Un saluto a tutti, cari amanti del mistero, adesso vi volevo parlare di strane creature umanoidi che secondo lo scrittore Caio Giulio Solino sono esistite.

Solino ha parlato di alcuni popoli leggendari nelle sue Cronache di Norimberga elencandole in;

  • Uomini a sei mani, una popolazione di persone con sei braccia e sei mani.
  • Le gorgodi, donne pelose che vivevano in Africa, forse i gorilla, dato che all’epoca non si aveva tanta conoscenza come adesso.
  • Donne barbute senza seni, con pochi capelli e barba lunga, che secondo Plinio, meglio scansarle poichè  come la peste.
  • I Blemmi, che erano dei popoli senza testa con il volto in petto.

  • I Polidattili, persone con sei dita per piedi per mani.
  • Gli Sciapodi, persone con un unico grande piede, che serviva per fare ombra nelle ore di Sole.

  • I Cinocefali, che forse erano i Babbuini, raccontate come persone con la testa di cane, vestite con pelli di animali selvatici,che comunicavano tra di loro con dei latrati.

  • Gli Ippocentauri, persone con piedi e parte posteriore di cavallo.

  • I Nisicati, persone con quattro occhi, che amavano nascondere degli ori sotto terra e detestavano i Grifoni, loro acerrimi nemici.
  • Il popolo con il collo lungo e la bocca da uccello, avevano il cuore lontano dal cervello.
  • Gli Abarimoni, persone che vivevano sull’Himalaia, che avevano i piedi al contrario.

  • Le creature bisessuali della Libia, per metà uomini e per metà donne, ma si accoppiavano tra di loro.
  • Gli Sciaradi, persone senza naso e con volto piatto.
  • Bevitori di cannuccia, persone che avevano bocca talmente piccola che mangiavano qualsiasi cosa usando una cannuccia, e non potevano mangiare cose puzzolenti, altrimenti morivano all’istante. Vivevano in Paradiso, cioè attorno al fiume Gange.
  • Amicteri o Asociati, creature del fiume Gange, con labbro superiore molto grosso che lo usavano per ripararsi dal Sole.
  • I Panozi, persone che abitavano in Sicilia, con orecchie molto grandi e lunghe,anch’esse usate per ripararsi dal Sole.

  • i Satiri, per metà uomini e metà capra, che abitavano in Etiopia.

  • Gli ippopodi, persone con pidei di cavallo.
  • Ed infine omini bassissimi di statura che combattevano contro le oche.

Per me c’è da fare una vera carta geografica per mostrare dove abitavano questi popoli e far sognare le persone amanti del mistero e della poca conoscenza che avevano a quell’epoca, che adesso sono considerati assurdità, ma un tempo erano considerate delle cose affascinanti da scoprire.

Ancora adesso riescono ad affascinare molte persone,comunque, quando una persona non sa spiegare l’esistenza di creature realmente esistenti, cerca di dare spiegazioni errate e molto affrettate, facendo nascere dei miti e leggende, come io ho scritto qui

Non tutte le creature di popoli mostruosi ho scritto un loro nome, perchè non è mai stata data definizione precisa di tali popoli.

Spero di avervi emozionato e appassionato di queste creature umanoidi,Plinio e Solino non erano riusciti a capire di che animali si trattassero.

Bene amici, con questo è tutto, un saluto dal Gran Mitico.

Commenti Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *