Giochi come Fortnite usano tecniche di gioco ‘predatorie’ per far spendere i bambini, avvertono gli esperti!

Su Fortnite i giocatori pagano soldi reali per la possibilità di un oggetto raro o di un aggiornamento per rimanere competitivi,fanno in modo che i giocatori spendano con tecniche discutibili.

I pagamenti “predatori” in giochi per computer estremamente popolari come Fortnite e Hearthstone sono equivalenti al gioco d’azzardo ma non sono regolamentati e potrebbero portare i giovani alla dipendenza e alle difficoltà finanziarie, gli esperti espongono in questi giorni molte preoccupazioni!

Sulla scia del gioco una dipendenza che potrebbe essere riconosciuta dall’organizzazione mondiale della sanità , gli psicologi hanno richiamato l’attenzione su ciò che essi descrivono come la “crescente somiglianza tra il gioco d’azzardo” in quella che è cresciuta rapidamente in un settore multi-miliardario di euro,dollari ecc… di intrattenimento.

 Il Dott. Daniel King e il professor Paul Delfabbro, dell’Università di Adelaide, hanno dichiarato:

Questi schemi possono indurre alcuni giocatori ad accedere alle carte di credito per spendere più denaro di quanto possano permettersi,gli schemi di monetizzazione del gioco sono diventati sempre più sofisticati e sono stati messi in evidenza nei giochi online più popolari,a nostro avviso alcuni di questi schemi potrebbero essere considerati predatori.

Gli schemi di monetizzazione predatori in genere coinvolgono sistemi di acquisto in-game che nascondono o trattengono il vero costo a lungo termine dell’attività fino a quando i giocatori non sono già impegnati finanziariamente e psicologicamente!

 

Ci saranno dei cambiamenti forse nei prossimi giorni su Fortnite,forse le cose costeranno meno o saranno meno invasivi!

 

 

Commenti Facebook

About Donovan Rossetto

Esperto retrogame,possiede tutte le console dagli anni 90 ad oggi,collezionista di action-figure e storico campione di Tekken 3! Importante streamer su Youtube e Twitch.tv.

View all posts by Donovan Rossetto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *