano che degli ufo erano stati avvistati in Antartide.

Ci sono documenti, desecretati da poco, su carta intestata della British Antartic Survey  e indirizzato al Ministero della difesa è stilato un rapporto completo su un un’avvistamento ufo verificatosi a Deception Island.

Di conseguenza, la scoperta di diverse piramidi quadrilatere, non poteva non suscitare una curiosità morbosa.

È opera di civiltà antiche o di civiltà aliene?

Forse, per una volta, gli alieni non c’entrano…

 

I primi ad imbattersi in questa struttura, di una perfezione quasi innaturale, furono gli esploratori della Terranova expedition nel 1911.

Furono loro a chiamarla ‘ la piramide’ e mai si sarebbero immaginati che più di un secolo dopo sarebbe diventata una delle strutture più enigmatiche del pianeta. In realtà, l’Antartide ospita una catena montuosa di quasi 400km, Ellsworth e ci si può imbattere facilmente nella cima di qualche montagna.

Queste cime, spesso dalla forma piramidale perfetta, vengono chiamate appunto Nunatak( picco isolato in inuit).

 

Dunque il mistero della piramide di Nunatak sembra essere risolto.

…o forse no!

I lati della piramide sono distintamente sagomati in modo perfetto, un po’ troppo perfetto per essere opera dell’erosione naturale.

Sotto il ghiaccio, poi, sporgono delle strutture a cupola, anch’esse perfette, che hanno rafforzato la tesi che quelle siano strutture artificiali antiche.

A causa delle informazioni che si trovano in rete, molto diverse tra loro e spesso un po’ troppo fantasiose, per scoprire la verità ci tocca andare a vedere di persona.

Ma forse non è proprio del tutto una cosa negativa, amiamomisteri perché sono tali, nel momento in cui troviamo la spiegazione perdiamo il mistero.

Nina Kulagina e il suo misterioso potere

 

 

 

Commenti Facebook