Akhenaton un faraone eretico e suo figlio Tutankhamon

Un saluto a tutti, amici amanti del mistero, adesso vi volevo parlare di uno dei tanti misteri di epoca remota.

Vi volevo parlare del faraone Akhenaton, che durante la sua epoca era considerato eretico, perché aveva imposto il monoteismo, l’amore per un dio solo, Amon, per questo motivo cambiò il suo nome in Akhenamon e si sposò con la regina Nefertiti, considerata un’icona di bellezza di quell’epoca.

Aveva già un figlio con un’altra donna Tutankhamon, che prima si chiamava Tutankhaton.

Lo stesso re fece una figlia con la regina Nefertiti chiamandola Ankhesenpaaton, che poi cambiò il nome in Ankhesenamon. Il dio che veneravano era Amon, personificazione del Sole. Questo dava fastidio ai sommi sacerdoti dell’epoca, che volevano il politeismo,a cui erano abituati,pure il popolo egizio era abituato al politeismo a differenza di questo faraone che ha scelto per il suo regno il monoteismo e spostò la capitale a Tebe.

Tutankhamon divenne re in giovane età,subito dopo la morte di suo padre e sposò la sorellastra Ankhesenaton,cosi facendo fecero due figli deformi, per colpa dell’incesto e morirono poco dopo il parto.

Re Tutankhamon morì a 19 anni, forse il mandante era Ay, il suo gran visir, desideroso di governare la nazione o forse era morto in un incidente cadendo da cavallo.

Dopo la morte di Tuttankhamon, la regina Ankesenamon sposò Ay, che divenne faraone.

Le piramidi che stanno in Egitto erano considerate già monumenti antichi quando Tutankhamon era ancora vivo.

Non si sa molto su questo re, nemmeno della sua consorte e sorellastra, ma si sa che i massimi esponenti delle divinità erano Osiride, Iside ed Horus – Ra. Poi c’era Seth, fratello di Osiride, che combattevano giorno e notte ed erano l’uno opposto dell’altro. Iside era considerata la madre di tutti i viventi ed era considerata la regina dei cieli, la dea madre e la santa vergine.

Bene amici, mi fermo qui, con questo è tutto, un abbraccio dal Gran Mitico.




NON PERDETEVI IL VIDEO ARTICOLO ALL’INIZIO!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *