I giganti nudi dell’america del sud

Un saluto a tutti cari amanti del mistero, adesso di volevo parlare di una delle tante leggende di epoca moderna.

Un navigatore londinese del 1700, John Byron, scoprì per caso che in America del Sud che esistevano dei giganti nudi e con la faccia truccata;

  • Giallo ocra sotto gli occhi (questo colore serve per proteggersi dai raggi solari).
  • Un cuore di colore rosso per ogni guancia.

Questi giganti andavano a caccia di animali armati di arco ed erano alti circa 2,7 metri, mentre le donne 2,5 metri.

Quando ritornò a Londra,John Byron,raccontò della sua sensazionale scoperta mostrando i disegni nelle sue cartine geografiche, dato che era pure un cartografo, suscitando molto interesse alla gente del 1700, che diede il nome a quel luogo dell’America Latina, chiamandolo Patagonia, che vuol dire grande piede o grande scarpa.

Ecco da dove proviene il nome Patagonia.

Da pensare che dei resti fossili, confermano che nell’antichità sono esistiti realmente creature molto più grandi di oggi.

I giganti hanno sempre suscitato molto interesse, pure nella cultura contemporanea ed anche nei miti greci e romani si parlava di titani sconfitti dagli dei così come nei miti norreni, che si narra di quando Odino ha sconfitto i giganti di brina ed i giganti di fuoco.

Queste erano solo delle leggende.

Pure nel libro della Genesi, Antico Testamento, vengono citati i giganti, creati dall’unione dei figli del cielo con le donne terrestri.

Prendete tutto quello che vi ho appena detto come teorie o favole moderne, ma sappiate che ad ogni leggenda metropolitana c’è sempre un briciolo di verità.

Con questo è tutto, un saluto dal Gran Mitico/Luigi Sauro.

Commenti Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi